"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Delirio Scalfari: “La sinistra crei un popolo mondiale unico grazie al meticciato”

di Adriano Scianca

Eugenio Scalfari deve far disperare i giornalisti di Repubblica e l’Espresso: non vorremmo essere nei loro panni quando tocca passare un pezzo di Barbapapà, pieno di prosa aulica, ridondanze barocche, filosofemi sconclusionati, ma anche, ed è questo il bello, di qualche lapsus che lascia trasparire verità da altri sottaciute. Non nel senso che Scalfari riveli chissà quali segreti relativi a complotti o cospirazioni, ovviamente, ma nel senso che il suddetto è ormai privo di quelle cautele, di quegli eufemismi, di quelle perifrasi con cui in genere il pensiero dominante infiocchetta i suoi scopi.

In senectute veritas, diciamo. Ecco quindi che nel suo ultimo articolo sull’Espresso, dopo una serie di imbarazzanti considerazioni sul ruolo della massa continentale africana nella storia geologica del pianeta (ebbene sì, la deriva dei continenti può essere usata come argomento politico), il nostro affezionatissimo se ne esce con questa frase, che sembra pronunciata dal cattivo di qualche romanzo distopico:

“…Ma se invece di ragionare su un processo millenario ragioniamo di un processo di pochi secoli, allora l’Africa diventa un elemento positivo, che va aiutato in tutti i suoi problemi. E non solo l’Africa, ma tutti i popoli migranti che hanno di mira Paesi di antica ricchezza, con i quali convivere nel tentativo di ridurre le disuguaglianze. La vera politica dei Paesi europei è quindi d’essere capofila di questo movimento migratorio: ridurre le diseguaglianze, aumentare l’integrazione. Si profila come fenomeno positivo, il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana”.

Rileggiamo. Quello che Scalfari auspica è “il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato”. La creazione di un popolo unico a livello mondiale è uno degli obbiettivi ultimi dell’ideologia globalista e mondialista, anche se spesso spiegato con parole decisamente più prudenti.

Scalfari e papa Francesco

Qui, invece, Scalfari ha espresso il suo progetto etnocida senza infingimenti. “Progetto” è del resto la parola giusta. Il fondatore di Repubblica, infatti, non dice che tale risultato sarà raggiunto grazie a meccanismi impersonali già in moto e ormai irreversibili. Al contrario, ne fa il centro di una precisa volontà politica, che deve perseguire tale obbiettivo e realizzarlo fattivamente. L’Europa, e in particolare le sinistre europee, devono attivamente intervenire sulla realtà per creare un popolo unico (in questo modo, peraltro, eliminando anche il concetto stesso di Europa: in una terra abitata da un unico tipo umano, a che pro distinguere i continenti con nomi altisonanti venuti da altre ere?). Con che coraggio, ora, diranno che la Grande Sostituzione è una fantasia complottista?

Fonte : Il Primato Nazionale

*

code

  1. Citodacal 3 mesi fa

    Perché no? Prendiamo un pezzo qui, uno là, li cuciamo assieme e poi aspettiamo il fulmine provvidenziale dal cielo. Già pensato? Scalfari lo prevede secondo l’incrocio classico del salto della cavallina?
    Mmhh… rimane l’invariante che il cervello, almeno quello del genio “pensante”, rimane lo stesso che Igor (“Frankenstein Junior”, Mel Brooks, 1974) sottrae nottetempo all’obitorio, appartenuto al fantomatico Signor A.B. NORME.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Salvatore penzone 3 mesi fa

      In merito vi espongo il mio punto di vista, già espresso in altri commenti: La vita circola negli scambi e così accresce la visione che abbiamo di noi stessi. Quando un individuo vive quest’ampiezza di “senso”, si sottrae naturalmente a qualsiasi manipolazione, diventa attore e regista. L’omologazione serve a impedire questo scambio perché distrugge la ricchezza immateriale di cui ogni comunità e ogni cultura sono portatrici con i loro patrimoni di valori e conoscenze e subentra come soluzione alle divisioni favorite nell’ambito sociale, al caos degli scontri di religione e delle guerre tra etnie, ecc. Essa permette l’egemonia di una cultura senza storia e senza identità che fa riferimento ai soli “valori” del denaro e della “forma merce” ai quali si accompagna un esasperato individualismo.
      Certo sono convinto che se siamo arrivati sulla luna è perché l’umanità era pronta ad assumere lo sguardo di chi osservando la terra dallo spazio ne ha una visione unitaria, dove l’umanità risulta Una e fusa in un solo organismo con la terra. È come se la storia ci avesse condotto a un punto di elevazione che ci permette di avere questa prospettiva. La globalizzazione non ha fatto altro che cavalcare un percorso, inevitabile, di apertura, che presuppone la necessità di guardare all’umanità nella sua interezza, usando la retorica internazionalista e cosmopolita strumentale agli interessi del capitalismo finanziario. Essa si presenta come il veicolo che un Nazismo redivivo ha scelto per sciamare in tutte le direzioni. In questa prospettiva la costruzione di un equilibrio internazionale multipolare acquista un significato pieno di aspettative positive per tutta l’umanità perché è l’unico modo per garantire il diritto all’autodeterminazione dei popoli e alla sovranità degli stati. 
      Per questi motivi credo che stiamo assistendo ad una manipolazione dei processi evolutivi che riguarda l’intera umanità. Una manipolazione condotta da parte di chi è ben consapevole del percorso e delle forze che spingono l’umanità ad evolvere. Il processo con le Forze inerenti, non è stato bloccato ma, con intelligenza diabolica, deviato dal suo binario. Si continua a parlare di democrazia, di libertà, di condivisione, di diritti umani, di accoglienza ma dietro l’uso di questi concetti si nasconde l’antica arma del DIVIDE ET IMPERA, uno strumento, oggi più di ieri, particolarmente attivo e globalmente diffuso di destabilizzazione: scontro di religioni; interessi privati contro interessi collettivi; nazione contro nazione; fratelli contro fratelli; l’uomo contro la donna; l’avere e l’apparire che si scontrano con la natura del nostro essere profondo; l’identità biologica contro l’immagine che ci inducono ad avere di noi stessi. Ecco credo che bisognerà rimettere la coscienza collettiva sul suo binario, e forse sarà anche necessario tornare alla stazione di partenza: famiglia, patria, identità, e lasciare che il percorso sia gestito individualmente, senza interposizioni esterne, ma all’interno di un ordine multipolare che possa favorire il rispetto dell’altro e la collaborazione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Citodacal 3 mesi fa

        Non so se Scalfari si fermi a un “filosofismo” autoreferenziale (quanto sembrerebbe più probabile secondo le apparenze), o proceda operativamente verso gli aspetti più torbidi dello psichismo (per chi conosce l’opera di Guénon, è esattamente ciò che il sufi francese indicava coi termini di contro-iniziazione e azione antitradizionale); certo è che chi gli offre la stura per esternare simili vaneggiamenti conosce piuttosto bene le basi della psiche umana e certe sue estensioni nell’infra-umano e nelle dimensioni intermedie, che la massa invece ignora completamente (viceversa, sarebbe un poco più accorta – dobbiamo però specificare come, in questa accezione, col termine “massa” siano da intendersi tutti coloro che, a prescindere da cultura, istruzione ed estrazione sociale, non hanno la benché minima intuizione delle dimensioni più sottili dell’essere umano). In questo senso, se lo zero metafisico rappresenta l’esperienza trasfigurante a cui soggiacciono il mistico e l’iniziato (che nei termini cristiani equivale alle parole dell’apostolo Paolo, Gal, 2:20: “Non son più io che vivo: è Cristo che vive in me”), nei termini invece intermedi dello psichismo lo zero pseudo-metafisico equivale a tendere egualmente verso l’indifferenziazione della Materia Prima (che i testi ermetici descrivono come balsamo celestiale e pericolosissimo veleno al contempo), ma in modo anonimo e distruttivo, disgregativo e annichilente, e non purificatorio e trasfigurante (motivo per cui, ad esempio, i Sufi impiegano l’accorto termine di “estinzione” della individualità secolare in un cammino spirituale e non “annichilimento” – ed Eckhart scrive mirabilmente: ”Fuso ma non confuso”).
        In questa accezione dunque, il capovolgimento in atto da tempo mira a qualcosa di davvero remoto, il quale tuttavia è impossibile a capovolgersi definitivamente, poiché nella dimensione duale ogni spinta ne genera un’altra analoga ma contraria, viepiù se condotta verso un estremo (e non solo, come dicono i musulmani autentici, “Iddio ne sa di più”, ma certo non lo si può ingannare o capovolgere, se non in via apparente, fittizia e transitoria): però questo fluttuare creerà inevitabilmente dolore nell’arco della sua durata, capacitandosi del quale è un modo per evitarlo in parte, oppure lenirlo (oltre che saper lavorare davvero sulle vere cause).

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Riki 3 mesi fa

      ci sono due cose che gli ominidi aspirano: avere una statua o una via col loro nome stampato sul marmo. E hanno il rimorso di non avere avuto abbastanza donnine nella loro misera esistenza – per cui quando si avvicina il momento della morte, svalvolano, si autoelevano, di cosa? non si sa…boh? il nulla.. il vuoto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Riki 3 mesi fa

        forse vogliono una vita nell’aldilà con tante donnine come fine rapporto – per esser stati servi a vita? mah?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Jack 3 mesi fa

    Lo conoscerete meglio di me,però se qualcuno avesse ancora dei dubbi…

    http://balder.org/judea/Richard-Coudenhove-Kalergi-Practical-Idealism-Vienna-1925.php

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ubaldo Croce 3 mesi fa

    Lo Scalfari ha smascherato i progetti di lorsignori..
    Pare più che evidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mardunolbo 3 mesi fa

    ci vorrebbe una pratica “eutanasica” per il signore ormai vecchio e defunto cerebralmente ! Chissa´che non scelga da se’ stesso per liberarci della sua presenza importuna…Un suo confratello di ideali ,invece e´morto, sembra, di morte naturale, ma non e´detto che debba seguire l’esempio di Veronesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro 3 mesi fa

      Carcere in isolamento con un crocefisso alla parte, che abbia il tempo in solitudine a tutto quello che ha provocato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Anonimo 3 mesi fa

    A questi e’ stato inculcato che l’eliminazione dei popoli portera’ alla pace perpetua. I loro (pochi) neuroni non riescono a vedere altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Giorgio 3 mesi fa

    I confini dello stato italiano sono individuabili ma non riesco in altrettanto esercizio quando devo farlo con gl’italiani. In altre parole non riconosco un popolo unico ma una congerie di enclave.
    E questo genio ambisce a farlo con un intero pianeta. Ma qualora ci riuscisse a che scopo? Per soddisfare Procuste?
    L’euGENIO non avrebbe più scopo di vivere raggiunta la sua meta, quale altra diavoleria s’inventerebbe per dare un senso alla sua vita?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Sviolinata delirante, quella del “papa laico” Eugenio Scalfari, per sostenere la globalizzazione “buona” che realizzerebbe l’internazionalismo proletario senza un proletariato, come lo intendevano i marxisti, ma con una neoplebe meticiatta nata all’interno del modo di produzione neocapitalistico.
    La solita bestialità dei sinistroidi da salotto, come il vecchio borioso che scrive, che porge una giustificazione alla distruttive globalizzazione neoliberista – l’unica possibile ed esistente – sventolando i fantasmi di una globalizzazione “buona”, di sinistra, che universalizzerebbe i diritti e “armonizzerebbe” le popolazioni, mescolandole e distruggendone le identità.
    Disgustose menzogne e deliri dei servi sinistri del grande capitale finanziario.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Fabrice McFab 3 mesi fa

    Ma questa storia del meticciato è una minchiata colossale col botto perchè gli italiani veri ( nati in Italia e figli di gente che da generazioni sono italiani ) non si metteranno mai a figliare con donne africane, mediorientali, indiane o cinesi, stessa cosa dicasi all’inverso per le italiane vere!!

    Negli USA, che è una società multietnica per antonomasia, i matrimoni misti da cui nasce il cosiddetto meticciato sono l’eccezione e non la regola!!

    Ergo, Scalfari racconta una balla per non dire quale è il vero progetto: creare una società multietnica sul modello americano dove ci sono comunità etniche molto diverse fra loro che saranno munte molto più facilmente a dovere dalle potenti lobby di turno!!

    Insomma, creare un caos multietnico per dominare meglio la gente e il tutto a favore esclusivo delle elites nazionali e collegate elites sovranazionali!!

    In altre parole, su un popolo eterogeneo ( composto da comunità etniche diverse fra loro ) sarà moooolto più facile applicare la golden rule del potere:

    divide et impera!!

    Saluti.

    Fabrice

    PS vantarsi di avere pensieri malefici del genere, sò soddisfazioni, non c’è che dire……!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Jane doe 3 mesi fa

      E io approvo, come molte altre volte signor Fabrice!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Fabrice McFab 3 mesi fa

        @Jane Doe

        thank you so much Jane, that’s very kind of you!!

        A parte la battuta in inglese, cerco solo nei miei commenti di applicare il buon senso comune di un cittadino che non si fa infinocchiare da Tv e giornaloni che vanno per la maggiore!! That’s it!!

        Ciao e Buon Ferragosto!!

        Fabrice

        PS per non dimenticare cosa ha combinato il meticcio Obama ( va bè, Tv e giornaloni italiani invece raccontavano la balla che Obama era il primo presidente afroamericano..!! Stendiamo un velo pietoso!! ), eccolo arriva!!

        http://vocidallestero.it/2017/01/10/zh-barack-obama-premio-nobel-per-la-pace-riassunto-da-ron-paul-in-una-frase/

        Per non parlare poi dei suoi importantissimi legami col malefico George Soros…!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Mario Rossi 3 mesi fa

    Va bene tutto qui non si parla di colore della pelle!!!! qui parliamo di azzerare anni di sacrifici di intere generazioni per donarlo con grande magnanimità a coloro che sono più poveri non per alzare il livello complessivo ma per abbassarlo a favore di guadagni stratosferici per quelle elites che adesso non hanno più i margini adeguati per ingozzarsi fino all’esplosione. Mi sembra una idea un pochino malsana visto che mi sono sempre fatto un culo della madonna e ho pagato milioni di euro di tasse. Però di sicuro la strada imboccata è quella e allora chi vuole intendere intenda e ritorni a pensare non come ampliare il giro di affari della propria impresa, ma di come restringerlo a tal punto da prendere per se solo quello che gli serve per godersi la vita. Nessuno infatti si chiede mai cosa ne sarà del mondo dopo che saremo morti!!!! niente accadrà diventeremo concime per i campi e quindi un consiglio spassionato: aprite gli occhi e godetevi la vita!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. annibale55 3 mesi fa

    Sto signore quà bisognerebbe rinchiuderlo. Da quando ha cominciato a scrivere..per prima cosa s’ è arricchito e per seconda ha rovinato il paese. Crisi economica infinita, povertà come nell’ 800, denatalità, emigrazione. Questi sono gli effetti delle prediche di Scalfari. Buttatelo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Werner 3 mesi fa

    Costui ci spieghi quale “ricchezza culturale e genetica” dovrebbero apportare le popolazioni subsahariane una volta giunte in Europa, visto che il QI medio è inferiore rispetto alla media mondiale. Io so solo che questi discorsi deliranti sul meticciato, l’immigrazione, il multiculturalismo, ecc., vengono fatti solo nell’Europa occidentale, a dimostrazione del degrado etico, morale e civile in cui essa è precipitata.

    In altre zone del pianeta, chi manifesta apertamente un simile pensiero nella migliore delle ipotesi viene isolato dalle persone e messo ai margini della società; nella peggiore, verrebbe prelevato con la camicia di forza dalle autorità e rinchiuso a vita in un manicomio, dove verrebbe usato come cavia. Sono parole contrarie al buon senso e alla ragione, non si può permettere di esprimerle in maniera così sfacciata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Woland 3 mesi fa

    Secondo la regola aurea che, per misurare la fattibilità di un progetto, prima si fa la cosa difficile e poi le facili seguiranno bisogna cominciare a meticciare la popolazione di Israele.
    Se funziona lì funzionerà anche altrove. Quindi mi aspetto una bella campagna di repubblica-espresso per i matrimoni misti israelo palestinesi e non solo: ma israelo marocchini, israelo eritrei, israelo sudanesi.
    E voglio una campagna della sinistra per questo progetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ENORME Woland

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Citodacal 3 mesi fa

    Scalfari promulga una pessima immagine della terza età; proprio lui che si ritiene un “saggio” fatica ad accettar l’idea per cui, di qui a breve, dovrà arrendersi a Qualcosa, procedendo invece imperterrito coll’ergersi patetico aggrappandosi a faraoniche e ridondanti messinscene, simile a un gigante dai piedi d’argilla che annaspi senza ben saperlo. Farebbe meglio a seguir l’esempio degli anziani, e consapevolmente prossimi al trapasso, Pellerossa: ma queste son cose che, in genere, andrebbero preparate coscienziosamente in tempo e col tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 3 mesi fa

      Noto con piacere che il vecchio rimbambito ha fatto il pieno di commenti,segno che gli diamo piu’ importanza di quella che effettivamente ha.Come il finto papa si pavoneggia sui giornaletti che non possono negargli un po’ di spazio perche i direttori tengono famiglia.Non fatevi impressionare da questi vecchi saggi,da questi maestri del pensiero;dietro le quinte c’e’ sempre un uomo col pannolone pronto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Tania 3 mesi fa

    Tutto pur di prendere possesso dell’umanità… E’ stupefacente la follia dei pochi…
    Siamo in mano a fuori di testa, è assurdo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Tania 3 mesi fa

    Hanno tutto, hanno fatto tutto, possono distruggere tutto, tutto per avere noi.
    Noi. Noi. noi.
    E’ noi che vogliono, chissà, forse pensano che la loro vita “dopo” sarà diversa.
    Più sicura? Di che hanno paura?
    Sono matti, d’accordo, ma stiamo attenti, che farsi dominare da matti non è etico!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Fabrice McFab 3 mesi fa

    Dimenticavo!!

    Ecco qui una chicca del pensiero moooolto malefico di Scalfari:

    L’oligarchia «è il governo dei pochi ma è la sola forma d’un governo democratico»….

    http://www.libreidee.org/2016/10/scalfari-sdogana-loligarchia-e-i-dogmi-dellelite-reazionaria/

    Cordiali saluti.

    Fabrice

    PS No Comment!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace