"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Duri combattimenti fra le fazioni dei gruppi terroristi per accaparrarsi denaro e rifornimenti dell’Arabia Saudita (oltre 100 morti)

Gli scontri armati che si stanno verificando tra i vari gruppi jihadisti nella regione orientale del Ghouta, in Siria, hanno causato al momento la morte di oltre 100 miliziani jihadisti, secondo il canale Al-Mayadeen.
Tra  i morti ci sono Essam al-Qadi, comandante militare del gruppo  Faylaq al-Rahman e Abu Ghazi,
l’ emiro della  HTS ad  Erbeen.

Secondo fonti locali, l’Esercito dell’Islam (Yaish al-Islam), appoggiato dall’Arabia saudita, ha attaccato le posizioni e la sede del ramo siriano di Al Qaeda, il gruppo denominato Ha’yat Tahrir al-Sham (HTS,) e quello di  Faylaq al-Rahman ad Erbeen e Kafr Batna.

In una dichiirazione ufficiale, il Yaish al-Islam ha affermato che tanto l’HTS, quanto Faylaq al-Rahman, stanno bloccando l’arrivo di rinforzi sui fronti di battaglia contro le forze governative dell’Esercito siriano.
“Ieri loro [l’HTS e Faylaq] hnno fermato un convoglio di rinforzi che si stava dirigendo a combattere contro l’Esercito siriano nel quartiere di al-Qabon”, ha riferito il comunicato.

Nel frattempo, altri fonti hanno confermato che la causa principale dei recenti scontri interni è basata sulla rivalità per accaparrarsi gli enormi magazzini di rifornimenti ed il denaro fornito dai sauditi alla Faylaq al-Rahman che ne detiene il controllo.

La durezza degli scontri, con fuoco incrociato fra le varie fazioni è dovuta anche all’uso quotidiano di droghe, come la Captagon, dagli effetti micidiali che altera la coscienza e produce uno stato di eccitazione. Il Captagon è una droga sintetica che contiene anfetamine e caffeina, viene fornita in grande abbondanza ai terroristi da parte dei sauditi.  A fine ottobre del  2016 il principe saudita Abdel Mohsen bin Ualid bin Abdulaziz al Saud era  stato arrestato nell’aeroporto di Beirut con due tonnellate di pillole di Captagon. Erano nascoste in 40 borse sul suo jet privato destinato a Riyad. Si trattava di una partita destinanta ai terroristi e l’arresto del principe saudita generò un caso diplomatico.

Questi gruppi terroristi sono comunque appoggiati anche dagli USA che li considerano come “ribelli moderati” utili per per ottenere il rovesciamento del regime di BAshar al-Assad in Siria. Il Comando USA ha deplorato gli scontri ed ha invitato le parti ad una “pacificazione”.

Fonti: Al Masdar news

Al Mayadeen

Traduzione e sintesi: J. Manuel De silva

*

code

  1. nessuno 3 mesi fa

    2000 kili e immagino che sarà libero come un fringuello….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Questo è il rischio che corre l’Asse del Male angloamericano-giudeo-wahabita-salafita e ottomana impiegando sul terreno bande mercenarie e drogate, i nuovi Lanzichenecchi, anziché proprie truppe …
    Spero vivamente che la faida fra tagliagole (stato islamico mascherato e al-qaeda) continui a lungo. In queste condizioni, i “ribelli moderati” non potranno tenere a lungo, nonostante qualche missile americano-giudeo a supporto.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Animaligebbia 3 mesi fa

    Perfetto:cento assassini in meno.Spero che il regolamento di conti duri fino all’estinzione di questi adoratori di mammona

    Rispondi Mi piace Non mi piace