"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Francia: clamorosa rivolta degli agenti di polizia contro i crimini dei “nuovi francesi”. Ma i media tacciono

Una rivolta clamorosa. Ma ancora più clamoroso che i media internazionale parlino poco e nulla delle centinaia di agenti che da due notti protestano contro le condizioni di lavoro che sono costretti a sopportare quotidianamente.

Non era infatti mai accaduto che delle forze dell’ordine francese scendessero in strada, nello specifico agli Champs-Elysees di Parigi lunedì, per manifestare contro il governo socialista di Hollande. Manifestazione che ha avuto la sua replica il giorno dopo ad Evry, appena fuori Parigi. Ad accompagnare gli agenti migliaia di cittadini, che esprimono la loro solidarietà verso chi cerca di garantire la loro sicurezza nonostante tutto.

I poliziotti infatti sono continuamente esposti alle violenze delle banlieue compiute dai “nuovi francesi” e non protetti dalle autorità e dalla giustizia penale. L’ultimo caso l’aggressione subita da due agenti nel quartiere La Grande Borne mentre venivano installate delle telecamere di sicurezza per prevenire il furto di auto. La loro auto è stata presa d’assalto da una quindicina di persone, perlopiù magrebini, e a seguito di una molotov che è stata lanciata sulla vettura uno dei due agenti è stato gravemente ferito e adesso è in lotta tra la vita e la morte.

Secondo gli agenti, il governo di Hollande non punisce con fermezza questi criminali, lasciando loro credere che sia tutto permesso ed esponendoli quindi a continui rischi per la propria incolumità. Da notare che le manifestazioni sono avvenute spontaneamente, senza l’intervento delle principali sigle sindacali francesi, il che testimonia come il clima di tensione sia alto.

Il gravissimo incidente di Viry-Chatillon, e’ stata la miccia che sta facendo esplodere la rabbia dei poliziotti francesi: gia’ martedi’ 11 ottobre davanti ai commissariati di tutta la Francia si erano riuniti a centinaia per reclamare piu’ mezzi e maggiore fermezza contro la criminalita’ da parte del governo Hollande, che invece ha un atteggiamento lassista perchè la stragrande maggioranza dei crimini ormai è compiuta da extracomunitari, clandestini, criminali delle periferie di origine nord africana. Tutti soggetti per i quali la sinistra in Francia “ha un occhio di riguardo” hanno commentato alcuni poliziotti rimasti anonimi per non subire conseguenze disciplinari nel denunciare questa situazione insostenibile che costa però la vita A poliziotti ogni settimana.

Le interviste raccolte ieri notte sugli Champs-Elyse’es dal quotidiano “le Parisien” testimoniano di condizioni di impiego pesantissime, con un uso reiterato degli straordinari e la soppressione di ferie e licenze a cui fanno da contraltare la ormai cronica mancanza di mezzi adeguati, dai giubbotti anti-prioettili alle auto di servizio, ed un atteggiamento eccessivamente tollerante nei confronti dei criminali, secondo i poliziotti, da parte delle autorita’ politiche socialista nazionali e parigine.

Fonti: Mattino Online    

Il Nord

*

code

  1. Anonimo 3 mesi fa

    e chi si preoccupa della “rivolta” dei poliziotti…hanno creato apposta la eurogendfor..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Umberto 3 mesi fa

    Hollande è al capolinea: la perdita di ogni forma di fiducia nel suo operato e nella sua persona – già invise al popolo francese, che, come ho accennato e sostenuto in diversi interventi su altri articoli, non è ancora del tutto annichilito e sotto il controllo del potere usuraio – da parte di chi, sopra tutti, dovrebbe essere tutelato e tenuto buono dalla propria parte, rappresenta un esplicito e nemmeno sottinteso ultimatum. L’ inquilino dell’ Eliseo non ha più appoggi da alcuno, per cui sarebbe conveniente che sparisca dalla scena politica transalpina, a meno che non voglia finire sulla graticola. Non sarebbe male, sfamerebbe una ventina di cannibali per una settimana.

    Rispondi Mi piace Non mi piace