"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Dacci oggi la nostra Europa quotidiana, che affama i sudditi

Sono sempre loro, e non mollano. Giuliano Amato, Anthony Giddens. Cioè «esponenti di punta della “terza via” blairiana e del pensiero unico ordoliberista». Hanno firmato l’ennesimo appello (sul “Corriere della Sera”, l’11 febbraio) per il “rilancio dell’integrazione europea”, sostenuto da 300 intellettuali. Strillano: oggi l’Unione Europea è sotto attacco «sebbene abbia garantito pace, democrazia e benessere per decenni».

Esaltano «l’economia sociale di mercato», affermando che può funzionare solo grazie a una governance multilivello e al principio di sussidiarietà. E rivendicano il ruolo di un’Europa «cosmopolita» nella costruzione di una «governance globale democratica ed efficiente». Il tutto, scrive Carlo Formenti su “Micromega”, condito dall’invito a legittimare la Ue attraverso elezioni in cui i cittadini del continente possano finalmente sceglierne i vertici. Peccato, dice Formenti, che le affermazioni dell’appello siano integralmente false. L’Europa avrebbe garantito pace, democrazia e benessere? «Dai Balcani all’Ucraina, passando per la Libia, l’Europa è stata un costante fattore di guerra». Quanto alla democrazia, «chiedete cosa ne pensa il popolo greco». E il citato benessere? Non pervenuto.

Per Formenti, quel “benessere” è soltanto «un miraggio, per quei milioni di cittadini che hanno visto peggiorare drasticamente i livelli salariali e di occupazione, oltre a perdere gran parte dei diritti conquistati prima dell’avvio del processo di Giuliano Amatounificazione». Seconda considerazione: «Associare l’economia sociale di mercato all’allargamento della democrazia è una contraddizione in termini».

Dietro questo slogan «si nasconde infatti quel progetto neoliberista che si è costantemente impegnato a sottrarre il compito della legittimazione al quadro costituzionale-parlamentare per affidarlo a organismi non eletti, che rispondono esclusivamente agli imperativi del mercato». Inoltre, agiunge Formenti, la sussidiarietà di cui si parla «è consistita nella proliferazione di enti, agenzie e autorità deputati a gestire localmente i bisogni sociali – proliferazione che è proceduta di pari passo con lo smantellamento del welfare e con l’assunzione dell’impresa privata quale modello universale di regolazione sociale, in base al principio secondo cui non bisogna ostacolare chi potrebbe erogare un servizio migliore del servizio pubblico».

E’ quello che Colin Crouch ha definito «la spoliticizzazione del servizio pubblico attraverso la riduzione del cittadino a cliente». Infine le reti multilivello, presentate come un modello di integrazione della società civile nella governance, «sono di fatto servite a indebolire quei gruppi intermedi di pressione che rappresentavano e difendevano gli interessi delle classi subordinate», osserva Formenti. «Per il dogma ordoliberista, infatti, questi gruppi sono un ostacolo alla concorrenza che impedisce la libera formazione dei prezzi (a partire da quello della forza lavoro, che va tenuto il più basso possibile per evitare tensioni inflazionistiche)».

Sempre secondo quel dogma, “sacro” a chi comanda l’Europa – Germania, Ue, Bce – vanno contrastate tutte quelle richieste di “elargizioni clientelari” che provocano un aumento della spesa pubblica in materia di previdenza e salute. Al contrario dei liberisti classici, scrive Formenti, per gli ordoliberisti «il ruolo dello Stato è fondamentale: sia in quanto garante dell’ordine giuridico che deve garantire il corretto funzionamento del mercato (che non è in grado di Formentiautoregolarsi), sia in quanto garante di un ordine sociale “post ideologico” in cui tutti i cittadini devono venire convinti di essere “imprenditori di se stessi” e di vivere nel migliore dei mondi possibili».

Il riferimento alla natura cosmopolita dell’Europa, del resto «smentito dai muri e dalle altre pratiche di contrasto ai flussi migratori, come il vergognoso accordo con il regime autoritario turco», per Formenti «va letto infine come “internazionalismo” delle élite, da contrapporre alle resistenze locali dei vari popoli europei alla colonizzazione da parte del capitale globale». Come conciliare tutto questo con la proposta di legittimare l’oligarchia di Bruxelles sottoponendola al vaglio degli elettori? «Non è difficile immaginare quali alchimie giuridico-istituzionali verrebbero escogitate per garantirsi a priori il trionfo di una grande coalizione europea “anti populista”, visto che, come spiega l’articolo di Goffredo Buccini nel taglio basso sotto l’appello», sul “Corriere”, occorre «guardarsi le spalle da quel popolo bue che insiste a votare movimenti come l’M5S, in barba alle prove di volgarità, ignoranza e incompetenza offerte dai suoi dirigenti».

Fonte: Libreidee

*

code

  1. Tania 5 mesi fa

    A vedere questa foto mi viene una sola cosa da dire :

    ACHTUNG! BANDITI!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tania 5 mesi fa

    Questi due, cupola della feccia parassita itaGliana, quanto hanno a cuore il “popolo europeo”, secondo voi?
    Onesti, eh!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tania 5 mesi fa

    Quello a sinistra arrotonda ciò che guadagna con il potere del posto che ricopre, con una pensione d’oro…
    Guardate lo splendore di questo ometto, quanto è bello, uno così ha bisogno di taaaaanti soldi per sopravvivere…
    Quello a destra è un figlio illegittimo di Re, frustrato, ma la vita gli è andata bene, in nome di ciò che non ha potuto dire di essere ufficialmente lo hanno ricompensato con ruoli di prestigio da Re repubblicano…
    Il signore in questione, tale Napolitano, è quello che arrotondava lo stipendio da parlamentare europeo, uno dei meglio pagati, con gonfiaggio dei costi dei viaggi, cene, pranzi, il poveretto, altrimenti non ci stava dentro… E’ anche quello che il tiggì descrisse come “eroe” perché era andato al cinema con la moglie e AVEVA PAGATO IL BIGLIETTO! Si può commentare una roba simile? Non credo. E’ anche quello che sulla poltrona di presidente della Repubblica leggeva le lettere degli italiani, lettere tragiche, di disperazione, e lui come li consolava? Dicendo “portate pazienza”
    PREGO? Mi scusi, ho mandato la lettera scritta al presidente, al salumiere, lei come salumiere certo altro non mi poteva rispondere…
    Questi 2 Banditi…
    Cosa darei per poterli incontrare di persona, mi feliciterei per la loro bravura a parassitare, davvero meritano l’Oscar!
    Ma mangiano brodini d’oro? A che gli serviranno tutti quei soldi? Ah, dite che è una gara tra ricchi? Capisco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Anonimo 5 mesi fa

    A Tania ar fijo der re de Napoli si guardi bbene je se vede puro er terzo occhio daa three eyesse three architettes
    Che da quanno c’è l hanno ssociato ner 76 dice che je spuntato come so carucci io nun te dico che je farebbi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Manente 5 mesi fa

      Figlio del “re di maggio” che tradotto in romanesco si dice “fijo da na mig..tta”, come quel sorcio che gli sta vicino.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mardunolbo 5 mesi fa

    Ma Tania , suvvia, un po’ di carità verso i nipotini, i tesorucci e famigliarucoli di questi due nababbi dalla vita e dallo sguardo felice ! A cosa servono i soldi che “guadagnano” (si fa per dire) con la loro pensione “sudata” ? servono a mantenere per generazioni e generazioni nipotini e figliuoletti, cari pargoletti loro…Del resto gli italioti bofonchiano, si sa, ma alla fine sono quieti quieti e “b’boni, b’boni ” ….Solo alla fine della guerra, stanchi di essa hanno trucidato fascisti a migliaia ed appeso per i piedi Mussolini che aveva deciso la guerra. Ma erano altri tempi e lo spirito guerriero istillato da vent’anni di fascismo si era rivoltato contro !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 5 mesi fa

      Ciò che lei descrive nella parte conclusiva del suo commento è successo soprattutto nelle regioni rosse che ancora stanno esercitando violenza nei confronti delle altre regioni.
      tenga presente che Benito è romagnolo e non veneto o abruzzese.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Tania 5 mesi fa

    Rispondo sia a Mardunolbo che a Giorgio, premettendo che le mie radici sono in Romagna lato comunista, parecchio comunista, la famiglia della mamma, contadini, era antifascista, i nonni e metà zii erano comunisti/partigiani, altri erano dichiaratamente fascisti, proprio iscritti al fascio, finita la guerra quelli rimasti vivi di qualunque parte fossero stati, dopo votavano tutti il PCI…
    Mia mamma era la vergogna della famiglia nel senso che i nonni l’avevano avuta avanti negli anni, ed allora le donne dopo una certa età non facevano più figli, si vergognavano… La mia bellissima mamma un giorno si voltò verso me che ero bambina, e come tra se e se, guardandomi senza vedermi disse “perché sono comunista?, ah, si, perché lo era mio padre.” Un giorno le ho chiesto, mamma, che cosa era il fascismo? Il fascismo faceva stare bene gli impiegati, e affamava gli operai e i contadini.
    Mia mamma spiegava tutto in 3 parole, era intelligentissima e ignorantissima, un giorno a scuola, avevo 6 anni, vedo le bambine trattare male questa bambina, chiedo ad una il perché, questa mi dice, perché è una ebrea, io esco, arriva mamma, ci avviamo verso casa, le chiedo, mamma, chi sono gli ebrei? Lei nella tranquillità più assoluta si volta verso un balcone al 1° piano di un edificio e mi dice, è la famiglia che abita lì. Così fino a che non mi sono imbattuta nell’ebreo Gad Lerner in età adultissima, ho sempre pensato che gli ebrei erano la famiglia che abitava dove abitavano altre famiglie, ma qualcosa non mi tornava, poche informazioni, attorniati da nessuna vera informazione… solo questo piagnisteo sulla Shoah quando poi nella 2° guerra mondiale sono morti più di 75 milioni di persone, quelli ricordati solo e sempre questi 6 milioni di ebrei, che un giorno ho pensato seriamente cosa dovrebbe dire uccidere 6 milioni di ebrei in campi di concentramento, e non dimentichiamo gli altri numeri che dicono di almeno altri 6 milioni di persone tra zingari, comunisti, socialisti, comunisti, dissidenti in genere, in tutto 12 milioni di persone, ma di che cavolo stavano parlando? Fosse vero il fumo dei camini dei campi si sarebbe visto fin in Groenlandia… Ho visualizzato lo stadio del Bologna, 50.000 persone, da portare a 12 MILIONI, ma che cosa ci hanno raccontato? Ci ha pensato un ebreo sionista ad aprirmi gli occhi, un mondo osceno mi si è aperto davanti, una verità orrenda è venuta fuori, altro che “vittime”…
    A quei tempi noi eravamo al livello degli iracheni quando è stato giustiziato Saddam, Mussolini era predestinato alla fine che ha fatto, oggi nessuno di sinistra vorrebbe per lui quello che gli è capitato, io non lo vorrei! Tra l’altro penso che, dati i tempi, Mussolini ha fatto non 1 ma 100 cose più di tutto quello che hanno fatto 70 anni di DC, che oggi la DC è il PD, certo so benissimo che ha soppresso i suoi dissidenti, tra i quali c’erano anche i miei zii, ma lo fanno tutti, nessuno escluso, oggi sono fino stanca di parlare del passato, che dovrebbe servire solo come esempio di esperienza, invece sembra che ogni generazione debba sbattere con i suoi denti prima di capire, che fatto strano, ma siamo fatti così. Ci sono due cose immutabili alla faccia di ogni generazione, i ricchi e i poveri. Tutto ruota e si ripete intorno a questo mantra… Cambia il linguaggio, i costumi, tutto intorno a queste 2 stelle fisse… stranissimo, no? 2 stelle fisse dove niente è fermo, mai.
    Peggio, sembra che tutto debba essere in funzione garante della continuazione IMMUTABILE di queste 2 condizioni, i ricchi e i poveri, no?
    Scusate, non ricordo dove volevo arrivare, ho perso il filo, chiedo solo a Giorgio cosa vuol dire “nelle regioni rosse che ancora stanno esercitando violenza nei confronti delle altre regioni.”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 5 mesi fa

      Egregia Tania prima o poi lei e le genti che le vivono in prossimità dovrete far i conti con voi stessi, superare il materialismo e trattare il trascendente in maniera scientifica.
      Lei si definisce comunista ed atea e per certi versi è un ossimoro, infatti Cristo è il capostipite dei comunisti ed anche il figlio unigenito di Dio, quindi si decida.

      La corrente filosofica, e non solo, di base è stata “il socialismo”, madre di ogni altra derivazione, Benito è nato e cresciuto a pane e socialismo, prova ne sia che tutte le istituzioni sociali ancora esistenti e recentemente soppresse come l’IRI hanno avuto grande spolvero con la buonanima.
      Il comunismo è una costola del socialismo, quindi il primo non può abiurare il secondo rappresentato dal maestro di Predappio. Comunismo e fascismo sono le due facce della stessa medaglia, dichiarare destra il fascismo è un’iperbolica ipocrisia, addirittura definire Forza Nuova di estrema destra è una blasfemia.
      Fatto che non mi meraviglia dal momento che l’etimologia non esiste più ma esiste solo la post-verità, artatamente inverata dalle genti che vivono nella sua larga enclave.
      Se lei mirasse un atlante storico potrebbe facilmente evincere che i confini regionali ivi tracciati non corrispondono a quelli delle attuali regioni italiane ma sono sostanzialmente diversi. Infatti, quando mi riferisco al suolo dove sono nato, non parlo mai dell’attuale Veneto ma della Repubblica Serenissima che andava dalle bocche di Cataro fino a Bergamo.
      E grazie ai comunisti di Tito ed italiani è stata defraudata da tutti i territori che originalmente le appartenevano.
      Ammetto che il leone di san Marco ha commesso i suoi errori come li ha commessi Mussolini, ma la demonizzazione tout-court è una madornale devianza, si sono tutti e due adagiati sulla classe sociale di mezzo dimostrando di essere vittima entrambi di un equivoco filosofico, cosa che d’altronde sta vivendo anche l’attuale società.
      Qui mi fermo per non tediare nessuno, ma resto a disposizione per ogni altra ed eventuale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 5 mesi fa

        Senza la spiritualità cosa saremmo? Noi siamo spirito e materia, per una cosa che mi è successa so sulla mia pelle che la materia percepisce lo spirito, lo spirito non percepisce la materia.
        Ma noi siamo tutto, ed è con il tutto che siamo che dobbiamo fare i conti, dico che la spiritualità non potremo MAI spiegarla scientificamente in quanto per come siamo fatti non c’è modo di poterla incanalare nelle nostre limitatezze scientifiche, sarebbe come chiedere ad una formica di fare una lezione sul quantico algoritmico dell’Universo…
        Certo sono atea rispetto alle divinità di cui gli umani narrano, e sono comunista perché seriamente penso potrei riuscire a concepire, capire, vivere, in un sistema che vada appunto oltre i bisogni materiali in quanto corroborata da quelli spirituali, solo un vero comunista può concepire di vivere con gli altri al di sopra dell’entità dello stipendio, o del conto in banca, in ultima analisi, nel VERO comunismo, i soldi nemmeno dovrebbero esistere, cioè in pratica non dovrebbe esistere l’essere umano… capito l’ossimoro vero?
        Quindi noi si dovrebbe fare il meglio di quello che possiamo, senza pretendere la Luna, altro è essere preda costante da millenni di pochi che vivono prendendosi la parte altrui, eh!
        Va bene il capitalismo, va bene tutto quanto, non ho pregiudizi, ma se capitalismo deve essere che sia davvero capitalismo, cioè un sistema aperto a chiunque voglia mettere in gioco se stesso, non questa mangiatoia mafiosa per una classe usuraia! Pizzo, UE, caste parassite, una cupola mondiale che controlla tutto, cibo, energia, acqua, clima, salute, attraverso una rete di acciaio fatta di banche, multinazionali, governi servi, e leggi implacabili, noi non siamo nemmeno più dentro un capitalismo, è questo il fatto!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 5 mesi fa

          Quando scrive ed asserisce lo deve fare per se stessa, quindi: ” Noi siamo spirito e materia, per una cosa che mi è successa so sulla mia pelle che la materia percepisce lo spirito, lo spirito non percepisce la materia.
          Ma noi siamo tutto, ed è con il tutto che siamo che dobbiamo fare i conti, dico che la spiritualità non potremo MAI spiegarla scientificamente in quanto per come siamo fatti non c’è modo di poterla incanalare nelle nostre limitatezze scientifiche, ” E’ FALSO.
          Come fa la materia percepire lo spirito e non viceversa? E’ in grado con sue parole di spiegarmelo?
          Alcuni miliardi di persone tra queste Einstein, sostengono che la materia non esiste ma è maya, lei invece afferma che la materia percepisce lo spirito, ma di che comunismo sta parlando? Un comunismo elitario tra lei e la sua famiglia?
          Poi parla di un Dio degli uomini, ma se oltre la metà della popolazione mondiale non crede ad un Dio ed inoltre gli ebrei ne hanno uno per conto loro, come gli islamici ed i cattolici e sottospecie, a quale Dio si riferisce?
          A questo punto mi assale un tremendo mal di testa che lei mi ha innescato con la sua totale confusione, mi deve scusare ma io sono un contadino e necessito come dell’aria di ordine e precisione, il terreno se ne stra-frega della post-verità.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Tania 5 mesi fa

            Logicamente parlo di fatti a me accaduti e non di scienza, non sono una scienziata, non ho alcuna cultura, dico ciò che dico perché lo so non per mia volontà, ma perché per qualche misterioso motivo, che non saprò MAI, mi è stato dato di sapere, ripeto, io so che esiste una dimensione dove non c’è materia, ma solo il NULLA che è TUTTO, INFINITO, DIO, cioè me.
            Dico ed affermo che in quella dimensione non esiste la materia, non se ne percepisce l’esistenza, non c’è NIENTE, non pianeti, non mamme, non città, non stelle, non soli che scaldano, non aria, non giorno, non notte, NIENTE.
            E adesso dimmi come fai a capire questa cosa senza averla provata, che mi scappa da ridere…. Io so di cosa parlo, ma gli altri come fanno a capire ciò che la nostra mente non contempla se non come retorica, parola vuota di significato, solo chi è andato in quella dimensione sa di cosa parlo, punto.
            Ma sono qui a parlarne, quindi la materia sa della spiritualità, ma la spiritualità non sa della materia, “quella” spiritualità senza materia…
            Devo uscire, quando torno parlo di Dio, cioè, la cosa è ridicola, io che parlo di Dio, davvero non c’è più religione…
            Vabbè, mettiamoci a ridere, certo però che ogni essere umano ha il pieno diritto di parlare di Dio a ben pensarci, no? O solo i teologi e quelli autorizzati (da chi) possono farlo?

            Mi piace Non mi piace
          2. Giorgio 5 mesi fa

            Tania non ha risposto alle mie domande e come un disco rotto ha ripetuto le cose che aveva già palesato, è forse senescenza?

            Mi piace Non mi piace
          3. Tania 5 mesi fa

            Sono senescente, e infatti ho deciso di non ri-spiegare proprio nulla, chi ha capito ha capito, gli altri si arrangino, che me ne fotte, in fondo?

            Mi piace Non mi piace
          4. Giorgio 5 mesi fa

            Tania temo che l’unica a non aver capito sia proprio lei.

            Mi piace Non mi piace
          5. Tania 5 mesi fa

            Ma chi se ne fotte, mi scusi.
            Lei capisce? A posto.

            Mi piace Non mi piace
  7. Tania 5 mesi fa

    Stamattina ascoltavo sulle3 lamentele dei tassisti e degli ambulanti, il tempo passa, e passa, e passa, e noi siamo ancora dentro questo usuraio che è la UE. Quanto ci deve ancora massacrare prima che noi si decida di salvare la pelle? Capiremo che siamo in punto di morte? Perché nella UE se fosse cosa buona e giusta come ci hanno raccontato e ci raccontano, questi 2 BANDITI ci si trovano così bene? Non dimentichiamo che noi non paghiamo le tasse, cosa buona e giusta per poter essere un paese moderno e civile, noi paghiamo il PIZZO ad una manica di parassiti, così funziona con le MAFIE…
    Iieri sul Resto del Carlino ho solo letto il titolo, nei palazzi del potere, (e non del governo, che quelli mica governano), ora c’è una vera stazione di gay pronti e a disposizione dei parlamentari, diciamo ben pagati da noi, ecco, finisce tutto nel conto che i parassiti ci mandano a fine anno, ma cosa sono diventati i palazzi del governo? Droga e sesso a volontà, in cambio la UE chiede a questi parassiti la demolizione totale del PAESE ITALIA. E noi rimaniamo dentro? Non ci bastavano i nostri parassiti locali, ci siamo pure internazionalizzati? Il masochista davanti a queste MAFIE MULTIPLE che lo flagellano gode come un matto, dice due è meglio che uan…
    Voi siete masochisti? O siete tra i parassiti?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 5 mesi fa

      Se lei avesse un’età infantile potrei tollerare ciò che ha scritto, ma ha lasciato credere di essere una donna matura quindi inscusabile.
      Tra mezzo secolo ed oltre addietro ed i tempi attuali, per quanto riguarda ciò che lei ha manifestato, c’è un’unica differenza: l’ipocrisia.
      Prima avveniva tutto nel buio della sacrestia, ora spogliandosi di ogni pudore viene svolto alla luce del sole, veicolando in questo modo l’idem sentire della totale impunità, salvaguardata sempre da quei MILITARI armati fino ai denti che dicono, e forse sono anche convinti, di essere al servizio dei cittadini.
      Cittadini disarmati che non possono andare alla guerra, perché questa non si fa più con le fionde.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 5 mesi fa

        C’era un bellissimo film di Bunuel, che era il mio regista preferito quando ero ragazzina, il giorno che è morto ho provato un dolore tanto strano, ho percepito la perdita… ero davvero molto triste, troppo, fin quasi esagerata data l’età, ma quello era, punto, nel film le persone stavano sedute su water attorno ad un tavolo, e intanto discorrevano, ogni tanto una di queste persone chiedeva rispettosamente scusa con una punta di imbarazzo, si alzava dal wc e si allontanava, andava in cucina, si chiudeva a chiave e cominciava a mangiare. Io credo di essere una che niente la possa scandalizzare, ma davvero niente, non ho preclusioni di niente su niente, solo c’è un tempo ed un luogo per ogni cosa, a questo credo.
        Il sesso lo fai a casa tua, o dove ti pare, non in PARLAMENTO, e facendo mettere tutto sul mio conto, CHIARO? Vale anche per la droga, o se chiami il parrucchiere, etc… Io quando lavoravo mi stavano addosso, dovevo consegnare il lavoro fatto bene e velocemente, questo è lavorare! Facciamo a capirci, eh!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tania 5 mesi fa

          Giorgio, ti ho dato un bel Non mi piace.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. PieroValleregia 5 mesi fa

    …UE = URSS …solo un cieco non lo vede, solo un sordo non lo sente, solo uno diversamente intelligente non lo capisce;
    UE, Nato, Onu, Unesco, Greenpeace, raitre, skytg24 e alla via così sono feccia da eliminare… per sempre, dalle nostre vite
    saluti
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 5 mesi fa

      UE=URSS sembra intrigante… Ma non lo è, che sarebbe come dire che due bionde solo perché sono bionde sono uguali.
      La UE è per il controllo totale delle masse, ma devono essere tutti dementi, zombie, l’URSS era ugualmente per il controllo totale delle masse a cui dava l’OBBLIGO di una istruzione controllata, ma lo dava! La UE toglie ogni possibilità di vita ai suoi cittadini, toglie loro il lavoro, la casa, cioè la DIGNITA’ di persone, l’URSS assegnava la casa di diritto, il lavoro di diritto, e le persone erano persone, scontente, ma erano persone!!!!!!
      La prova del 9 che ciò che dico è vero? il 2+2=4 che ciò che dico è vero?
      Ma sono loro, la UE e l’URSS, la prima, la UE, è una dittatura INAMOVIBILE, la seconda è morta, finita, kaputt, quindi la prima, la UE, è una vera dittatura ben più subdola della seconda, che infatti i suoi cittadini l’hanno uccisa, adesso signor Piero V
      alleregia mi dimostri che la UE è malleabile come l’URSS, visto che Lei le parifica…
      Una nasce dal popolo, che poi appunto è finita come è finita, era un popolo, quando mai un popolo può fare la storia per millenni su millenni come i ricchi, vero?… BEN DIVERSO è essere una dittatura nata dai ricchi come appunto la UE è, se permette!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 5 mesi fa

        … l’URSS nata dal popolo ? ma neanche per sogno, l’URSS è nata nelle banche americane che hanno fornito i capitali per
        rovesciare gli zar, sotto l’egida degli omini che giocano con squadretta, compasso e grembiulini, poi hanno drogato il popolo, esattamente come
        nella “rivoluzione francese” ( i prodromi del comunismo: terrore, razzismo, odio e massacro sociale, odio religioso e sangue innocente versato
        a fiumi.
        la saluto
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tania 5 mesi fa

          Ne prendo atto, ammetto la mia ignoranza, e concludo con “allora se tutto è nato dai padroni delle banche americane, un GRANDE PROGETTO esiste, i complottisti hanno ragione, gli USA sono la base operativa di Satana. 2+2=4”
          Domanda :

          Lei in questo quadro come colloca Putin?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Tania 5 mesi fa

            Certo che a riflettere su quanto ha detto c’è da demoralizzarsi, perché in pratica Lei ha detto che su questo pianeta nulla si crea e nulla si distrugge che non sia deciso da un “padrone”, ma se il padrone è Dio, allora è a Dio che dobbiamo rivolgerci per le rimostranze?
            Se invece il padrone è un alieno sarebbe opportuno sapere chi è, ci sottomettiamo al potente Giove e siamo a posto, consapevoli, impotenti, odiandolo, come è giusto che sia.
            Se è un umano come gli altri 7 miliardi di umani, allora è colpa solo nostra…

            Mi piace Non mi piace
          2. Tania 5 mesi fa

            Se il progettista di questo teatrino osceno immorale e profondamente ingiusto è Dio, allora quando preghiamo Padre nostro, sarebbe meglio andare al mare!
            No dico, ecco la preghiera :

            Padre nostro che sei nei cieli,
            sia santificato il tuo nome,
            venga il tuo regno,
            sia fatta la tua volontà
            come in cielo così in terra.
            Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
            e rimetti a noi i nostri debiti
            come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
            e non ci indurre in tentazione,
            ma liberaci dal male.

            Qui c’è qualcosa che non torna con i fatti.

            Mi piace Non mi piace
          3. Tania 5 mesi fa

            Perché il voto negativo? Presuppone un pensiero, vediamolo.

            Mi piace Non mi piace
          4. Tania 5 mesi fa

            Comunque devo uscire, buona continuazione a tutti.

            Mi piace Non mi piace
          5. Tania 5 mesi fa

            Sono molto pentita di aver citato questa preghiera, certi dubbi andrebbero tenuti nel proprio privato, la fede è una cosa sacra e va rispettata, chiedo scusa per questo che ho fatto, mi consolo pensando che fortunatamente tutti sanno che sono solo una provocatrice.

            Mi piace Non mi piace
  9. Mardunolbo 5 mesi fa

    Pier Valleregia, i suoi commenti sono un momento di relax nella confusione che regna nella testa di Tania ,la comunista (poverina…) !
    Infatti non sono intervenuto nella diatriba Giorgio/Tania perchè il mio commento, sintetico e quindi esposto a critiche, serviva soltanto a dare uno spunto di riflessione.
    Non è tutto male il Tania-pensiero, ma è frutto di emozional-confusione cui è difficile rispondere alcune volte. Giorgio ci ha tentato apportando note storiche giuste, con riflessioni che ritengo molto opinabili e che, a mio parere, non chiariscono le idee a Tania. Ma andiamo avanti con l’informazione che manca e che si trova solo su Internet ! Infine qualcosa si impara ed aumenta la capacità di discernere….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 5 mesi fa

      Sono certo che conosce la maieutica perciò dal sottoscritto non otterrà mai una risposta diretta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. 5 mesi fa

    Che il Pleroma vi assista e vi faccia intendere che sperare in giustizia nella creazione
    Di samael yaldbaoth e roba da autolesionisti arcontizzati
    Poi per quanto riguarda l’ URSS consiglio a Tania di cercare chi sia stato il compagno
    Parvus, Israel lazarijevic halfand
    Parti da lì Taniuccia ,a Giorgio dico scoraggiato che perfino Ireneo vescovo di Lione
    Ammise di aver letto una versione di antichità giudaiche di Flavio Giuseppe
    Mancante di ogni accenno alla figura di Gesù ,tolto quello ti rimane Svetonio e poco
    Altro,ma se ci sei affezionato tientelo pure.
    Ma ricorda che tra samael yaldbaoth ,il tuo javhe,e quello che la feccia massonica
    Chiama gadu o jabulon non vi è alcuna differenza.
    Tanto è vero che il lercio gesuita tra poco vi metterà tutti d’accordo.
    Uomini siate e non pecore sciocche affinché l’ ebreo non rida di voi
    Parola del Durante fiorentino noto eretico gnostico cataro
    Che l’ escremento umano Benigni ha tentato di liquidare dando una versione
    Della sua opera ad uso e pro del laido gesuita del quale ha addirittura promosso
    L ultimo libro di cubitali cazzate.
    Si certo spirito anima mente e corpo,peccato che qualcuno in Grecia
    Lo ha scritto alcuni secoli prima della presunta venuta del buon Gesù

    Sulla bibbia at poi ci sarebbe da sghignazzare se solo vi preoccupaste
    Di controllare enuma elish e altri testi mesopotamici
    La religione ,è solo per chi crede chi si pone ad indagare
    Sulle sue origini ne esce di corsa .
    Saluti gnostici.
    PS sul buon pastore ,il pastore a casa mia tiene le pecore per mungerle tosarle
    Castrare i maschi ,e vendere gli agnelli.
    Da qui l invito di Dante a essere uomini e non pecore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 5 mesi fa

      Di grazia dove avrei citato Gesù?
      Non mi metta in bocca cose da me mai rilasciate, a meno che lei come molti altri non scambi Gesù con Cristo, cosa che può succedere a chi sciorina l’elenco telefonico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Anonimo 5 mesi fa

        Il noumeno comprende necessariamente il fenomeno (ma senza implicare Kant…), e tuttavia la stessa ontologia non vale in senso inverso; se invece la ritenessimo validata scambieremmo inevitabilmente la forma manifestata per la sostanza, lo spesso per il sottile, il visibile per l’Invisibile, il mutevole per l’Eterno: ben oltre all’elenco telefonico, arriveremmo a dire che Dio è alto 1 metro e ottanta, ha la barba a riccioli, i capelli corvini, oppure tutto il contrario. Una profana ed evitabile Babele del mutevole per cui, alla fine, rigidamente ci si affronta con la doppietta in mano. Ed anche ciò appartiene alla poca “gloria” del mondo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Citodacal 5 mesi fa

        Il noumeno comprende necessariamente il fenomeno (ma senza implicare Kant…), e tuttavia la stessa ontologia non vale in senso inverso; se invece la ritenessimo validata scambieremmo inevitabilmente la forma manifestata per la sostanza, lo spesso per il sottile, il visibile per l’Invisibile, il mutevole per l’Eterno: ben oltre all’elenco telefonico, arriveremmo a dire che Dio è alto 1 metro e ottanta, ha la barba a riccioli, i capelli corvini, oppure tutto il contrario. Una profana ed evitabile Babele del mutevole per cui, alla fine, rigidamente ci si affronta con la doppietta in mano. Ed anche ciò appartiene alla poca “gloria” del mondo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace