"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

I membri del Congresso USA approvano l’invio di armi alla giunta golpista di Kiev, ad un anno dal massacro di Odessa

Un comitato del Congresso statunitense ha approvato l’assegnazione di 200 milioni di dollari per la fornitura di armi letali all’Ucraina, tra le altre finalità,per la lotta contro le forze di autodifesa dell’est del paese.

L’iniziativa è parte del progetto del bilancio della Difesa per il 2016 per il valore di 612.000 milioni di dollari, appoggiato da 60 componenti (2 hanno votato contro) del Comitato di Servizi Armati della Camera dei Rappresentanti.

Il documento include l’addestramento, le armi difensive letali, l’appoggio logistico, l’equipaggiamento ed altre misure di aiuto alle forze di sicurezza dell’Ucraina.


L’obiettivo è quello di aiutare Kiev a “proteggere il popolo ucraino dagli attacchi dei separatisti” appoggiati dalla Russia così come “assicurare il proprio territorio sovrano contro gli aggressori stranieri”.

Mosca ha dichiarato in ripetute occasioni che non forma parte del conflitto e che non partecipa negli eventi interni dell’Ucraina, che soltanto è interessata nella rapida soluzione della crisi politica ed economica del paese vicino.

Protesta anti- USA in Ucraina silenziata dalla mafia mediatica

Centinaia di ucraini si sono radunati il mercoledì di fronte all’ambasciata degli Stati Uniti a Kiev, capitale dell’Ucraina, per esprimere il suo rifiuto all’ingerenza di Washington nelle questioni interne del suo paese, hanno annunciato le fonti locali.
Almeno 400 persone hanno assistito alla manifestazioni dove lanciavano in coro slogans contro gli USA e di condanna delle politiche della Casa Bianca nella crisi ucraina, tra quelle l’incarico a degli stranieri nei posti direttivi del governo di Kiev.
Nel suo criterio, queste politiche hanno provocato più violenza nell’est del paese europeo, dove la situazione della vita per la popolazione si considera intollerabile.

I manifestanti hanno anche incendiato le immagini del segretario di Stato statunitense, John Kerry, così come della segreteria di Stato aggiunta per l’Europa e l’Eurasia degli USA, Victoria Nuland.
La mobilitazione è sfociata in scontri con gli agenti di sicurezza e, come conseguenza, 20 persone sono state arrestate e trasferiti nei centri della polizia.
Allo stesso modo i manifestanti hanno censurato lo spiegamento di un contingente di 300 paracadutisti statunitensi in Ucraina ed hanno qualificato la misura di Washington che risulta contraddittoria tanto nelle norme internazionali come in quelle del blocco militare ucraino.

In Ucraina c’è un governo della CIA

Negli ultimi giorni sono stati assassinati a Kiev i giornalisti Serhiy Suhakov, Oleg Buzina ed l’ex deputato oppositore Oleg Kalashnikov. Nello stesso tempo la 173 brigata aerotrasportata degli USA è atterrato in Ucraina. Il suo compito sarà quello di addestrare i reparti dell’esercito ucraino.

Questo risulta un buon momento per analizzare la lista dei funzionari stranieri  pro americani  inseriti negli organismi di potere ucraini, un fatto che dimostra come il governo di Poroshenko sia totalmente subordinato a Washington.

Mijail Saakashvili, ex Presidente della Georgia, è stato nominato  consigliere per le riforme a Kiev. La Giorgia chiede la sua estradizione per malversazione di fondi ed abuso di potere. (………)
L’altro giorgiano famoso, Aleksandr kvittashvili, è stato nominato Ministro della Sanità, come lo era stato in Georgia. Gia Getsadze è il Viceministro della Giustizia, come lo era in Georgia con Saakashvili. (……)

A questi si sommano l’americana di origine ucraina Natalia Yaresko, Ministra delle Finanze ed ex funzionaria dell’ Ambasciata statunitense a Kiev, ed il lituano Aivaras Abromavicius, nuovo Ministro dell’economia. Poroshenko ha concesso la cittadinanza ucraina ai tre ministri stranieri poche ore prima della loro nomina, per non violare la legge ucraina.

Fonte: El Espia Digital

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code