"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Distruzione della Famiglia tradizionale: l’obiettivo dei Globalisti

di  Luciano Lago

Con una sentenza che ha determinato una svolta nel sistema del riconoscimento di paternità, il 23 Febbraio di quest’anno, la Corte d’appello di Trento ha sdoganato l’utero in affitto per adozione a favore parte di una coppia gay – costituendo questo una prima volta ed un caso di giurisprudenza “innovativa” – l’adozione omosessuale che era fuori dalla porta principale dell’ordinamento (art. 268/249  C.C.) rientra dalla finestra di un provvedimento di giurisprudenza.

Questa sentenza permette di fatto al partner di un omosessuale di essere iscritto all’anagrafe come “secondo padre” di una coppia di bambini nati per mezzo dell’utero in affitto, ovvero mediante lo sfruttamento di una donna povera e acquistando con denaro il frutto della sua gravidanza.

Il tutto con l’ipocrita pretesto del “superiore interesse del minore”. Questo come se il diritto del bambino ad avere una madre ed un padre possa essere sostituito dal diritto di un individuo alla paternità innaturale, per via di acquisto. Facile prevedere che, di questo passo, avremo presto i supermarket dei bambini in offerta promozionale per le coppie gay.

Questo precedente di legalizzazione di fatto dell’utero in affitto, si prevede che darà un grande sviluppo al mercato, già fiorente, dell’utero delle donne povere in affitto, di cui si occupano grosse agenzie internazionali: sono queste agenzie a mettere in contatto la domanda e l’offerta.  Sarà questo un mercato del “progresso” fortemente voluto dagli esponenti della sinistra mondialista che sfrutta i poveri a favore del grande capitale.

Si conferma che, nella società ultra capitalista e consumista, dominata dalla elite finanziaria, con il denaro si può acquistare tutto. Questo è un altro passo verso lo sfruttamento della povertà, introducendo come legale una pratica degradante che vede una donna povera che viene affittata per procreare per conto terzi, dietro il pagamento di una forte somma rinuncia ad ogni diritto di maternità sul bambino che concepisce, una forma di schiavismo moderno che il fronte progressista della sinistra mondialista vede come una “conquista sociale”. La nuova frontiera dei “diritti”.
Dallo sfruttamento del lavoro si passa allo sfruttamento dell’utero delle donne, alla faccia dei movimenti femministi degli anni ’60/’70.

Si sapeva che l’ideologia relativista da tempo lavorava per distruggere la famiglia tradizionale, un obiettivo – ormai non troppo occulto – per impostare nuovi ordini sociali ed economici liberticidi, destabilizzanti e caotici. Il sogno delle vecchie logge massoniche dei “fratelli compasso”,fortemente radicati a Bruxelles nelle Istituzioni della Unione Europea, si prospetta come reale ed imminente.

Lo dicevamo da tempo che il processo globalizzatore ha come suo maggiore nemico l’unità familiare della famiglia tradizionale. Se l’individuo non ha una sua famiglia, rimane moralmente indifeso da qualunque azione del sistema di potere per la manipolazione della sua mentalità, della sua formazione e nei principi della sua educazione. Se l’individuo non dispone di un padre naturale che gli infonde coraggio, audacia, fiducia in se stesso, rimarrà senza difesa innanzi all’indottrinamento laicista dell’establishment; se un individuo non ha una madre naturale che gli riversa amore, affetto e protezione, il potere politico potrà “formare” questa persona secondo i propri interessi. Senza un padre ed una madre sarà il “Grande Fratello ad avere campo libero sull’individuo.

Massoneria contro la famiglia

Charles Darwin disse una volta: “se possiamo motivare le donne ad andare dietro i benefici materiali queste smetteranno di fare figli”.
Gli esperimenti di ingegneria sociale ed i primi tentativi di eugenetica teorizzati da personaggi come Julian Huxley, tendevano esattamente a questo scopo: svalutare la vita umana e distogliere la credenza religiosa e culturale dell’uomo concepito come essere privilegiato del pianeta per indirizzarlo verso una società controllata da una popolazione formata da individui omologati ed utili come consumatori e produttori al servizio del Grande Capitale.
Erano le tesi sostenute da Edward Louis Bernays, nel suo libro “Propaganda” e da Gustave Le Bon nell’opera “Psicologia delle folle”, i primio “spin doctor” esperti nella psicologia di massa che da allora ha fatto enormi passi in avanti, giovandosi dall’apparato mediatico costruito negli ultimi 50 anni e tutto sotto il controllo delle grandi concentrazioni finanziarie.

Tutto indica che si procede verso una società fabbricata e disegnata per una “tirannia tecnocratica” come aveva previsto Lord Bertrand Russell, filosofo ed eugenista, nella sua opera “The Impact of Science on Society” (1951), quando scriveva che “….nel costrurire una società narcisistica dove tutti gli individui sono preoccupati per se stessi, la popolazione non dovrà ribellarsi ed insorgere per niente e contro alcun potere costituito. Così il Governo degli “illuminati” potrà dominare su ogni individuo direttamente”.

Questo spiega come i promotori del “Nuovo Ordine Mondiale Globalizzato” abbiano condotto i loro attacchi periodici contro la struttura sociale e familiare dei paesi in tutto il mondo, già dalla metà del secolo scorso, con frequenti “rivoluzioni culturali” e tecnologiche che hanno avuto l’effetto di affossare i restanti substrati culturali genuini di comunità di antica tradizione e di popolazioni radicate.

A colpi di sentenze e modifiche alle vecchie norme del Codice Civile si afferma il nuovo “Diritto di Famiglia” con la scomparsa del padre e madre presto sostituiti dal “genitore 1 e genitore 2”, come viene previsto dalle direttive comunitarie.
Nell’Unione Europea l’esperimento si trova già in una fase avanzata e procede per bruciare i tempi. Una grande ondata migratoria e l’abbattimento delle frontiere può facilitare il compito.

Sono le comunità locali quelle che possono creare un muro di resistenza contro questo indottrinamento e contro l’ideologia della dissoluzione, difendendo identità culturale e tradizione.
Tuttavia diamo per finito il tempo di scherzare e pensare che la questione non tocchi ciascuno persona, la propria famiglia i propri figli e nipoti. Le centrali di potere stanno intensificando i loro attacchi contro chiunque opponga resistenza che viene catalogato come “conservatore”, reazionario e “populista”. Opporsi all’indottrinamento potrebbe comportare grossi problemi e la sottile repressione del dissenso in ogni ambito inizia a farsi più incombente. Tutti sono avvisati.

*

code

  1. PieroValleregia 3 settimane fa

    salve
    una volta c’era almeno la Chiesa a contrastare, adesso invece … chi sono io per giudicare ? dimenticandosi che Gesù Cristo ha giudicato eccome le pratiche contro-natura
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 3 settimane fa

      Non posso contro-commentare perché sono in attesa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 3 settimane fa

        salve
        provi, intanto, con questa lettura
        http://www.doncurzionitoglia.com/Tradizione%20e%20il%20Concilio%20Vaticano%20II.pdf
        saluti
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 3 settimane fa

    Grazie dell’avviso ne farò tesoro.
    Se esiste l’eresia laica questa decisione ne avrebbe pieno titolo.
    A differenza di Brodoglio che non giudica, la magistratura non perde un colpo.
    Questo programma non è una maturazione recente ne parlava anche Levi nei suoi scritti, non a caso sono tutte leggi promosse dalla cosiddetta sinistra.
    Qualcuno mi potrebbe indicare qualcosa di buono venuto da sinistra?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PieroValleregia 3 settimane fa

      @Giorgio
      Qualcuno mi potrebbe indicare qualcosa di buono venuto da sinistra?
      a mia memoria, nulla…ma, anche l’attuale “destra” non è da meno (in quanto a nulla)
      saluti
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giorgio 3 settimane fa

        Piero, l’ho scritto innumerevoli volte che la destra in Italia non esiste e nessuno ha obiettato, quindi dal vuoto non può arrivare nulla.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. PieroValleregia 3 settimane fa
          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Giorgio 3 settimane fa

            Piero la domanda l’ho posta a lei non a don Curzio, l’ho iniziato a leggere ma ho abbandonato perché mi sembrano scritti di Boris Johnson, aporie e contraddizioni continue.

            Mi piace Non mi piace
  3. PieroValleregia 3 settimane fa

    salve
    Giorgio mi spiace, don Curzio NItoglia è un cranio e ne sa ( e sa spiegare) decisamente più di me.
    io posso solo dirle questo: la Chiesa, dopo il CV II° ha lasciato Crsito e il suo insegnamento: siate nel mondo e NON DEL mondo.
    la Chiesa ormai è una ONG, un partito, un nulla relativista; nella parabola dell’adultera viene omessa la parte più importante: dopo aver
    chiesto a chi è senza peccato scalgi la prima pietra e dopo che tutti se ne sono andati, Cristo prende l’adultera e le dice: va e NON
    peccare più; la Chiesa attuale non ammonisce più di non peccare, ma dice solo di non giudicare…troppo comodo
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 3 settimane fa

      La questione verteva sull’essere cattolico, di quello che dice o fa la chiesa poco m’intriga.
      Don Nitoglia, diversamente da Brodoglio che è un gesuita, non nomina Gesù, ma usa continuamente Cristo e c’è il motivo.
      Quanto alla parabola da lei indicata le consiglio di andarla a rileggere, le è sfuggito il particolare più significativo: Cristo mentre parlava scriveva sulla Terra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Citodacal 3 settimane fa

      Volendo, aveva già preparato il terreno in più occasioni; come nell’aver sostenuto Bossuet a discapito di Fénelon (e pure con Eckhart e Ubertino da Casale, per dirne altri due, si mise d’impegno…). Il resto è il conseguente e progressivo rotolare di un sasso che segue la naturale forza di gravità: invece di provare a “farsi sollevare”, ricerca l’adagiamento nell’entropia umana. Questione più di marketing che altro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Paolo 3 settimane fa

    Non importa l’attacco alle radici cristiane, pertroppi secoli i preti hanno infangato il messaggio di Cristo, hanno abusato dell’ignoranza dei popoli per mangiare accanto ai potenti con il cucchiaio d’oro. Chi conosce la maggior parte dei preti sa che quando gli offri qualcosa devi pure ringraziarli, sono forgiati fin dal seminario cosi. La chiesa ha fatto sempre i suoi interessi e continua a farli. Per capire l’ importanza della famiglia, basta osservare i valori delle etnie tribali, i loro riti e la capacità di accoglienza di chi cresce ed entra nella comunita’ questo è ciò che è l’uomo nella sua essenza la quale si realizza nel nucleo familiare e sociale, l’uomo è un animale sociale e in tale contesto trova la sua dimensione, chi fa nascere un figlio con tre, quattro genitori tra naturali, biologici, surrogati etc… sa che sta dando il colpo di grazia alla razza umana propriamente intesa. I disgraziati frutto di tale abominio daranno i loro frutti negli anni a venire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Alessandro 3 settimane fa

    La pagheranno molto cara nessuno si può burlare di nostro Signore Gesù.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Salvatore Penzone 3 settimane fa

    “ La dinamica dei diritti individuali diventa la macchina per dissolvere la capacità collettiva di governarsi, detto altrimenti, della democrazia”. Ne risulta un programma che si può riassumere così: la libertà totale di ciascuno e l’impotenza completa di tutti”.
    Il trionfo dei “diritti individuali” è vissuto ovviamente dai più come una grande liberazione, invece che una crisi – e crisi terminale; soprattutto, ci sembra un fenomeno di liberazione spontaneo. Invece, spiega Gauchet, esso è indotto; è il risultato di una “ipertrofia” della dimensione del diritto; in concreto, dei diritto degli individui a spese delle altre dimensioni della vita collettiva.
    E questa ipertrofia ha degli autori: le oligarchie che hanno formato “la costruzione europea”. (Maurizio Blondet)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Mardunolbo 3 settimane fa

    L’attacco è svolto su vari fronti Anche sul fronte delle DAT, di cui recente l’esempio sul suicida recato in Svizzera e diventato grancassa radicale come sempre ! Aggiungiamo l’altro importantissimo tassello degli espianti fatti a cuor battente , ma con la persona dichiarata “morta” per beneficio dei trapiantisti operatori…C’è da decenni una lega che si batte contro questo abominio, sempre bistrattata e vilipesa dalla magistratura italiana e da quella europea che si dichiara Corte “per i diritti dell’uomo” da ridere per non andare con un fucile e sistemarli per adempiere al senso di giustizia.
    Insomma ognuno nel suo piccolo faccia quanto può per opporsi a questa devastazione morale ed umana che raggiunge ogni livello sociale e famigliare. Ciascuno con famiglia educhi i membri della stessa a resistere con argomenti ed istruzioni e religiosità. Questa ultima è la chiave di resistenza reale e forte e ben per questo motivo è assaltata con ogni genere di infamia e menzogna. Poveretti coloro che non hanno fede ! Persino gli islamici con la loro “fede” sono più protetti dall’aggressione demolitrici dei valori umani, ma sono pedine della demolizione dell’Europa e delle nazioni cristiane, Usa compresi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 3 settimane fa

      L’esperienze di NDE non si basano sulla fede ma su esperienze concrete che volendo ognuno può sperimentare.
      Su tali accadimenti le religioni non c’entrano nulla, ma la scienza sì.
      I trapianti di organi sono atti di magia nera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace