"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

I muri non sono tutti uguali per la sinistra mondialista, quelli in Israele sotto silenzio

L’Austria si è decisa: il governo austriaco vuole blindare il confine al Brennero per scongiurare l’invasione africana che arriva dalll’Italia ma Renzi  ed Alfano non ci stanno e minacciano  di richiedere sanzioni alla UE contro l’Austria.
Contro il  piano austriaco arriva l’altolà del presidente del consiglio italiano: “L’ipotesi di chiudere il Brennero è sfacciatamente contro le regole europee, oltre che contro la storia, contro la logica e contro il futuro”, scrive nella sua newsletter Enews, Matteo Renzi.

Il “fiorentino” e’ intimamente convinto di avere la Storia dalla sua parte, come tutti i mondialisti, sicuri che il processo di costruzione di una società’ multiculturale e cosmopolita sia ormai inarrestabile, un destino manifesto per i paesi europei in quanto deciso dalle centrali di potere che si trovano a Washington, stabilito dall’ONU, dal FMI, appoggiato  dalla UE e sostenuto anche da Papa Francesco.

Il premier italiano è un acceso sostenitore della migrazione di massa libera e non è nuovo nel criticare i muri che sorgono in Europa, aveva fatto le  stesse critiche in occasione della realizzazione del muro in Ungheria voluto dal Governo di Viktor Orban ed aveva detto: “—- Contro tutto questo (il controllo dell’immigrazione ), contro l’Europa dei muri, in particolare contro l’idea che alcuni Paesi possano avere accesso ai fondi europei per affrontare la storica emergenza migranti senza che questo corrisponda ad un impegno nell’accoglienza e nelle redistribuzione dei profughi”.  Contro le “resistenze” di alcune nazioni dell’est Europa,  si  era già’ schierato  Renzi, seguito a ruota dalla Boldrini, la presidenta della Camera  che aveva dichiarato : “No all’Europa dei muri, no agli  spacciatori di paura”,   (…….) “Nessun muro, né quelli d’acqua del Canale di Sicilia e dell’Egeo, né quelli di filo spinato tra Grecia e Macedonia e tra Ungheria e Serbia, può infatti impedire -aveva aggiunto – a donne e uomini che lasciano contesti di guerra e regimi dittatoriali di conquistare un diritto al quale nessuno di noi sarebbe disposto a rinunciare: il diritto a vivere in pace e sicurezza”.

Tuttavia nella critica “contro tutti i muri”  si  nota una strana omissione:  nessun accenno mai ai muri in Israele. Gli esponenti  della sinistra mondialista  dimostrano la loro evidente  incoerenza, visto che indirizzano le loro grida di indignazione  all’Ungheria, all’Austria ma non osano balbettare la minima obiezione alla costruzione del nuovo muro  che Israele  sta realizzando sul confine giordano, che andrà a congiungersi con quello già presente sul Golan (occupato) e che s’integrerà con tutto quell’orwelliano sistema di muri, reticolati e check point in Cisgiordania che i filo-palestinesi hanno definito, correttamente, “muro dell’apartheid”. Non solo questo ma da ultimo il Governo di Netanyahu ha comunicato anche la sua intenzione di costruire un muro al confine con il Libano per evitare le “infiltrazioni degli Hezbollah”.  Strano che Renzi non ne abbia parlato nel corso della sua visita in Israele.

Muro di Israele in Cisgiordania
Muro di Israele in Cisgiordania

Tuttavia quel muro, quello edificato da Israele,  per le cancellerie europee dalla lacrima a comando, è una  semplice “barriera di separazione”: “Israele” ha il “diritto di  difendersi”, gli ungheresi, gli austiaci, gli slovacchi, i ceki no, non  devono avere questo diritto e devono accettare come “risorse” le decine o centinaia di migliaia di migranti e profughi che si stanno  riversando in Europa sotto l’accorta regia delle centrali di potere mondialista che favoriscono il traffico.

L’ Italia con il suo governo, è la più  la più’ lesta  mell’ obbedire alle direttive e non si limita  ad accogliere ma invia le navi della Marina   a cercare i migranti sotto le coste africane della Libia per trasferirli sul territorio italiano e sistemarli in Hotel a 3 e 4 stelle, con pasti assicurati,  TV, Wi F incluse,  schede telefoniche, sigarette e qualche euro per le piccole spese quotidiane. Un trattamento invidiato dai tanti italiani in difficoltà’ economiche e senza alcuna assistenza ma di quelli il governo non si cura, non entrano nel business delle cooperative e non sono inclusi nei piani di assistenza della UE.

Anche il noto intellettuale, guru della sinistra mondialista,  Roberto Saviano, ha detto la sua ed ha affermato che   ” i migranti sarebbero, secondo lui,  una risorsa per il Sud d’Italia, loro possono compensare  l’esodo dei giovani italiani dalle regioni meridionali,  Saviano vorrebbe rimpiazzarli con la gente che arriva a bordo dei barconi, così che alle terre del Sud sarebbe riservato un destino  da immenso campo profughi, anzi “il sud Italia potrebbe ripartire, se si riempie di migranti” , secondo Saviano . Mano d’opera a basso costo per le multinazionali, quale migliore occasione. Vedi: Saviano Il sud Italia può ripartire se si riempie di migranti

Lo aveva detto anche la Boldrini in Sicilia: “è un bene che ne vengano tanti, saranno utili a sopperire alla carenza di nuovi nati e potranno pagare anche le pensioni degli italiani”.  Queste “nobili” parole, delle Boldrini, di Saviano e degli altri,  oltre a agli appelli del Papa, a quelli degli oligarchi  della UE, senza dimenticare  gli appelli  di Obama, non hanno però convinto tutti.  Gli austriaci, come gli ungheresi e gli slovacchi, sono in allarme: la prospettiva di essere africanizzati ed islamizzati  dal flusso inarrestabile che arriva dall’Italia non è’ considerata una prospettiva esaltante e ne vedono i pericoli, non si vogliono convincere dei vantaggi.

Gli austriaci e gli ungheresi in particolare non sono interessati a farsi pagare le pensioni dagli africani,  non piace loro la prospettiva di farsi ripopolare le loro vallate dai  migranti, loro vogliono mantenere le loro identità’ nazionali e rifiutano di farsi sommergere dall’ondata migratoria. La vecchia Mitteleuropa vuole mantenere la sua cultura e tradizione. Che strano.

L. Lago

*

code

  1. mimmo 9 mesi fa

    resta il fatto che in Italia non c’è una percentuale accettabile di italiani che smuova il culo dalla poltrona,
    ovvero il cervello dall’impasto soporifero in cui deboscia comodamente,
    per cercare di capire quello che succede(come dire…finchè la barca va…).
    Alla fine, meglio lasciare l’Italia ai futuri “italiani” che sicuramente avranno più affetto per questa terra, una volta “liberata”.
    Un giorno ci sarà un nero o magari un giallo, o chissà che altro vorrà la provvidenza, al posto dei Renzi,Boldrini
    e compagnia bruttissima che pensano di diventare i padroni di questi improbabili schiavi del nuovo secolo italiano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 9 mesi fa

      La cosa più comica sono gli alibi piagnucolosi degli italiotelli per il fatto che il tiraschiaffi che si ritrovano a premier non è stato da loro “eletto”, bensì a loro “imposto” senza “consultazione democratica”. Ma allora perché non fan nulla per sloggiarlo? Vi immaginate chi avrebbero “eletto”, fossero stati “chiamati alle urne”? Forse Fantozzi?
      – Che non-popolo di pura cacca! Mi piacerebbe veder l’Italietta siliconata in tutte le sue frontiere finché milioni di “migranti”, espandendosi come poliuretano, soffocassero una buona volta tutti gli autoctoni. Fusse che fusse la-v-volta-b-bona! – Grazie al tiraschiaffi e alla “boccuccia di rosa” ci sono ottime speranze. Suvvia, state sereni, italiotelli!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alessandro 9 mesi fa

        Non preoccuparti, per annientare l’italietta a breve ci penseranno Tu-160, SS-25, SS-27

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nessuno 9 mesi fa

    Salve
    a parte le solite frignate e i soliti scritti sull’ immigrazione il punto saliente
    di questo articolo è secondo me “il muro di(in) israele”come giustamente fatto
    notare, nessuno, ma nessuno ne parla. Tariq Aziz aveva detto: ci sono due
    pesi e due misure, io dico: ci sono due pesi e due misure e in più gli ameri-cani.
    Marco da Lago

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mimmo 9 mesi fa

      anche quello…ci si stanca a ripetere le stesse cose.Ormai si è capito come gira la giostra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pansa 9 mesi fa

    Non rimane che trasferirsi in Austria ( felix)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Vittoriano 9 mesi fa

    IL BALUARDO

    ( Quando l’ Europa era ancora cristiana … quando La Chiesa difendeva l’ Uomo…)

    <>.

    ( Fonte : Card. Alfredo Ottaviani, IL BALUARDO, Edizioni Ares , Capitolo 25: Veglia Maria sulla Chiesa )

    baluardo
    ba•lu•àr•do/
    sostantivo maschile
    1.
    Fortificazione composta da terrapieni e strutture di sostegno, su pianta poligonale;com., bastione, che ne è l’elemento caratteristico.

    2.
    estens. e fig.
    Mezzo di valida difesa, roccaforte.
    “le Alpi sono il b. dell’Italia”

    Baluardo – Wikipedia
    https://it.wikipedia.org/wiki/Baluardo
    Il baluardo, detto anche bastione, è un elemento difensivo caratteristico della
    fortificazione alla moderna, sistema difensivo elaborato a partire dal XV secolo-XVI …

    … de “IL BALUARDO”, illuminanti,
    – nel merito della questione –
    sono anche
    il secondo capitolo, intitolato :

    LA CHIESA DIFENDE L’ UOMO

    ed il terzo capitolo intitolato :

    CHIESA E ANTICHIESA

    Rispondi Mi piace Non mi piace