"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Hezbollah, strada per Gerusalemme passa da Aleppo

Hezbollah mezzi corazzati

Domenica Hezbollah ha celebrato “Il Giorno dei Martiri” a Qusayr, in Siria, con una imponente parata che ha messo in mostra numerosi mezzi pesanti (anche carri M-60).

I significati della manifestazione, che solitamente viene svolta a Beirut, sono precisi e costituiscono messaggi mandati a tutta la regione e, in particolare, ad Israele: 1) Hezbollah non è un semplice movimento di guerriglia, ma ha uomini e mezzi per condurre operazioni militari complesse di lunga durata; 2) La sua presenza in Siria non è contingente, ma è considerata stabile e strategica; 3) Hezbollah combatte in Siria per difendere l’intera Regione dai takfiri e dal disegno destabilizzatore che vi è dietro.

In buona sostanza, per il Partito di Dio la strada per la liberazione di Gerusalemme passa per Aleppo, e per la sconfitta della strategia portata avanti da Stati Uniti, Golfo ed altri attori regionali volta a destabilizzare Siria ed Iraq. È in questa ottica che acquista un significato preciso il pesante tributo di sangue pagato dai martiri di Hezbollah caduti in quella guerra.

La scelta di Qusayr è anch’essa significativa; nel 2013 Hezbollah intervenne contribuendo in maniera decisiva a cambiare le sorti di un conflitto che sembravano segnate. La battaglia che si svolse al confine con la Valle della Beqa’a spazzò via i takfiri che stavano spezzando in due la Siria e minacciavano di traboccare in Libano.

Hezbollah in parata
Hezbollah in parata

Con la parata che vi ha svolto, Hezbollah fa comprendere a tutti che non è una milizia al servizio di qualcuno, tutt’altro: è un attore regionale di primo livello con un’agenda propria, che è quella della Resistenza; ovvero, che il suo fine è la sconfitta delle forze che hanno oppresso il Medio Oriente, e in particolare la Palestina. La battaglia che Hezbollah conduce in Siria è contro di esse, ed è una fase irrinunciabile della loro sconfitta.

Aleppo è insomma sulla via di Gerusalemme; Israele lo sa bene ed è per questo inquieta, perché la sconfitta dei takfiri (e dei manovratori che vi stanno dietro) è il preludio della resa dei conti con l’entità sionista. Finalmente.

Fonte: Il Faro sul Mondo

 

*

code

  1. Mardunolbo 2 settimane fa

    Fosse così ! Ma l’entità sionista tiene per il collo e le palle gli Usa ed i suoi presidenti che cederanno sempre di fronte alle pretese egemoniche di Israele.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nessuno 2 settimane fa

    mi piace quel “finalmente” finale…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. michy 2 settimane fa

    tutti gli imperi,siano stati grandi o piccoli,hanno un inizio,un’apice,la discesa e il collasso,la storia insegna…..più grande è un impero più fragorosa è la caduta.
    usa,israele ed europa non fanno eccezione.
    sta arrivando sempre più veloce l’ora della russia con l’oriente……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. michy 2 settimane fa

    e purtroppo l’europa a bordo del titanic suona l’orchestra mentre i passeggeri…..ballano ignari (forse) del tragico destino a loro riservato!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace