"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il New York Times definisce “patetica” la difesa di Obama nello scandalo “datagate”

Barak Obama-United States-Politics

NEW YORK – Il New York Times contro la Casa Bianca sulla gestione dello scandalo spionaggio ai danni di molti leader mondiali e delle loro popolazioni, su cui Washington non ha fornito risposte convincenti, ma “un patetico mix di rassicurazioni, di stereotipi sul bisogno di sicurezza e di una bizzarra difesa del presidente, che non sapeva” dei controlli sul telefono del cancelliere tedesco, Angela Merkel.

“E’ davvero meglio per noi credere che ogni attività di spionaggio possa essere fatta e che nessuno abbia pensato di informare il presidente Obama su quelle riguardanti uno degli alleati americani più importanti?” si chiede il quotidiano, in un editoriale.

http://worldnewsviews.com/2013/10/29/the-new-york-times-shreds-the-obama-administration-as-pathetic-on-nsa-spying/

Nel contempo i funzionari dell’intelligence  Usa sono  furibondi a causa dell’atteggiamento della Casa Bianca.  Lo scrive il Los Angeles Times, pubblicando lo sfogo di diversi componenti, rimasti anonimi dello spionaggio Usa.

“Barack Obama ci ha scaricato, ci ha abbandonato al nostro destino, prendendo le distanze dallo scandalo Nsa”. Il presidente – prosegue la fonte – potrebbe non aver ricevuto “briefing” sullo spionaggio dei leader, come dice la Nsa. Ma il Consiglio Nazionale della Sicurezza della Casa Bianca sapeva esattamente cosa stesse accadendo, sostenere il contrario è ridicolo”.

http://www.latimes.com/world/la-fg-spying-phones-20131029,0,3235295.story#axzz2j8LCDNo3

Una cosa è certa: lo scandalo “Datagate “, oltre a  incrinare  i rapporti fra gli USA ed i propri alleati, sta nuocendo gravemente al prestigio del presidente Obama e contribuisce a dare l’immagine di un presidente incerto, titubante e non sicuro delle proprie stesse affermazioni (poco credibili per qualunque osservatore).  Questo non mancherà di dare più forza ai detrattori di Obama ed avrà l’effetto di influire negativamente sul grado di popolarità, già molto basso, di cui gode l’attuale presidente degli Stati Uniti.

*

code