"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Gli USA hanno trovato la causa dei guai in Medio Oriente

Al Faw Palace Ceremony

di Natalja Kovalenko

I partecipanti alla coalizione internazionale per la lotta contro l’organizzazione Stato Islamico stanno cercando i colpevoli di una diffusione così veloce delle idee oltranziste in Medio Oriente.

Il vice-presidente degli USA Joe Biden, intervenendo all’Università di Harvard, ha accusato la Turchia, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti di aver sponsorizzato gli islamisti in Siria e in Iraq. Poi però si è scusato, smentendo se stesso.

Washington è alla vigilia di una lunga e difficile guerra. Ne ha avvisato il vice-presidente degli USA Joe Biden le persone riunite a Harvard per sentire il suo intervento. Ha chiarito poi che sono stati gli alleati mediorientali a creare queste difficoltà agli USA: Turchia, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. Ci tenevano così tanto a esautorare il presidente della Siria Bashar al-Assad da inviare centinaia di milioni di dollari e decine di tonnellate delle armi a chiunque era disposto a combattere le truppe siriane governative, ha accentuato Biden. Raccontando perfino un passaggio di un colloquio con il leader turco Recep Tayyip Erdoğan che ha espresso un rammarico che la Turchia faceva attraversare il suo confine troppi guerriglieri che in seguito si sono uniti a ISIS.

Instructores norteamericanos

Poi certamente Joseph Biden si è scusato con Ankara e Abu-Dhabi. Dicendo che intendeva dire ben altra cosa e non accusa per niente gli alleati di favoreggiamento al terrorismo. Le parole però, diffuse da migliaia dei mass media e in rete, hanno un impatto di gran lunga maggiore rispetto alle scuse per telefono. Soprattutto sul pubblico interno.

Proprio su questo contava l’amministrazione della Casa Bianca. Sarebbe ingenuo pensare che un politico altolocato con così tanta esperienza accumulata come il vice-presidente degli USA Joseph Biden potesse lasciarsi sfuggire qualcosa senza frenarsi. Ciascuna sua parola pronunciata a Harvard è stata meticolosamente calcolata perseguendo uno scopo specifico, respingere le accuse mosse contro il governo americano di aver sponsorizzato islamisti oltranzisti, fa notare il politologo Leonid Isaev:
Noi ricordiamo la seduta del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e la riunione dell’Assemblea Generale dell’ONU alle quali sia i paesi mediorientali sia i paesi latinoamericani hanno posto la domanda: chi e a quale scopo aveva finanziato in passato ISIS? E per respingere queste domande a esso rivolte la leadership americana deve giustificarsi e reindirizzare le accuse contro i suoi partner.

Per fare ciò non c’è bisogno di inventare qualcosa: bisogna semplicemente dire la verità. La cosa principale è di scegliere il momento giusto e porre correttamente gli accenti, fa notare Adjar Kurtov, esperto dell’Istituto Russo degli Studi Strategici:
Gli USA, avendo una rete ramificata delle rappresentanze diplomatiche, dell’intelligence e delle organizzazioni non-governative dove, in sostanza, pure opera il personale dell’intelligence, sono ben informati di ciò che stanno facendo i loro alleati. Perciò questa filippica, rivolta sul contro degli stati arabi e contro la Turchia ha come obiettivo primario sminuire gli errori commessi dagli stessi USA. Poiché anche gli USA hanno fornito armi e soldi all’opposizione siriana.

Nelle condizioni della guerra civile invece nessuno controllava questi flussi. Questi mezzi arrivavano alle unità combattenti che potevano cambiare gli schieramenti. Perciò gli USA sono altrettanto colpevoli, alla pari della Turchia e degli Emirati Arabi Uniti.
Quando i colpevoli invece sono tanti allora è impossibile chiamare a rispondere qualcuno. Tanto più che la Turchia e gli Emirati Arabi Uniti in un primo momento si sono offesi, ma poi subito hanno perdonato. Non è il momento per offendersi quando i guerriglieri dell’ISIS avanzano su tutti i fronti.

Fonte: Italian.ruvr,ru

Nella foto in alto: il vice presidente John Biden parla alle truppe USA in Iraq

Nella foto al centro: Istruttori USA in un campo di addestramento per “ribelli” siriani in  in Giordania

*

code

  1. sea 2 anni fa

    Sono decenni ( certamente piu’ di 50 anni) che il regime estremista dell’Arabia “innonda” i paesi islamici di pubblicazioni ( libri, riviste, depliants ecc.) e predicatori che diffondono la loro ‘interpretazione della religione islamica secondo le “tradizioni” che loro stessi hanno autenticato.

    Non c’e’ da stupirsi che questa propaganda abbia avuto come conseguenza la proliferazione di teorie estreme tra la popolazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace