"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Degrado, sopraffazione e corruzione nel Dna del piddì

di Eugenio Orso

E’ meglio chiarire subito, quando superando il ribrezzo discutiamo del problema-piddì, che non siamo davanti a un partito squisitamente italiano e neppure ci troviamo di fronte una formazione politica libera, frutto dell’associazionismo autoctono.

Il piddì, infatti, è correttamente definibile come una “entità sub-politica collaborazionista della troika, anti-nazionale, filo-atlantista ed euroserva”, essendo proprio quelle sintetizzate nella definizione le sue caratteristiche salienti. E’ opportuno descrivere brevemente tali caratteristiche, perché il piddì è la principale causa del degrado italiano, della mancanza di sicurezza e fiducia nel futuro, del decadimento della qualità umana nella penisola, della corruzione dilagante come in nessun’altra epoca storica.

Poco importa che la formazione euroserva sia nata meno di un decennio fa, nell’ottobre del 2007, mentre, come sappiamo, la corruzione in politica è ben più antica avendo oltre un secolo di vita (dallo scandalo della Banca Romana nel 1893, ai tempi di Giolitti, a oggi), poiché l’entità sub-politica chiamata piddì è essa stessa il frutto avvelenato della corruzione, del decadimento della politica, della sottomissione con spirito anti-nazionale ai poteri esterni. Poco importa, inoltre, che si tratti di una formazione attribuita al centro-sinistra, perché il programma politico del piddì, che è quello che veramente conta, non si decide a Roma, ma a Bruxelles, Francoforte, Washington, e allora non ha alcun senso parlare di destra e sinistra. La Lega e M5s, nel male e nel bene, sono comunque partiti nazionali, sia pur inefficaci e totalmente sottomessi al giogo liberaldemocratico che castra le opposizioni, ma questo non vale per il piddì, prediletto non a caso da Goldman Sachs e dalle City finanziarie.

Analizziamo di seguito la definizione proposta all’inizio, per capire i motivi che fanno del piddì la principale fonte del degrado, della sopraffazione e della corruzione in Italia.

Entità sub-politica collaborazionista della troika (con sedi a Bruxelles, Francoforte e Washington). Il piddì non è un partito, men che meno tradizionale, in quanto non è vera, reale espressione degli interessi di gruppi sociali autoctoni, di una classe o almeno di un ceto. Il piddì non ha ideali, anche se li millanta (“i nostri valori, la nostra storia”!) perché i collaborazionisti non ne hanno bisogno, dovendo unicamente servire il padrone che in questo caso è la troika sopranazionale, cioè la commissione europide a Bruxelles, la banca centrale europoide a Francoforte sul Meno, il fondo monetario internazionale a Washington.

Ho usato l’espressione “Entità” in luogo di partito non solo con intenti spregiativi (che pur ci sono, come su un altro piano nel caso di Israele definito dagli iraniani “entità sionista” e non stato), ma appunto per distinguere fra il vero associazionismo politico nazionale, che genera partiti, e questa accozzaglia di collaborazionisti della troika incaricata di svendere la sovranità e la struttura produttiva nazionale. L’espressione “sub-politica” è giustificata dalla completa sottomissione programmatica del piddì di governo agli spietati diktat di Bruxelles, Francoforte e Washington, con il conseguente esproprio della politica, oltre che della sovranità monetaria, che caratterizza i programmi di governo.

La vera politica risiede altrove e non la fanno i collaborazionisti in un paese occupato. Ciò non significa soltanto che se ci sarà veramente la riduzione della tassazione a livello centrale – sulla casa, come promesso da Renzi – si farà spingendo all’aumento della tassazione locale regioni e comuni, aumentando i ticket sanitari e tagliando la spesa per la sanità pubblica, ma comporta un effetto negativo di lungo periodo ancor più rilevante. In breve, se “la politica non decide”, come scrivono i giornalisti, se non vi è confronto fra programmi alternativi e visioni diverse della società, ci si occuperà di trarre il massimo vantaggio dalla situazione, razziando risorse e denaro pubblico senz’altro scrupolo.

Arricchimento personale e ingiusti privilegi sono le uniche motivazioni che funzionano, in tale situazione. Dal canto loro, i padroni sopranazionali dell’entità sub-politica chiamata piddì consentono l’estendersi e l’aggravarsi della corruzione in Italia, con conseguente degrado istituzionale, in cambio dei servigi dei collaborazionisti, consapevoli che ciò indebolisce ulteriormente lo stato nazionale, suscitando disgusto e sfiducia nella popolazione, e avvicina la prospettiva di un definitivo governo-troika completamente sottratto alla volontà popolare.

Il piddì è un’entità sub-politica anti-nazionale, come diretta conseguenza di quanto precede, poiché gli interessi delle grandi merchant bank e delle City finanziarie sono opposti a quelli del popolo italiano e sono questi gli interessi che i democrat perseguono. Altrimenti perché tagliare i posti letto negli ospedali, aggirare l’articolo 18 dello statuto che difende i lavoratori, bloccare stipendi e turn-over nel pubblico impiego?
Incombendo il trattato transatlantico per il commercio che farà morire le produzioni italiane, provocherà degrado alimentare, eccessi di Ogm e anabolizzanti, un esponente del piddì, “fedele alla linea” atlantista e neocapitalista, non ha trovato di meglio da dire, per difendere l’indifendibile, che così l’Europa detterà le regole della globalizzazione!

Il carattere anti-nazionale del piddì è evidente anche sull’insidioso versante della politica estera e delle alleanze, foriero di guerre e lutti.

In questo campo, l’Italia non ha una vera sovranità dalla fine della seconda guerra mondiale, in quanto nazione sconfitta, ma oggi il piddì filo-atlantista, appoggiando e applicando le ingiuste sanzioni contro la Russia, volute dagli Usa con l’acquiescenza della Ue, sostenendo lo stato canaglia e provocatore ucraino e aderendo a coalizioni e avventure militari americane, ci mette tutti gravemente in pericolo. Il rafforzamento della Nato a est, per provocare i russi, tirarli per i capelli in un conflitto in Europa con possibilità di uso di armi nucleari, consiglierebbe un rapido sganciamento dell’Italia dalla cosiddetta alleanza atlantica, o almeno un rifiuto a partecipare ad avventure guerrafondaie, ma questo, con i democrat al governo, non accadrà mai.

Il piddì è inevitabilmente un’entità euroserva, infine, perché la moneta unica è uno strumento di dominazione elitista, che alimenta la schiavitù per debiti di ciò che resta degli stati nazionali nei confronti dei detentori del grande capitale finanziario, signori e padroni dei democrat. Senza l’Unione europide e il grande imbroglio dell’euro probabilmente non ci sarebbe neppure il piddì. I vertici piddini sanno bene che il loro destino è legato a doppio filo alla permanenza dell’Italia nell’eurolager, nonché all’obbedienza assoluta nei confronti di Bruxelles (sede centrale anche della Nato), Francoforte e Washington. Per questo assistiamo impotenti alla quotidiana sopraffazione, al degrado e alla corruzione che il sub-potere politico piddino porta con sé.

Ad infima!

Fonte: Pauper Class

*

code

  1. anna 2 anni fa

    sono perfettamente d’accordo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. riccardo 2 anni fa

    guarda un attimo la tv e capisci il livello di idiozia dei programmi; falsità di programmi d’ informazione – distorsione della realtà – guarda negli occhi un/a “giornalista” che da notizie false e spegni immediatamente come se stessi bevendo del veleno per errore! Un umanità di sonnambuli che non si risvegliano piu

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. giannetto 2 anni fa

    “Il piddì, infatti, è correttamente definibile come una “entità sub-politica collaborazionista della troika, anti-nazionale, filo-atlantista ed euroserva”. – Il dramma fondamentale è a monte: agli italiotelli questa natura del pd non fa né caldo né freddo. Che sia pure troiko-collaborazionista ed euroservo (tanto gli italiotelli han fatto il callo a servaggi secolari), sia pure anti-nazionale (tanto gli italiotelli non han mai avuto nazione, fuor della calcistica), sia pure filo-atlantista (tanto gli italiotelli son già ingozzati di amerikagate)… tutto questo è acqua fresca. Ha ragione Marco della Luna: non potete insegnare decenza civica e politica a chi non ne ha mai avuta. Il pd è solo la quintessenza di tutto questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. newducki 2 anni fa

    01 novembre 2015
    Sono completamente d’accordo.
    Ma questi Signori, hanno giurato sulla costituzione e in nome del popolo, quindi vanno denunciati, processati, per
    ALTO TRADIMENTO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 2 anni fa

      Ok! – Cercasi il denunciante.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. manente 2 anni fa

    Questo articolo andrebbe riprodotto in manifesti formato gigante ed affisso in tutte le contrade d’Italia. L’impegno di ogni cittadino consapevole dovrebbe essere quello di far aprire gli occhi a quanti in buona fede danno ancora credito ad una masnada di farabutti che è perfino riuscita a veicolare l’idea di una loro presunta “superiorità morale”. Il colmo dei colmi consiste nel fatto che una tale entità sub-politica che si configura come una vera e propria associazione a delinquere,sia riuscita ad assicurarsi la “non ostilità” della Chiesa che, in nome di uno stolido buonismo, fa il gioco di coloro che hanno come obiettivo primario quello di distruggerla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace