"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Emergono le prove dell’appoggio fornito da Turchia ed Arabia Saudita ai gruppi terroristi per la conquista della città siriana di Idlib

Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha cospirato con le autorità saudite ed ha spianato il terreno ai gruppi terroristi per la conquista della città siriana di Idlib.
Questo quanto denunciato Mercoledì, da una rete TV libanese, Al Manar, citando proprie fonti anonime: “Il regime saudita ha fornito armi e denaro ai gruppi estremisti fra i quali il Fronte al-Nusra, affiliato ad Al-Qaeda, mentre il governo di Ankara ha dato appoggio logistico a queste bande armate”.
Inoltre la Tv libanese ha informato che Riyad ed Ankara hanno creato un centro di comando in Turchia da dove hanno organizzato l’offensiva contro Idlib (nel nord este della Siria), una città ce si trova attualmente sotto il controllo del Fronte Al.Nusra.

Da parte loro le autorità saudite hanno pagato il costo delle immagini e collegamenti via satellite che il centro di comando necessitava per tale fine, ha affermato la fonte.
La Turchia ha fornito ai combattenti di Al Quaeda l’accesso ad internet Wi-FI attraverso un aeromobile senza pilota che volava al di sopra ed aveva il compito di collegare i computers e gli apparati telefonici che utilizzavano i militanti armati.

Dall’inizio della crisi in Siria, nel Marzo del 2011, Washington ed i suoi alleati regionali ed occidentali, tra cui Ankara, hanno assecondato con il loro atteggiamento la violenza esercitata in quel paese dai gruppi terroristi.
A metà di Febbraio, gli USA e la Turchia si sono accordati per addestrare ed equipaggiare sul territorio turco i componenti della denominata “opposizione moderata” della Siria, termine con cui gli occidentali cercano di giustificare l’appoggio che offrono ai terroristi.

Gli USA ed i loro alleati appoggiano di fatto i gruppi terroristi come l’ISIS /Stato Islamico) attivi in Siria ed in Iraq, nonostante che gli USA comandino una coalizione internazionale denominata anti ISIS, composta da 40 paesi fra cui alcuni degli Stati che sostengono dall’inizio l’ISIS come la stessa Arabia Saudita ed il Qatar. Questo spiega la ragione per cui detta alleanza non ha prodotto risultati significativi nella lotta contro il terrorismo.

Di recente sono emersi documenti desecretati della DIA che inidicano che la coalizione ha favorito il sorgere del gruppo terrorista ISIS con il proposito di isolare il presidente siriano Bashar al-Assad e contenere la crescente influenza dell’Iran nella regione. Vedi: Documento segreto del Pentagono rivela che gli USA “crearono” l’ISIS come “strumento” per rovesciare il presidente Assad in Siria

Fonte: Hispan TV

Traduzione: Luciano Lago

*

code