"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

I collegamenti dell’Arabia Saudita con il peggiore terrorismo mondiale

di Juanlu González

L’ONU ha accusato di recente l’Arabia Saudita di aver assassinato più di 500 bambini e di averne ferito 667 nella guerra di aggressione contro lo Yemen che è i niziata nel 2015.
Da  parte sua, il Fondo ONU per l’Infanzia, UNICEF, ha denunciato che gli attacchi militari uccidono o feriscono per lo meno 6 bambini ogni giorno in quello che è il paese più povero del Medio Oriente, lo Yemen. E non si tratta di imperdonabili errori nè di danni collaterali attribuibili ad ogni guerra; si dispone di prove costanti di mezzo centinaio di bombardamenti fatti sulle scuole in poco più di un anno , per quanto il Centro Yemenita dei Diritti Umani lo quantifica in circa un migliaio di centri educativi distrutti. Il Ministero della Saute dello Yemen contabilizza oltre 7.000 morti ed un totale di 40.000 vittime in questa guerra dimenticata dal mondo e dai media occidentali.

La maggior parte di questi attacchi si realizzano con gli aerei da guerra ma neppure si possono trascurare i bombardamenti fatti dalle navi militari che si utilizzano per appoggiare  le incursioni aeree, a volte per mantenere un durissimo blocco navale che ha anche osato impedire l’arrivo di aiuti umanitari dell’ONU alla impoverita società civile yemenita. Secondo i dati dell’unica ONGeuropea, una organizzazione spagnola che opera nel paese, “Solidarios sin Fronteras”, lo Yemen sta attraversando una emergenza umanitaria tanto grave che 21 milioni di abitanti dei 26 che ha il paese dipendono dagli aiuti umanitari per bere, mangiare o avere accesso ai medicinali.

Tuttavia la cosa non finisce lì, la più prestigiosa rivista di geopolitica dell’establishment Foreign Policy, riconosce che Rijad si è alleata on organizzazioni terroristiche nello Yemen per contrarrestare la spinta della organizzazione populista Ansarullah. La pubblicazione afferma che i bombardamenti hanno sempre rispettato le posizioni di Al Qaeda sul terreno, ma le tre fonti regionali abbondano  nel riferire che la cooperazione va molto più in là,  mediante la fornituira di armi e di veicoli ed incluso addestramento dei terroristi.
E’ noto che il supporto ideologico e religioso dei Al Qaeda e dell’ISI si basa sulla corrente fondamentalista saudita conosciuta come wahabismo. Tanto è così che, fino a che l’ISIS non ha stampato i propri libri per le scuole coraniche che controllava in Siria ed in Iraq, aveva utilizzato i libri di testo ufficiali dell’Arabia Saudita. Sono molti quelli che pensano che la maggiore conquista dello Stato Islamico non è stata Raqqa o Mosul, ma piuttosto l’Arabia Saudita.

Potremmo seguire all’infinito riferendo dei collegamenti di Rijad con il peggio del terrorismo mondiale. In certe occasioni, come nel caso dell’Afghanistan, è stato lo stesso ministero dell’Interno che ha riconosciuto – niente meno che la BBC – che il sistema finanziario saudita è stato profusamente utilizzato per finanziare Al Qaeda. Senza il finanziamento ai gruppi terroristi che operano in Siria, da tempo che la guerra sarebbe terminata e si sarebbe impedito il flusso di rifugiati verso l’Europa. Distanziatisi pubblicamente dall’ISIS, gli sforzi ufficiali di Rijad si sono focalizzati su Al Qaeda e sui suoi alleati, i gruppi Ahrar al Sham e Yaish al Islam, anche questi fondamentalisti e abituati alle esecuzioni sommarie ed ai massacri di civili alle loro spalle.

Neppure  nella politica interna  la cosa migliora, Tutti sanno che l’Arabia Saudita è uno dei paesi più retrogradi del mondo. Senza libertà di espressione, senza diritti civili elementari, nè libertà politiche, dove si considera la donna poco più che un animale e dove gli intellettuali nazionali ancora discutono se la donna ha un anima, come viene attribuita agli uomini.

In Arabia Saudita puoi marcire in un carcere per aver pubblicato un blog, ti possono letteralmente tagliare la testa per aver assistito ad una manifeerstazione pacifica, possono lapidare a pietrate una donna, semplicemente per aver guardato il telefono mobile  del suo marito, possono comprarsi bambine siriane rapite dai terorristi o si svolgono sub aste pubbliche di futuri terroristi suicidi o feste per recuperare denaro per le loro famiglie.

La maggiorparte delle ONG internazionali, ancora le più proclivi al regime stabilito, chiedono insistemtemente l’embargo di armi contro Rijad, senza dubbio una delle maggiori minace per la pace e la stabilità mondiale. Non si può sentire niente altro che vergogna quando eminenti membri dei Partiti Europei, prendono le difese dei contratti di fornitura di navi da guerra o di bombe all’Arabia Saudita per dare lavoro alle maestranze europee. In qusto caso non si tratta di vendere lattughe ad un paese scarso di prodotti ortofrutticoli; neppure di modernizzare le infrastrutture di trasporto ferroviario tra le sabbie del deserto. Si tratta di vendere armi ad un paese che le sta utilizzando in questi stessi giorni per massacrare bambini e civili disarmati, un paese che ha invaso due nazioni, considerando anche il Bahrein – e che si trova coinvolto in altre guerre in cui addestra e finanzia gruppi terroristi perchè facciano il loro sinistro lavoro.

Si forniscono armi ad un paese che non rispetta i diritti umani , che invade i suoi vicini e che finanzia il terrorismo nel mondo, per i molti miliardi di petroldollari che tenga, questo paese non può essere oggetto di trasferimenti di tecnolgia militare di alcun tipo. Quelli che lo stanno difendendo (Obama, Canmeron, Hollande, Renzi) sono complici dei massacri attuali e futuri dell’Arabia Saudita e dello Stato Islamico. Un embargo effettivo delle armi sarebbe il miglior modo di fermare le guerre in cui si trova coinvolta e responsabile la Monarchia Wahabita e di lanciare un messagio inequivocabile sull’impegno di voler sdradicare qualsiasi tipo di terrorismo nella regione.

Non serve e non è moralmente accettabile mantenere tutto questo per alcuni posti di lavoro nelle industrie degli armamenti. Che potrebbero dire ai lavoratori europei di Cagliari o della Navarra le famiglie degli assassinatri da parte dell’Arabia Saudita? Che dovevano forse salvaguardarsi il posto di lavoro mandando armi per uccidere altre persone innocenti? Naturalmente la responsabilità non deve essere assunta dalla parte più debole dell’equazione.

Ovviamente questo compito spetta ai governi europei di trovare lavoro per gli operai delle fabbriche d’armi ma che questo non contravvenga alle elementari norme del diritto internazionale e del senso comune. Non si può ammettere il ricatto dei posti di lavoro in cambio del traffico di armi per dare la morte a persone innocenti. Purtroppo assistiamo al comportamento ipocrita dei Governi europei che, a prescindere dai partiti di destra o sinistra che governino, mantengono alleanze tanto esecrabili con certi regimi come quello saudita mentre si riempiono la bocca di tutele adei “diritti umani”, di democrazia e di altri concetti utilizzati per una falsa propaganda.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione:  Manuel De Silva

*

code