"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Draghi come Breznev: l’Euro irreversibile (come l’URSS ?)

di  Luciano Lago

Le affermazioni fatte ieri da Draghi denotano uno stato psicopatico di questo personaggio caduto in una forma di delirio di onnipotenza.
Una moneta divenuta, nella psiche di Draghi e dei suoi banchieri , qualche cosa di simile ad una divinità: ” irreversibile”, ha dichiarato Draghi ad una domanda postagli dall’eurodeputato Marco Zanni. “L’Euro è irrevocabile”, ha scandito Draghi – sia in italiano che in inglese – rispondendo alla domanda di Zanni.

La dichiarazione di Draghi ci fa venire in mente una dichiarazione simile fatta da un suo collega banchiere, il presidente della Goldman Sachs , Llyod Blankfein, il quale, al Sunday Times che lo interrogava sul suo ruolo, aveva risposto : “Sono solo un banchiere che fa il lavoro di Dio”. In quel periodo Goldman Sachs era sospettata di aver partecipato al crollo del gigante delle assicurazioni, l’AIG, salvato in extremis dal crollo con un piano di aiuti da 187 miliardi di dollari finanziato dai contribuenti.

Ci si domanda se si tratti di uno stato psichico di onnipotenza che prende tutti i personaggi cooptati nei vertici del potere bancario sovranazionale, un delirio che li proietta fuori della realtà e senza più contatto con il mondo delle persone e delle cose concrete.
In fondo non è un fatto del tutto nuovo, si ha a che fare con qualche cosa di simile a quello status mentale che hanno avuto anche personaggi storici come Napoleone, o il re di Francia Luigi XV (dopo di me il diluvio), e in epoca moderna gli oligarchi dell’URSS come Leonid Breznev.

Mario Draghi è il rappresentante di una oligarchia bancaria europea che di fatto rappresenta l’ultimo baluardo di una costruzione Europea che si basa unicamente sulle monete, sulla prevalenza del grande capitale, dei mercati finanziari e delle banche. Una costruzione che non lascia spazi agli interessi reali e concreti elle persone, dei lavoratori, delle famiglie e delle comunità, sempre da sacrificare sugli altari dei mercati aperti e della competitività, i veri dogmi dell’ideologia neoliberista che ha appestato l’Europa e buona parte del pianeta.

Draghi e gli altri come lui sanno bene che i principali responsabili di questa crisi sono le banche, perchè questa è una crisi di debito privato e non pubblico, come lui e i suoi colleghi da anni vorrebbero raccontarcela, demolendo il welfare, i diritti delle persone e la spesa pubblica, imponendo le loro fallimentari riforme neoliberiste. Si tratta delle grandi banche che creano moneta dal nulla e poi la distribuiscono alle stesse banche ed alle multinazionali per alimentare la speculazione finanziaria, dopo aver privato gli Stati nazionali di una propria sovranità monetaria, della possibilità di emettere una propria moneta a credito per finanziare la ripresa economica e l’occupazione.

Draghi mente sapendo di mentire quando afferma che l’euro è irrevocabile visto che esiste l’art. 50 dei trattati europei che prevede la fuoriuscita dall’UE, possibilità di ricorrere a questo articolo che era stata già esaminata nel caso della Grecia. Di conseguenza, in caso di volontà di recesso dall’euro da parte di uno Stato europeo, questi può attivare la procedura in base all’art. 50.

Art. 50 Trattati UE

In realtà i tempi sono maturi per proporre una generale revisione dei Trattati europei , che sono un vero cappio al collo e che, oltre a produrre miseria e rovine economiche, sta alimentando la rivolta degli oppressi e delle persone oneste in tutta l’Europa ed anche negli USA, soprattutto masse di cittadini, lavoratori e classe media, sprofondati mnella miseria, e che hanno rifiutato il ricatto dell’establishment e della finanza criminale, come accaduto in Gran Bretagna con Brexit, negli USA con la vittoria di Donald Trump, in Italia col secco NO alla riforma costituzionale Renzi-Boschi.

Arriva l’ora che i popoli riprendano in mano il loro destino e mettano la parola fine alla dittatura di una oligarchia tecnocratica che ha privato le nazioni della loro sovranità per conto di interessi esterni. Arriva il momento che gli Stati devono riprendere la loro sovranità nazionale con la possibilità di sottrarre il potere ai banchieri, ritornando ad una moneta nazionale, emessa da una Banca Pubblica di Stato che serva a finanziare il lavoro ed il benessere sociale, mettendo un argine all’apertura indiscriminata dei mercati che sta uccidendo l’economia di paesi deboli come l’Italia, impossibilitati a fare una sana politica di sviluppo e di occupazione, vincolati da assurde norme europee fra cui il pareggio di bilancio in Costituzione, voluto dai politici euroservi dell’oligarchia di Bruxelles.

*

code

  1. Paolo 9 mesi fa

    Se quella faccia da ramarro ossessivamente ripete irrevocabile, pensa di incutere timore ai popoli? A mio avviso questi aguzzini non hanno capito un c…., il popolo sara’ bue e dunque paziente, ma quando si rompe…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Andrea 9 mesi fa

    Salve
    Per quanto riguarda le affermazioni di Draghi è confermata la sua psicopatia ed euroschizofrenia. Come afferma Diego Fusaro è sicuramente un Euroinomane :^)
    Ma le dichiarazioni di Draghi vanno in contrasto con quanto afferma qui: https://traterraecielo.live/2017/02/02/mario-indicaci-la-via/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 9 mesi fa

    Rotschild ,Warburg,Rockfeller,Schiff ,Harriman,Lazard, Lehman,Morgan ,più i loro parenti soci , vassalli ,e servi. Come Draghi,Amato,Monti
    Tanto per citare alcuni dei nostri eroi italioti,gente da processare per crimini contro l’umanità .
    Le principali quattro banche di affari Black rock, state street corp.,fmr fidelity,Vanguard group ,
    E le banche principali Bank of America ,JP Morgan, Citigroup Wells Fargo,Goldman Sachs,Bank f NY Mellon,Morgan stanley,Lehman Brothers
    Tutta roba da chiudere e da azzerarne i crediti nei confronti di stati e privati.
    Roba che dovrebbe essere chiusa da un vero tribunale dei diritti umani.non certo da quello dell’ aja pieno solo di polli castrati.
    Le banche di stato ,devono essere di proprietà degli stati . E la moneta dovrebbe essere stampata senza essere gravata da debito
    Pubblico, ma provate a trovare un Qualsiasi partito politico che in qualche parte del mondo abbia le palle di fare proposte del
    Genere. Qui non si tratta più di ideologia ma di sopravvivenza del genere umano ,o di riduzione dello stesso ad un brulicare
    Di vermi striscianti, già con la abolizione dello stegal glass act in America ,e con l approvazione del testo unico sul sistema bancario
    In Italia ,si elimino il confine tra banche di affari e banche dedite alla raccolta del risparmio e all’ erogazione del credito.
    Poi con i derivati e i future si è dato il via alla creazione di denaro virtuale ,che poi solo per i su citati si trasforma in ricchezza reale
    Per gli stati e per i risparmiatori , si trasforma in debito pubblico ,e in titoli spazzatura.
    La possibilità di abbassare la riserva frazionaria fino all’ attuale 1% altro regalo ai creatori ex nihilo di denaro.
    Sono solo gente da appendere ai lampioni,come aveva predetto il vecchio Ford ,se e quando la massa della popolazione avesse
    Capito la reale natura del sistema bancario.
    C’è solo questo da fare chiunque spinga ancora il popolo a dividersi su stupide questioni ideologiche di fronte all unica vera necessità
    Ovvero eliminare questo pugno di parassiti apolidi.e poi proseguire coi loro complici e servi.poi se qualcuno avrà ancora voglia di ideologie
    Si accomodi pure,ma prima c’è una cosa più importante da fare ,nell interesse di tutti gli abitanti del pianeta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tania 9 mesi fa

    Se si prendono tutte le banconote euro prima della scritta BCE c’è il simbolo ©, consistente in una “C” cerchiata, sta ad indicare la presenza di diritti riservati di autore secondo il sistema statunitense e in genere di diritto anglosassone.
    Il diritto d’autore è la posizione giuridica soggettiva dell’autore di un’opera dell’ingegno a cui i diversi ordinamenti nazionali e le varie convenzioni internazionali (si veda ad esempio la Convenzione di Berna) riconoscono la facoltà originaria esclusiva di diffusione e sfruttamento dell’opera stessa.
    Quindi io uso una moneta PRIVATA al posto di una moneta nazionale, o anche europea, se fosse l’Europa uno Stato…
    Invece l’Europa è diventato solo il luogo dove un gruppo di privati cittadini ha imposto una sua moneta a tutti, inaudito..
    I veri colpevoli di questa truffa GALATTICA, COSMICA, DA ERGASTOLO, siamo noi che accettiamo di essere trattati così!
    Questo gruppo di malfattori delinquenti stampassero la loro cartaccia che ci costa lacrime e sangue su una isola deserta, vediamo che succede, no?
    Senza noi che accettiamo di essere TRUFFATI, con quella carta sapete cosa ci farebbero? Ecco, quello.
    Quindi si fa presto a fare 2+2=4, e cioè tutti quelli che dicono che fuori dall’euro siamo finiti sono complici della lurida cricca truffatrice. Punto.
    Guardate quanto ci hanno riempito di debiti per gli interessi sugli euro che ci prestano!
    Chi è il porco che ci ha messo in mano a questi usurai di altissimo bordo? Sono più di uno, sono un gruppetto di traditori che stranamente sono ancora liberi in circolazione!
    L’articolo di Luciano Lago è ottimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 9 mesi fa

      Nella vita di tutti i giorni, la vita reale, se un vicino ci fa le proposte che ci fa il potere rimarremmo di stucco, come minimo ci chiederemmo se sta bene, se però dice sul serio allora ci arrabbiamo.
      Se uno viene e dice, metti via il tuo orto, ti do io roba sopraffina che ti farà ricco, tu chiedi un sacco di firme e controfirme di garanzia, ti tuteli, mica sei scemo che perdi l’orto in cambio di FUFFA, no?
      Ecco, noi, gli stessi sospettosi di sempre, attenti, vigili, di fronte al potere diventiamo dementi, è inspiegabile questa trasformazione, no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 9 mesi fa

        Sono andata al bar per la colazione, grande discussione sui danni se usciamo dall’euro, naturalmente i paladini dell’euro erano poveracci del PD, la base… quella che deve fare i conti con la pensione…
        Che poi la colpa è stata mia, si parlava di frutta e io ho detto un chilo di pesche nel 2000 costava 1000 lire, ci fosse la lira oggi lo pagherei 5800 lire, da qui la difesa dell’euro dei polli…
        Io dico, ma se io ti pago con una lira invece che con un euro, per te cosa cambia?
        Non si può fare!
        No? E perché? Se dalla lira siamo passati all’euro e si è potuto fare, 1936, 27 lire per un euro, non ci è costato poco, adesso che siamo tutti nell’euro, tutti fratelli in questo meraviglioso Stato fraterno sopra i conflitti, pace e serenità garantita a tutti gli europei, compresi i russi che sono europei come noi, (ah no, è vero, loro sono europei ma sono cattivi, almeno questo dicono i nostri truffatori delinquenti che sono i buoni della storia), ci siamo dati una valutazione, l’euro, benissimo, l’euro lo togliamo ai privati e lo nazionalizziamo, naturalmente gli cambiamo nome, che euro è un diritto di autore, non vogliamo mica denunce per appropriazione indebita…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 8 mesi fa

          Onore al merito.
          Ma non le avevo già suggerito di cambiare bar? E lei insiste….

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tania 8 mesi fa

    Ho capito io che questo euro è una fregatura galattica, io che quando si parla di economia il mio cervello chiude le saracinesche, si estranea, possibile che a parte gli interessati, ci siano truffati che lo difendono?
    Che poi l’euro è solo roba morta, un mezzo, un arma, noi dovremmo guardare i suoi padroni, quelli sono da bloccare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Idea3online 8 mesi fa

    A mano a mano che la Russia acquisterà energia geopolitica, si espanderà in Medio Oriente, alcuni Stati Europei saranno attratti e si faranno attrarre dalla Russia, ed ecco che l’Euro non riuscirà a tenere unito quello che il rublo militare dividerà. L’Euro è una macchina da guerra finanziaria per indebolire la Russia, il Rublo è una macchina da guerra militare in Russia, un muro per difendersi dall’Euro e dal Dollaro. La Russia aspetta, Putin aspetta la mossa di Trump, aspetta ed aspetterà perchè è più debole degli USA, Putin aspetta un errore di coerenza dell’amico Trump. Sull’Iran abbiamo capito tutto che è tutto come prima, anzi peggio, essere passati dalla Siria all’Iran, è chiaro che il Burattinaio esiste.

    L’Euro ed il Dollaro non possono scrivere la Storia, non possono far cambiare l’orbita di una stella o di un pianeta, non possono essere usati come moneta di scambio nell’Universo, il Dollaro e l’Euro non possono corrompere Dio, nella Banca di Dio si depositano le Buone Azioni. Se provassimo a pensare alla vastità dell’Universo in un istante tutto diventa chiaro, e capiamo che grande Pazzia regna sulla Terra, ed tutti noi convinti di essere liberi ma alla fine solo schiavi di uno strano sogno magico e satanico, per non essere liberi di ammirare la creazione di Dio, e non essere più attratti da essa, perchè i nostri occhi schiavi di vedere le immagini del sistema vendute o regalate dal mondo virtuale tecnologico.

    Ma la Storia vera è sacra e profetica, quella amata e offerta al popolo ed alle masse è sterile, il Sistema racconta tutto ma non farà capire mai niente, perchè la conoscenza vale più dell’Oro e dell’Argento, ed la Sapienza era posseduta da Salomone, come dono di Dio, ma Dio ha donato le Sacre Scritture, che come l’Euro sono di carta, ma in circolazione da millenni al contrario dell’Euro che è in circolazione solo da decenni.

    Un Sapiente(Ecclesiaste 7,12)disse:

    Poiché la sapienza offre un riparo, come l’offre il danaro; ma l’eccellenza della scienza sta in questo, che la sapienza fa vivere quelli che la possiedono.

    Perciò la Banca di Dio si poggia sulla Sapienza e non su Goldman Sachs.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 8 mesi fa

      Dio esiste. Quello vero c’è.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 8 mesi fa

        Perché il potere non teme Dio? Perché non teme noi…
        Intiende?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Idea3online 8 mesi fa

    Dio ha creato ed ha donato, ed l’unica cosa richiesta è il rispetto dei suoi codici. Quello che ha donato è veramente tanto, basta pensare quanti animali ha donato per rendere la vita meravigliosa, per non parlare della vegetazione…..e ancora tanto altro. Però le cose donate da Dio possono essere accentrate da un gruppo di uomini che con la violenza all’inizio costruiscono il Potere. Esempio è l’acqua, è sotto gli occhi di tutti, dono di Dio gratuito, ma bene offerto a pagamento dal Potere, e così tanto altro. Però il Potere ha costruito tante cose utili all’umanità e tutte a pagamento. Dio ha donato ed richiede l’osservazione di un Codice per generare Amore ed Armonia, il Potere si appropria dei doni di Dio ed costruisce altri ed richiede un prezzo per generare Profitto e Competizione. Se il Potere dovesse osservare il Codice di Dio all’istante non sarebbe più Potere, perchè Dio è. Ma alla Fine il Potere di Dio, annienterà tutti i poteri che animano competizione per il profitto di pochi. Tutto è possibile, il cielo stellato è, tutto quello che i nostri occhi vedono esiste, ma esiste anche quello che i nostri occhi non vedono. Dio non lo vediamo ma esiste, perchè esistiamo. E’ il male che aggredisce la nostra capacità di cercare Dio, ed il Potere è delegato a gestire i Regni del Mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace