"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Ex-ministro degli Esteri israeliano Convocato in Gran Bretagna dalla polizia per rispondere di crimini di guerra

Redazione. Secondo i media israeliani, la polizia del Regno Unito ha convocato lex ministro degli Esteri di Israele, Tzipi Livni, per essere interrogata circa il collegamenti a presunti crimini di guerra commessi dai militari israeliani durante l’operazione Piombo Fuso nella Striscia di Gaza nel 2008-2009.

– “La polizia del Regno Unito ha convocato Tzipi Livni, l’ex ministro degli Esteri israeliano ed attualmente membro del parlamento per l’Unione Sionista, per essere interrogata sui suoi collegamenti con i presunti crimini di guerra commessi dai militari israeliani durante l’operazione Piombo Fuso nella Striscia di Gaza nel 2008-2009 “, i media israeliani hanno riferito al Sunday.According, per il quotidiano israeliano Haaretz. La Livni è attualmente a Londra per partecipare alla conferenza israeliana organizzata da tale istituzione..

Giovedi ‘, la Livni ha ricevuto una telefonata dalla unità per i crimini di guerra di Scotland Yard, che ha chiesto all’esponente israeliana di confermare la sua prossima visita a Londra e poi le ha inviato la convocazione tramite posta elettronica, come si legge dalla pubblicazione.

Il governo israeliano, in coordinamento con l’ambasciata a Londra, ha reagito immediatamente per evitare la convocazione, per timore di una azione giudiziale più energica, durante la permanenza della Livni, anche se l’incidente è stato taciuto per tre giorni.
In risposta a tale azione, il partito della Livni ha inviato una lettera al Ministro degli Esteri britannico Philip Hammond per esigere al Governo britannico di cambiare le leggi in modo da evitare il ripetersi di queste situazioni.
Da parte sua il Ministero degli Esteri israeliano ha definito “molto preoccupante ” questo episodio ed ha dichiarato che non si aspettavano questo comportamento da un alleato di Israele come il Regno Unito.

Secondo Haaretz, negli ultimi anni,  le organizzazioni filo-palestinesi che hanno sede nel Regno Unito  hanno presentato una serie di denunce contro alti ufficiali israeliani, tra cui l’ex ministro degli esteri.
Prima dei fatti, le autorità israeliane hanno riconosciuto di essere state colte di sorpresa, visto che è la prima volta che la Polizia Britannica adotta azioni nei confronti di esponenti israeliani.

Alla fine di dicembre 2007, Israele aveva iniziato l’operazione militare chiamata “Piombo Fuso”  nella Striscia di Gaza, in risposta ai numerosi attacchi missilistici condotti da militanti di Hamas contro lo Stato ebraico. Le tre settimane di conflitto armato, con bombardamenti indiscriminati dell’aviazione israeliana,  avevano  lasciato sul terreno circa 1.300 morti palestinesi, tra cui centinaia di civili (un terzo bambini). Nel settembre 2009, le Nazioni Unite ha pubblicato un rapporto che accusa entrambe le parti di aver commesso crimini di guerra durante il conflitto.

Vittime palestinesi a Gaza
Vittime palestinesi a Gaza

Dopo di questo ci fu un secondo conflitto nel Luglio del 2014  con invasione via terra da parte israeliana  che è durato circa 50 giorni e che è costato 2.200 vittime palestinesi di cui 1462 civili,  la distruzione di migliaia di case ed il bombardamento di ospedali, scuole e persino la sede dell’ONU. Vedi: Amnesty accusa Israele: a Gaza commessi crimini di guerra

La Striscia di Gaza è stata sottoposta ad un blocco da parte israeliana che dura da circa 10 anni ed ha causato una crisi nella situazione umanitaria della popolazione palestinese. Quella di Gaza è stata definita la più grande prigione a cielo aperto del mondo, visto che in questa striscia di terra isolata  vivono, ammassate in condizioni spaventose circa un milione e 700 mila persone che mancano di tutto, dall’acqua ai medicinali, prodotti essenziali e generi di conforto, per causa del blocco israeliano.

Fonte: Veterans Today

Hispan Tv

*

code

  1. Idea3online 9 mesi fa

    Intanto….

    07 giugno 2016 – Russia e Israele sono alleati nella lotta contro il terrorismo e hanno intenzione di rafforzare ulteriormente i contatti in questo settore.

    27 giugno 2016 – Ormai si attende solo l’annuncio ufficiale, ma la pacificazione tra Israele e Turchia, dopo 6 anni di attriti, è ormai realtà.

    28 giugno – La Turchia è pronta “se necessario” a versare delle compensazioni alla Russia per l’aereo russo abbattuto dall’aeronautica turca.

    Le cause vere hanno generato l’effetto. Dal 2008 aspettavano proprio adesso. Coincidenza?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Walter 9 mesi fa

    Non ho capito cosa c’entra la polizia del Regno Unito con quello che succede a Gaza, quale competenza e autorità?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 9 mesi fa

      Sulla base delle norme emanate per la creazione della Corte Penale Internazionale, qualsiasi Stato che riceva una denuncia per accuse di genocidio, crimini di guerrra, crimini contro l’umanità, sulla base di una convenzione internazionale ed uno Statuto a cui hanno aderito gli Stati dell’Unione Europea, può procedere (sarebbe obbligato a farlo) istruendo una pratica di accusa nei confronti della persona/e accusate, fermando ed interrogando il potenziale imputato, salvo poi derogare alla sua competenza e consegnare l’imputato nelle mani e nella giurisdizione della Corte Penale Internazionale, quando i delitti commessi rientrano in quelli previsti dallo statuito della Corte. Esattamente la procedura che dovrebbe seguire Scotland Yard nei confronti dei criminali di guerra israeliani che si sono resi responsabili del genocidio dei palestinesi in più occasioni nel corso dei conflitti a Gaza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Walter 9 mesi fa

        Grazie per la spiegazione. A mio avviso, sarebbe più logico e corretto prendersela col premier e/o con il ministro della difesa piuttosto che non con il ministro degli esteri. Ma se così é la legge…

        Rispondi Mi piace Non mi piace