"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Gli Stati Uniti – La nazione più spaventata sulla Terra

di Finian Cunningham

L’America è un paese” eccezionale”E’ questa la nazione più spaventata della Terra, sottoposta  nel corso di decenni   alla propaganda isterica  di avvertimento sui nemici stranieri e sulle ideologie. Nessuna meraviglia quindi che le  sue libertà democratiche  presunte  siano così spaventosamente in cattive condizioni, quando la popolazione preponderante è imprigionata  dai suoi  governanti in una gabbia virtuale di paura.

Paradossalmente, però, la dissonanza della  presunta libertà non potrebbe essere più abissale. Nel corso di una conferenza stampa al Festival di Cannes la settimana scorsa l’attore  americano  George Clooney ha fatto  digressioni dal suo ultimo film per parlare del   concorrente presidenziale repubblicano  Donald Trump.  George Clooney, il quale è ben noto per la sua impronta  liberal, nella politica degli Stati Uniti è un grande sostenitore del candidato democratico Hillary Clinton, ed ha predetto che il  magnate  di  destra Trump non avrebbe vinto l’imminente elezione  presidenziale di novembre.

Clooney ha respinto Trump come una demagogo che semina  paura   e  tensioni di divisione lungo linee razziali e xenofobe. Il che è abbastanza giusto. Quello che  qui interessa non è tanto il punto di vista dell’attore sulla possibilità di successo politico di Trump. Piuttosto interessa la  premessa di Clooney che gli americani non dovrebbero soccombere alla reazionaria diffusione di paura.

Seduti alla conferenza stampa insieme alla  sua  co-protagonista Julia Roberts ed al  regista Jody Foster, Clooney ha detto al suo pubblico di Cannes: «La paura non ha intenzione di guidare il nostro paese … non abbiamo paura di nulla».

Beh, mi dispiace George, ma sei molto errato  su questo punto. La paura è il “driver”  emotivo di primaria importanza nella politica americana almeno dal secondo conflitto mondiale, e probabilmente anche troppo prima  da decenni  .

Contrariamente alle bravate di Clooney, gli americani sono molto, molto impauriti.

Il più grande spauracchio per il pubblico degli Stati Uniti era l’Unione Sovietica, il cui spettro ha dominato la politica americana per quasi 50 anni. Questo spettro è stato evocato di nuovo attraverso la fusione della Russia e il suo presidente Vladimir Putin come intento di una “risurrezione dell’URSS” ( «Resurrecting the URSS»).

E ‘stata la stessa Hillary Clinton – modello  del politico di Clooney – che ha fatto la ridicola affermazione  e storicamente analfabeta di dichiarare  che Putin è il «nuovo Hitler». Molte altre figure politiche di alto livello degli Stati Uniti e mezzi di informazione occidentali  si sono precipitati come un gregge in altrettante uscite per demonizzare il leader russo.

L’idea  indiscussa  di Washington, dal presidente Barack Obama fino  al suo ministro degli esteri John Kerry e da personaggi di spicco del Congresso, oltre ai capi del Pentagono, è che la Russia sia  una minaccia esistenziale per la sicurezza globale.

Il   nuovo   capo militare della  NATO  generale Curtis Scaparrotti ha avvertito che l’alleanza guidata dagli Stati Uniti deve essere pronta  ad entrare in guerra contro la Russia, in qualsiasi momento, a causa della presunta aggressione russa verso l’Europa orientale e gli Stati baltici.

La guerra fredda è stata quindi riabilitata dopo  un quarto di secolo da quando l’Unione Sovietica si è dissolta. Come in passato, la paura è ancora una volta  il fattore che va alimentando la politica americana. Coerentemente, c’è una base oggettiva trascurabile per questo fenomeno di massa. La Russia di oggi non è una minaccia per  gli Stati Uniti o per i  loro alleati della NATO , proprio come l’Unione Sovietica non era una minaccia.

Le affermazioni roboanti circa L’«annessione» russa    e l’«invasione» dell’ Ucraina sono di fatto tenui, spurie o prive di senso. Le affermazioni non reggono ad un esame. Ma non è certo questo il punto.  Il punto è che la falsa narrazione – propaganda – di presunta malvagità russa viene amplificata  e ripetuta  più e più volte nei media occidentali «indipendenti», non dissimile la tecnica Grande della Bugia dello ” spinmeister” nazista Josef Goebbels.

Gli Stati Uniti e gli alleati occidentali, con l’aiuto dei mezzi di informazione flessibili, a tutti gli effetti sono in grado di costruire la propria falsa «realtà» . E non è la realtà oggettiva. Si tratta di una soggettiva, delirante «realtà» quella  in cui le nazioni occidentali sono ritratte come sul punto di  essere sotto la minaccia di uno stalking, di una aggressione nemica  sotto forma di una minaccia della Russia.

La paura è una leva potente per il controllo delle popolazioni, come l’autore inglese, George Orwell, acutamente percepiva. Prendi il pubblico quando  è  portato a temere per la propria vita ed a avere paura  di un nemico esterno, vedrai che questa gente  sarà  più facilmente manipolata  ad accettare l’autorità, non importa quanto draconiana e illegittima  che l’autorità sia. La paura è la chiave per cedere i diritti democratici e sottomettersi in una  gabbia.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, nel 1945, l’Occidente aveva avuto bisogno subito della guerra fredda con l’Unione Sovietica come di un baluardo contro lo sviluppo democratico progressivo all’interno dei propri paesi. Lo scrittore americano David Talbot nel suo libro, “Devil’s Chessboard”, descrive chiaramente come Wall Street, il Pentagono e i politici ideologicamente inclinati sono stati in grado di costruire il mostruoso complesso militare-industriale e il suo consumo gigantesco di risorse economiche per l’arricchimento di una classe dirigente d’elite – sulla base dell’ angoscia della guerra fredda e della trepidazione circa l'”Impero del male- Unione Sovietica».

Quando ci fu una minoranza di scettici, più  alcuni politici indipendenti ed  intelligenti, autori o artisti che hanno messo in dubbio le affermazioni sulla guerra fredda, questi  furono perentoriamente ostracizzati come «rossi», «traditori» o addirittura assassinati dal complesso militare-industriale, come David Talbot sostiene in modo convincente nel caso di presidente John F Kennedy.

Questa distorsione perversa  e lo spreco di risorse economiche degli Stati Uniti – circa  $ 600.000.000.000 del bilancio militare , anno dopo anno, mettendo in ombra tutti gli altri bisogni sociali – è stata  progettata  proprio sulla base della paura. Il potere militare americano  deve essere supremo e sacrosanto  al fine di «difendere» o «proteggere» interessi vitali  degli Stati Uniti   e quelli dei suoi alleati dalle «minacce esistenziali». Alla Russia  e, in misura minore alla Cina, continua ad essere assegnato il ruolo di minaccia globale.

A tal fine, gli americani sono stati sottoposti ad un programma psicologico implacabile – eufemisticamente definito come «notizie» – negli ultimi sette decenni. Gli europei anche loro. Forse in tutta l’Europa i  media britannici sono l’apparato  più tossico e reazionario quando si tratta di demonizzare la Russia.

La manipolazione della mente dell’opinione pubblica occidentale è palese. Le accuse nei confronti della Russia sono assurde, ma sorprendentemente la manipolazione, fino ad un grado, ottiene successo.

Tuttavia, il dominio attraverso la paura non è così onnipotente come era una volta. Durante la prima guerra fredda, il pubblico occidentale era molto più sensibile  alla raffigurazione della  minaccia del «male» sovietico.

Questo non è più il caso di oggi. I media occidentali sono stati per lungo  tempo screditati  per aver fabbricato menzogne, come ad esempio il pretesto per la guerra di Bush-Blair  in Iraq e su altre operazioni criminali condotte dagli Stati Uniti per le operazioni di cambio di regime , tra cui la Libia, la Siria, l’Iraq e l’Ucraina. Oggi, i cittadini occidentali hanno più accesso alle fonti di informazione alternative, tra cui alcuni media russi e siti web critici di controinformazione internet nel proprio paese. La tecnica della Grande Menzogna (Big Lie) , mentre resta ancora potente, non è più  così efficace come lo era in passato.

Questo nuovo sviluppo storico di  consapevolezza del pubblico si riflette nel crescente  malcontento popolare in tutta Europa nei confronti dei governi che si vedono essere pedissequamente convergenti con la  politica di Washington di aggressione contro la Russia. I cittadini sono indignati  domandandosi  perché venga  fatta  accettare l’austerità economica, mentre le sanzioni USA contro la Russia stanno colpendo il posto di lavoro, le imprese e proventi delle esportazioni. I cittadini sono giustamente furiosi  perchè  gli viene detto non ci sono le risorse finanziarie per i servizi pubblici e le infrastrutture, mentre miliardi di dollari vengono pompati nelle forze della NATO per  provocare incautamente le tensioni con la Russia.

Naturalmente, le anomalie nelle priorità dei governi occidentali per quanto riguarda la soddisfazione dei bisogni pubblici sono ridicole, ingiustificabili  e insostenibili. E l’unico modo con cui i governanti occidentali  possono sostenere  questo   rifiuto assurdo delle realtà democratiche è quello di giocare il fattore paura. Da nessuna parte  il fattore paura si è utilizzato  più che negli Stati Uniti – per ironia della sorte, la nazione che proclama ai quattro venti di essere eccezionale, libera e democratica.

George Clooney farebbe meglio a dedicarsi al grande schermo, dove il suo eroismo ed il suo  valore  possono brillare di più rispetto alla vita reale -. Nella fiction «Il popolo americano non ha paura di nulla», ha affermato nella vita reale. George, con rispetto, il tuo popolo sono la gente  più spaventata  del pianeta; e il sistema di lavaggio del cervello è così efficace, che tu e loro non  siete  nemmeno consapevoli di quello. In effetti, non hanno nemmeno una vaga idea della grezza  manipolazione che stanno subendo.

Finian Cunningham

Titolo originale: “America – the Most Frightened Nation on Earth”

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Vedi anche: “La paura: una possente arma nelle mani dei manipolatori dell’opinione pubblica”

 

*

code

  1. Brasile domenico 1 anno fa

    Ottimo articolo, bisognerebbe divulgarlo in America per sentire le loro risposte. Ma gli americani sono il messia, questo fattore li distruggerà senza capire il perché.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. the Roman 1 anno fa

    Clooney e’ un omosessuale mascherato da playboy,come Obama e Hillary Rodham Clinton ,notoriamente dei pervertiti ,che fingono legami familiari tradizionali. Gli americani sono lobotomizzati dalla propaganda a dal culto delle celebrita’ al pari degli europei. Questo culto e’ un surrogato adulterato del culto della personalita’ ,da sempre fondamento dell’occidente. L’apparire sulla scena politica e conseguentemente mediatica,di un vero capo carismatico come Trump ha risvegliato l’atavico bisogno di ordine dell popoo ,al quale l’establishment risponde mobilitando tutto il suo apparato propagandistico – distorsore. Il degrado morale ,civile ed economico delle nazioni un tempo faro di civilta’e’dovuto unicamente a questa distorsione programmata e perpetrata dai detentori del potere finanziario con il fine dell’asservimento materiale dei popoli all’elte ebraica mondiale. Tale distorsione viene propagandata come il raggiungimento da parte dell’umanita’di un nirvana sensoriale , come la giusta affermazione dei valori universali dell’uguaglianza e della fraternita’. Non e’cosi’. L’uguaglianza dei diritti e’un pretesto per l’imposizione forzata dell’accettazione di pratiche e comportamenti naturalmente aberranti per la stragrande maggioranza delle popolazioni che viene colpita e demoralizzata fino alla piu’totale rassegnazione, l’accoglienza del diverso viene spacciata come un dovere assoluto e inderogabile ,con il reale obbiettivo dello snaturamento e della dissoluzione delle identita’ ,sapientemente celato dietro falsi ideali e incessante propaganda. Putin e’odiato perche’, vero capo carismatico del suo popolo,vero capo della nazione russa,difende la stessa e il suo popolo dall’assalto globalistaHitler fece lo stesso ,e anche di piu’. Con la sapiente regia del direttore della banca centrale tedesca Hjalmar Schackt , un ebreo, sottrasse la Germaniadalle grinfie della finanza ebraica internazionale degli Schiff, Warburg, Rotschild che avevano ridootto la nazione alla fame, cosi’ come ora la Goldman Sachs e lFMI stanno facenndo morire di fame i greci e forse domani gli italiani. Quasi nessuno conosce la vera storia che e’molto diversa da quella che ci viene raccontata. Demonizzare ,impedire le ricerche storiche e fomentare l’imbecillita’generale e’una strategia finora efficace, grazie alla grancassa mediatica che eleva i Clooney, Bono , Madonna etc a moderne infallibili divinita’ che incitani alla dissoluzione sessuale e all’idolatria dell’effimero. I padroni occulti si servono di questattori come dei cowboys che guidano le masse bestializzate nei recinti del politicamente corretto. Si servono di questi disgustosi feticci facendo leva sulla necessita’delle masse di prostrarsi in adorazione , ne hanno fatto una religione . Satanica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace