"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Hezbollah: Israele sotto tiro dei nostri missili in una futura guerra

Nessuna parte delle terre occupate (da Israele) sarà immune ai missili della Resistenza islamica libanese  in qualsiasi futuro conflitto.
Cosi’ il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, citato dall’IRIB. L’ha detto oggi/ giovedì, durante un discorso pronunciato per commemorare Mustafa Amine Badreddine, comandante in capo di Hezbollah nella guerra ai gruppi terroristi Takfiri sponsorizzati da Usa e loro alleati, in Siria, caduto martire in un’esplosione avvenuta lo scorso 13 maggio vicino all’aeroporto di Damasco. Onorando la memoria del martire combattente, Nasrallah ha tenuto a precisare che Israele sa che qualsiasi futura guerra sara’ combattuta all’interno della Palestina occupata.

Nasrallah ha indicato che Israele sarà sconfitto in qualsiasi confronto militare con i combattenti di Hezbollah.
Il leader di Hezbollah ha aggiunto che i combattenti della resistenza libanese hanno assolto il compito di fornire sicurezza alla zona di frontiera con la Siria ed hanno smantellato le postazioni dei terroristi nella regione.
Nasrallah ha sottolineato che sono stati fatti enormi sacrifici per difendere tutti gli ambiti della nazione indipendentemente dal loro sfondo religioso. Inoltre il leader di Hezbollah ha disprezzato le accuse circa il presunto cambiamento demografico che Hezbollah starebbe cercando nella vicina Siria, evidenziando che i gruppi terroristi takfiri, appoggiati dagli USA, dalla Turchia e da Arabia Saudita, stanno loro obbligando questi cambiamenti nelle città siriane.

Hezbollah in Libano

In altra parte del suo discorso, Nasrallah ha segnalato la misura presa da Israele per construire muri e fortificazioni lungo le sue frontiere con il Libano e nella assediata striscia di Gaza, dichiarando che costruire muri lungo le frontiere è l’ammissione del fallimento del piano maggiore di Israele. Israele si nasconde dietro i muri in Libano ed a Gaza dimostrando la sua debolezza, prendendo nota che i combattenti della resistenza hanno convinto Israele che non c’è posto per i sionisti nel Libano.

Il capo di Hezbollah ha sottolineato anche che il movimento di resistenza libanese deve continuare a cooperare con l’Esercito siriano nella lotta contro i gruppi terroristi. Nasrallah ha messo in rilievo che non esiste disaccordo tra Hezbollah, l’Iran e la Russia circa l’applicazione della tregua in Siria, un paese devastato per la guerra.
La cessazione del fuoco era stata negoziata nello scorso dicembre fra il governo siriano ed i miliziani con la Russia, la Turchia e l’Iran come garanti.
Nella successiva tregua, i tre Stati hanno trattato varie fasi di negoziati di pace tra i gruppi del governo e della opposizione siriana ad Astana, Kazakistan, dall’Inizio del 2017.

Fonte: Press Tv

*

code

  1. Giorgio 2 mesi fa

    Le azioni non si annunciano, si attuano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mimmo 2 mesi fa

      esattamente come fanno Trump e Netanyahu, no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 2 mesi fa

        Non solo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace