"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Francia: vendita di 445 milioni di armi all’Arabia Saudita per bombardare lo Yemen

PARIGI (Pars Today Italian) – Il presidente francese Francois Hollande ha approvato la vendita di armi all’Arabia Saudita, intenta all’aggressione dello Yemen.
Secondo il sito del settimanale Le Point, lunedi Hollande ha emesso l’ordine di vendita di 455 milioni di euro di armi alla monarchia saudita, che dal 26 marzo 2015 a questa parte ha ucciso oltre 14 mila yemeniti, quasi totalmente civili, proprio grazie alle armi ed alle bombe acquistate dalle potenze occidentali.

La Francia, nel 2016, ha ricevuto ordini militari per un ammontare di 20 miliardi di euro, un qualcosa che ha suscitato proteste anche all’interno della nazione.

Nota: Francois Hollande, il presidente socialista che si erge spesso e volentieri a garante dei “diritti umani” e che sale sul piedistallo per dare lezioni a quelli che lui (e l’Occidente) considera “dittatori” da Valdimir Putin a Bashar Al-Assad, ancora una volta si distingue per la sua colossale ipocrisia.

La Francia di Hollande si dimostra come sempre alleata e complice dell’Arabia Saudita, il paese governato dalla Monarchia dei Saud, che sta attualmente conducendo, assieme agli Stati Uniti e con la complicità di altri paesi europei, una campagna di bombardamenti indiscriminati contro la popolazione indifesa dello Yemen, il più povero paese del Medio Oriente.

La Francia fornisce le bombe e gli armamenti, garantendosi mega contratti con i sauditi, indifferente al fatto che quelle bombe e quegli armamenti vengono impiegati per bombardare le case, le scuole, i mercati e persino gli ospedali nello Yemen dove sauditi e statunitensi stanno attuando quella che si può ben definire una “macelleria messicana”. Uno sterminio della popolazione civile che, oltre ai bombardamenti, deve subire un blocco aereo navale che sta portando la popolazione letteralmente alla fame con circa 5 milioni di persone, in maggioranza donne e bambini, che sono sull’orlo della morte per inedia, privi di alimenti, di medicinali e di acqua potabile.

Un disastro umanitario, denunciato anche dall’ONU, di grandi proprorzioni e totalmente ignorato dai media, stampa e TV occidentali. Non ci sono le organizzazioni come “Amnesty International” o “Human Right Wath”, quelle che lanciavano grandi appelli per i bombardamenti russi/siriani su Aleppo est, non ci sono servizi sulle TV europee sul dramma che vive la popolazione yemenita, come avveniva invece quando si volevano “salvare” i civili di Aleppo, mentre in realtà si volevano salvare i mercenari armati dall’Occidente e dall’Arabia Saudita che erano rimasti intrappolati nei quertieri est della città.

Ospedale nello Yemen bombardato dall’Arabia Saudita

Per lo Yemen e le sue vittime civili non si leva una voce, sembra si tratti di vittime di serie C per l’Occidente, mentre si sta completando il massacro con la complicità di tutti i leaders occidentali, incluso il nuovo presidente USA che continua tutte le guerre iniziate dal suo predecessore.

Di una cosa possiamo però essere sicuri: come spesso accade nella Storia, il sangue dei vinti ricadrà un giorno su tutti quelli che sono stati complici e che hanno chiuso gli occhi davanti alla strage della popolazione yemenita.

 

Fonte: Pars Today

Nota di Luciano Lago

*

code

  1. Mardunolbo 5 mesi fa

    Verrà il tempo, e mi auguro presto, in cui la Francia che ha votato i suoi criminali, paghi il debito contratto dal tempo della Rivoluzione Francese, verso tutti i popoli del mondo.
    Quando verrà quel tempo, spero di non trovarmi in Francia…
    Una profezia dice che Parigi sarà tinta di rosso per il sangue che scorrerà.
    Ripensando al fatto che i francesi si misero a cantare “la Marsigliese” come simbolo della loro “grande” nazione, dopo le stragi in Parigi,capisco che di sangue non ne hanno versato abbastanza e ne desiderano ancora purchè sia quello altrui.
    Ma la serpe in seno se la sono allevata e coltivata con cura nelle banlieu e quando sarà il momento i morsi al seno saranno molteplici e dolorosi.
    Ed Hollande sarà solo uno dei tanti che hanno portato alla rovina quella nazione che non ha voluto riconoscere con umiltà la potenza del Signore della Storia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PieroValleregia 5 mesi fa

    … a proposito di Francia mi permetto di suggerirvi di leggere il libro Il Campo dei Santi di Jean Raspail, scritto nel 1973 ma,
    attualissimo; io l’ho divorato e lo considero un vero capolavoro.
    Scritto oltre 40 anni fa, dipinge perfettamente, l’attuale Francia e l’attuale Occidente …
    Come scrive chi mi ha preceduto nel commentare, il sangue innocente versato, ricadrà su chi lo ha fatto versare …
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 5 mesi fa

    I governanti italiani hanno pervicacemente voluto associarsi a figuri come Hollande, dal momento che la vulgata afferma che i simili vanno con i simili ognuno può trarre le proprie personali conclusioni.
    Come dimenticare che tutti i terroristi italiani hanno trovato rifugio in Francia?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Roby 5 mesi fa

    “il sangue dei vinti ricadrà un giorno..” ecc. ecc. sono purtroppo frasi consolatorie che lasciano il tempo che trovano.
    Appena 60 anni fa i francesi sterminarono un milione di algerini soltanto per la pretesa di considerare quella terra come fosse roba loro e cos’hanno pagato per questo?
    Noi dal canto nostro non ci facemmo mancare nulla negli anni ’30 quando liquidammo 100.000 libici con i gas e le esecuzioni più atroci per fare spazio all’impero. E’ ricaduto qualcosa sulle nostre teste? Niente.
    Anzi nel 2011 li abbiamo aggrediti ancora a tradimento.
    Lasciamo perdere inglesi e soprattutto americani che ci vorrebbe un’enciclopedia.
    La verità è che la giustizia non fa parte di questo mondo e se mai un giorno ce ne sarà una avrà la forma di un asteroide che metterà fine a quella stirpe feroce che normalmente viene definita “razza umana”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 5 mesi fa

      Guardi che il sottoscritto non ha fatto nulla di tutto ciò che lei ha descritto, perciò per il futuro cambi la persona del pronome.

      Walter, noi scontiamo un karma di popolo che fa impallidire quello personale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Walter 5 mesi fa

    “Il sangue dei vinti ricadrà un giorno su tutti quelli che sono stati complici e che hanno chiuso gli occhi davanti alla strage della popolazione yemenita”: lo credo anch’io; se si guarda alla Storia dei popoli, si può intravedere una sorta di Karma storico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace