"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

“Gloria ad Allah!” Riportano gli Autobus a Londra

Quello che si paventava è iniziato ad accadere: non appena i londinesi hanno eletto un sindaco mussulmano, immediatamente è partito un programma di promozione dell’Islam, così come ci si è posti interrogativi circa la libertà di movimento “concessa” alle donne mussulmane.

Vediamo per prima cosa la promozione dell’Islam.

Con il pretesto della campagna umanitaria a favore dei rifugiati siriani, il giorno seguente alla elelezione di Sadq Khan, l’associazione Islamica “Relief”, una ONG di aiuti internazionali, va a collocare nelle fiancate laterali di 640 autobus londinesi un enorme cartello che riporta con in lettere cubitali “Subhan Allah”. In cristiano: “Gloria ad Allah”. Questa pubblicità ostentata durerà alcuni mesi, in pratica fino a tutto il ramadan.

Proselitismo islamico avete forse inteso? No, di certo, ascoltate  per favore. la Società “Transport for London” giura e spergiura che non c’è in questo il minore accenno religioso. Lo stesso pretende il presidente in persona dell’ Islamic Relief, Imran Madden, il quale afferma che si tratta soltanto di “modificare il clima esistente intorno alla società mussulmana in Gran Bretagna, così come di reagire davanti alla negativa percezione che si percepisce di cosa sia l’aiuto internazionale” , al tempo stesso in cui si segnala l’incredibile generosità di tale comunità, la quale, durante il ramadan arriva a consegnare 126 milioni di euro in aiuti ai poveri (di tutto il mondo), attraverso organismi di beneficienza. Qualcuno si domanda da dove arrrivano questi soldi ed a chi siano destinati.

Ci saranno autobus islamizzati a Londra  ma non soltanto lì. Manchester, Leicester, Birmingham, Bradford non rimarranno indietro. Quando si sa che il padre del nuovo sindaco di Londra era autista di autobus, la cosa acquista “particolare risonanza”, come scrive “The Independent”. E non sono le rivelazioni del giornale digitale canadese Point di accomodamento, quelle che tranquillizzano alcuni. In effetti, alla ONG “Islamic Relief” , la Banca Svizzera UBS  aveva chiuso da poco tempo i loro conti per causa di loro legami con strutture terroristiche, così come per l’affinità del presidente della sua giunta Direttiva con i F.lli Mussulmani.

Sadiq Khan sindaco di Londra
Sadiq Khan sindaco di Londra

Vediamo adesso il tema della libertà di movimento della donna mussulmana. Gli inglesi sono rimasti stupefatti lo scorso 8 di Maggio, giorno in cui era stato eletto Sadq Khan. Edward Stourton, nella sua trasmissione dell BBC Radio 4, dedicata all’etica ed alle questioni religiose, formulava ai suoi ascoltatori questa incredibile domanda: “Si deve autorizzare le donne mussulmane a spostarsi a più di 90 Km. dal loro domicilio senza contare con la protezione di un uomo? Tale e quale, nè di più nè di meno.

Si possono ascoltare i commenti del pubblico femminile inglese, non esattamente entusiasta rel ruolo assegnato alla donna nella comunità islamica.

Quali progressi nel XXI secolo si sono raggiunti sullo status inferiore delle donne.  Questo accade mentre tutti i media sono pieni di lodi per il nuovo sindaco mussulmano, come esempio di società multiculturale.
Da ultimo si commenta come un cambiamento sia avvenuto  nell’elezione di un mussulmano a sindaco di Londra. Da molto tempo i leaders inglesi stanno praticando una politica pro immigrazionista e comunitarista, da questa ci si domanda se si verificherà un cambiamento con un progresso o con un regresso della  civiltà?

Fonte: Boulevard Voltaire

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Ares 1 anno fa

    Mi gioco le palle se questo ha vinto le elezioni, è stato messo apposta l’occidente ha perso la sua identità. Ne vedremo delle belle

    Rispondi Mi piace Non mi piace