"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

EUROPA …NEIN NEIN NEIN NEIN NEIN NEIN!

merkel_Nein

The Telegraph

by Ambrose Evans Prtchard

Mentre sullo sfondo si odono i colpi di idiozie sparati dai vari partecipanti alla guerra elettorale europea e qua e la esplodono colpi di realismo macroeconomico noi andiamo a dare un’occhiata a cosa ha detto ieri il capo degli “sturmpioneer” tedeschi, corpo speciale di guastatori d’assalto tedeschi…
FRANCOFORTE, 19 maggio (Reuters) – Tenendo comunque a sottolineare che la Bce non si è mai posta alcun obiettivo per il tasso di cambio, il presidente Bundesbank e consigliere della banca centrale europea Jens Weidmann riconosce oggi che il livello dell’euro può avere delle conseguenze sull’andamento dei prezzi al consumo. (…) Potrebbe tuttavia rivelarsi una strategia miope quella di considerare unicamente le pressioni al rialzo sul cambio legate ai flussi di acquisti sui governativi, il cui rendimento è particolarmente basso in ragione di una politica monetaria già espansiva.


Sai se fissiamo un livello di cambio andiamo contro il nostro mandato chè è quello della stabilità dei prezzi!
Dite la verità non vi fa tenerezza Weidmann, mi ricorda quei giapponesi nascosti sulle isole del pacifico che a distanza di anni continuavano la loro personale guerra senza sapere che la guerra in realtà era finita da tempo, con la differenza che lui lo sa che la guerra è finita che non c’è alcuna speranza di rivedere l’inflazione e che la deflazione sta dominando ovunque!
Secondo quanto riportato dal settimanale tedesco Der Spiegel, la BCE proverebbe ad introdurre un inutile portando il tasso a o,15 % e potrebbe ridurre il tasso sui depositi bancari sotto zero ovvero portandolo al -0,10%. Niente quantitative easing NEIN NEIN NEIN e in fondo meglio così perchè non servirebbe a nulla, tranne ad esaltare un branco di psicopatici che vive dentro un algoritmo!
Ora mentre Voi ascoltate i galli che si dimenano nel pollaio politico italiano io guardo a quello che accade in Germania ed in Germania i partiti euroscettici con in testa AFD dopo che è stato tolto il limite del 3 % per partecipare alle elezioni europee, stanno recuperando consensi ovunque al punto tale che con solo un potenziale 10 % complessivo preoccupano i paranoici della Repubblica di Weimar….
“Lawmakers from Chancellor Angela Merkel’s party are criticizing European Central Bank policies as a German anti-euro party gains support before elections across Europe this week. German Unease With ECB Simmers as Anti-Euro Party Gains”.
Ieri la Merkel a ribadito che l’Europa può sognarsi di mettere in comune il debito e il responsabile del maggiore partito euroscettico ha ribadito che la BCE sta violando il divieto di finanziamento monetario agli Stati a danno dei risparmiatori e dei pensionati in tutti i paesi della zona euro, responsabile allo stesso tempo di bassi tassi di interesse, che erodono la loro ricchezza e le loro pensioni.
Quindi da qualunque parte si guardi in Germania la musica è sempre quella, noi bravi e voi cattivi! Quindi mettetevelo bene in testa che la risposta sarà sempre e comunque NEIN NEIN NEIN NEIN NEIN NEIN NEIN, dedicato a tutti coloro che credono di poter andare a trattare con questa gente!
Ma non c’è fretta le illusioni o i miraggi in mezzo ad un deserto sono la regola!
Tornando a noi ieri su America 24 ho letto…
“Wall Street estende le perdite dopo i discorsi dei governatori della FedSecondo Plosser (Fed di Philadelphia) un rialzo dei tassi anticipato è possibile se la crescita economica proseguirà secondo le previsioni.
There’s a ticking time bomb at the Fed: Charles Plosser
Se la crescita proseguirà secondo le previsioni?Quali quelle che vedevano una crescita al 3,5 % per il 2014 e al momento hanno solo un miserabile MENO 0,5 % rivisto al ribasso dopo gli ultimi dati per il primo trimestre 2014?
E’ affascinante il mondo della finanza, si Wall Street ha perso per il possibile rialzo dei tassi anticipato e i tassi in realtà cosa hanno fatto, sono passati dal 2,55 % al 2,50 % in un attimo facendo l’esatto contrario di quello che prospettava Plosser, uno che vede inflazione dal almeno sette anni, altro giapponese nascosto su un’isola sperduta in questo oceano di deflazione, poveri ragazzi, salvate i soldati Plosser e Weidmann….
Per fortuna ci ha pensato una vecchia volpe come Dundley, scuola Goldman Sachs ha mandare qualcuno a prelevare Plosser dalla sua isoletta in un discorso che lascio a chi ama il PRAGMATISMO The Economic Outlook and Implications for Monetary Policy
Qui una sintesi …Dudley (Fed New York): aumento tassi un certo tempo dopo fine tapering
E’ ancora probabile che un aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti arriverà un certo tempo dopo che la Federal Reserve avrà concluso il piano di stimoli all’economia, previsto per l’autunno. Tuttavia, la politica monetaria dipenderà dall’andamento dell’economia. Lo ha detto il governatore della Fed di New York William Dudley, spiegando che è ancora tutto da definire come la Banca centrale americana si comporterà una volta che deciderà di aumentare i tassi. “Continuiamo a prevedere che passerà un considerevole periodo di tempo tra la fine dell’acquisto di asset e titoi e l’aumento del costo del denaro, ma è difficile dire con precisione quanto passerà date le incertezze che avvolgono l’outlook economico”, ha detto il governatore.
Dudley si chiede per quale motivo la FED è cosi concentrata sulla politica di uscita dal tapering e aumento di tassi invece di concentrarsi su una maggiore accelerazione al ritmo della ripresa che non esiste proprio.
Date retta a Nicolò…tassi bassi o nulli per tanto tempo ancora il resto come sempre miraggio o illusioni di breve termine.
Per il resto è meglio stendere una pietra pietosa sulla campagna elettorale in corso, figlia di un Paese che sta vivendo un’immensa crisi antropologica mentre attoniti si assiste ad un turpiloquio degno di un manipolo di deliquenti che da tempo ha sequestrato la democrazia.
Ci mancava solo il traghettatore di anime nell’euro dannato, Prodi che suggerisce di bucare l’Adriatico per risolvere la crisi perchè sotto c’è un mare di petrolio. Perdonatelo perchè non sa quello che dice, soprattutto perdonatelo voi conterranei dell’Emilia, distrutta da anni di selvagge trivellazioni e fracking vari. Povera Italia!
Mi dispiace ma questa è la pura e semplice realtà, bisogna prenderne atto, come noi facciamo da anni, mentre altri vi illudono inutilmente, in direzione sempre e solo ostinata e contraria!

Fonte: Icebergfinanza

*

code