"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Elezioni negli USA: Il socialista ebreo Bernie Sanders non piace ad Israele

PRIMARIE AMERICANE. Al senatore del Vermont si rimproverano le critiche che ha rivolto a Israele in varie occasioni e di aver “oscurato” le sue origini ebraiche. Netanyahu non interviene ma al posto di Barack Obama preferirebbe vedere un repubblicano, anche “l’imprevedibile” Donald Trump

di Michele Giorgio

Gerusalemme, 17 marzo 2016, Nena News – Perchè gli israeliani preferiscono Hillary Clinton all’ebreo Bernie Sanders per la nomination democratica? E perchè Sanders piace sempre di più agli americani di origine araba?

Questi interrogativi restano ai margini delle primarie Usa giunte due giorni fa ad un nuovo “super Tuesday” in Florida, North Carolina, Ohio, Missouri e Illinois. Potrebbero però diventare importanti se il senatore del Vermont riuscirà ad insidiare concretamente la potente Hillary Clinton. Una possibilità remota alla luce del risultato di martedì. Comunque è interessante che il primo ebreo americano impegnato in una corsa vera verso la nomination non raccolga le simpatie degli israeliani.

«I motivi sono diversi» ci spiega l’analista Eytan Gilboa, docente all’Università Bar Ilan di Tel Aviv (un laboratorio politico della destra israeliana) «Sanders sembra nascondere la sua origine ebraica, non la manifesta con orgoglio e questo non piace alla popolazione israeliana e ai suoi rappresentanti politici». Un altro motivo, aggiunge Gilboa «è il suo orientamento socialista che insospettisce la maggioranza degli israeliani ormai schierata a destra». Contano anche le posizioni di Sanders su Israele, i palestinesi e il Medio Oriente. «Sanders fino ad oggi non ha detto molto su questi temi ma non ha mancato, in varie occasioni, di criticare lo Stato di Israele e ha difeso i diritti dei palestinesi», sottolinea Gilboa. Perciò gli israeliani, dice l’analista, preferiscono Hillary Clinton «esperta in politica estera e da sempre schierata dalla parte di Israele, senza dimenticare che suo marito Bill è stato uno dei presidenti americani più vicini al nostro Paese».

In poche parole Bernie Sanders non mostra un particolare attaccamento allo Stato ebraico e le sue critiche a Israele lo rendono indigesto. Non è stato sufficiente che il senatore del Vermont, che ha avuto parte della sua famiglia sterminata dai nazisti, sia detto qualche giorno fa «orgoglioso di essere ebreo» durante un dibattito, e neppure che parlerà di fronte all’Aipac, la potente lobby filo-israeliana. Il “socialista” Sanders pensa troppo alla working class, alla Rust Belt, la “cintura arruginita” della zona industriale del Midwest, colpita duramente dalla crisi economica, e troppo poco a Israele e a come aiutarlo a conservare la supremazia militare in Medio Oriente. Per questo, e non solo, guadagna consensi tra gli americani di origine araba – in maggioranza cristiani e non musulmani come molti credono – che però sono soltanto 3.4 milioni e rappresentano appena l’1% della popolazione Usa. Quindi non possono influenzare in modo significativo gli esiti delle primarie e, più di tutto, delle presidenziali. Tuttavia i loro voti a inizio mese sono stati fondamentali per regalare a Sanders una importante vittoria in Michigan.

Molto cauto resta l’atteggiamento dei palestinesi, disinteressati alle primarie Usa. Sanders nel suo programma di politica estera si proclama contro nuove guerre e interventi militari statunitensi in Medio Oriente ma sulla questione palestinese non va oltre un generico sostegno alla soluzione dei “Due Stati” e al riconoscimento dei diritti del popolo sotto occupazione israeliana. Forse è tanto per il governo Netanyahu e un buon numero di israeliani ma poco per le aspirazioni dei palestinesi che non nutrono alcuna fiducia verso la politica mediorientale di Washington, sia che alla Casa Bianca ci sia un presidente democratico o uno repubblicano. Solo gli intellettuali palestinesi progressisti sembrano seguire, con qualche interesse, la sfida di Sanders a Hillary Clinton.

Il sostegno a Israele è un tema centrale delle primarie e delle presidenziali americane. I candidati di solito si sfidano a colpi di promesse di aiuti e di politiche a favore dello Stato ebraico. In occasione di questo ultimo “super Tuesday” in Florida, North Carolina, Ohio, Missouri e Illinois, la questione di Israele e della sua posizione nel Medio Oriente è stata motivo di scontro in casa repubblicana dove il frontrunner Donald Trump è stato attaccato dai suoi rivali Marco Rubio e Ted Cruz perchè si è proposto come “mediatore neutrale” tra israeliani e palestinesi. Peraltro in tre – Ohio, Illinois e Florida – dei cinque Stati in cui si è votato per questo nuovo capitolo delle primarie Usa sono presenti comunità ebraiche consistenti. Rubio hanno puntato anche sul voto degli americani ebrei per provare a mettere in difficoltà Trump.

«In Israele – dice Eytan Gilboa – la maggioranza della popolazione e, con ogni probabilità, il premier Netanyahu preferirebbero vedere un Repubblicano alla Casa Bianca. Molti credono che i Repubblicani, almeno in questi ultimi anni, si siano dimostrati più vicini a Israele rispetto ai Democratici. Soprattutto se guardiamo alla presidenza di Barack Obama». Trump non genera entusiasmo, a causa della sua «imprevedibilità», spiega l’analista, «ma alcune delle sue posizioni sono condivise da tanti israeliani che perciò vedrebbero con favore il suo ingresso alla Casa Bianca al posto di Obama».

Fonte: Agenzia Nena News

*

code

  1. Wanno 1 anno fa

    Solo Sanders a mio avviso eletto presidente potrebbe far cambiare mentalità politica
    all’America….molto umile, privo di manie di grandezza e onnipotenza, vicino al popolo dei
    lavoratori “normali”, al popolo della classe medio-bassa, contrario alla politica delle armi e della
    guerra, a favore del dialogo paritario con altri paesi…..Credo che l’America ne guadagnerebbe molto
    da una sua elezione, ristabilendo rapporti più civili in politica estera e forse una forma di indipendenza
    dallo Stato d’Israele che ne gioverebbe molto al Paese a Stelle e strisce e a tutto il Mondo…..
    Sogni, speranze….poi rifletto bene su come veramente è il popolo americano, quello che vuole,la loro fame di denaro,
    possesso, avidità, sulla filosofia del cow-boy e della lotta ed eliminazione degli avversari per la sopravvivenza ed il predominio,
    la violenza sul dialogo e allora so già chiaramente chi sarà il nuovo presidente Americano al posto di Bernie……

    Rispondi Mi piace Non mi piace