"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Crisi dei rifugiati: l’Europa e gli USA hanno aperto il “vaso di Pandora”

Guadi Calvo, scrittore ed analista argentino ha rilasciato una intervista Sputnik relativamente ai problemi migratori che sta affrontando l’Unione Europea nell’attualità.
Secondo l’esperto, il deterioro delle relazioni tra i cittadini della UE e i rifugiati si deve a fattori come gli attacchi terroristici nelle città europee, gli stupri e le violenze sulle donne occidentali da parte dei migranti e l’aumento nel numero dei furti e delle rapine.

Calvo ha sottolineato che, nonostante che non si possa generalizzare e gettare la colpa su tutti i rifugiati, le opinioni circa questi migranti vanno sempre più peggiorando. Questa può essere considerata una delle ragioni dell’aumento del consenso verso i partiti “nazionalisti di estrema destra e neo fascisti”.


Sembra che gli atteggiamenti xenofobi nella UE siano soltanto destinati ad aumentare.

Secondo i cittadini, i rifugiati ed i migranti sono responsabili di vari problemi europei ma, le cause che hanno portato i migranti a fuggire dai loro paesi verso l’Europa sono state le politiche distruttive fatte dai governi del proprio continente come le primavere arabe, le aggressioni contro la Libia, la Siria e l’Iraq, secondo l’analista.

Secondo Calvo, un possibile aumento nel numero dei rifugiati in Europa provenienti dalla Turchia potrebbe portare la UE ad una “crisi migratoria terminale”.
“L’Europa e gli USA hanno aperto la “il vaso di Pandora” (…) . I rifugiati sono stati disprezzati dall’Europa bianca e molti di essi sono stati arruolati in questi gruppi che combattono in Siria e in Iraq. Si sono ben addestrati e continueranno ad attaccare”, ha concluso Calvo.

Infiltrazioni di terroristi tra i rifugiati
Infiltrazioni di terroristi tra i rifugiati

L’ISIS addestra i suoi combattenti a passare come “rifugiati” per entrare nella UE

Il gruppo terrorista dell’ISIS (Daesh in arabo) sta addestrando i propri militanti a passare per “rifugiati” in modo da facilitare il loro ingresso nel territorio dei paesi europei, lo scrive il giornale Welt am Sonntag, citando il  servizio federale dell’Intelligence tedesca.

Secondo i dati di questo Ente, i terroristi apprendono a comportarsi in forma appropriata negli interrogatori della polizia e nelle procedure per l’asilo, cosa che gli permette di mescolarsi ai vari rifugiati senza richiamare l’attenzione. Il giornale sottolinea che gli attentati realizzati a Parigi lo scorso anno sono stati attuati da nove terroristi che sono entrati in Europa fingendosi rifugiati.

La notte del 13 Novembre del 2015 tre gruppi di terroristi hanno commesso una serie di attentati coordinati a Parigi e a Saint Denis, lasciando un saldo di 130 vittime oltre a 7 terroristi abbattuti e 350 feriti. Gli attacchi sono stati rivendicati dall’ISIS (Stato Islamico), organizzazione considerata terroristica dal Consiglio di Sicurezza dell’ONU oltre che vietata da molti paesi inclusa la Russia ed i paesi europei.

Fonti: Welt.de

Sputnik Mundo

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Giorgio 10 mesi fa

    Il paragone con il vaso di Pandora non regge in quanto chi lo scoperchiò era all’oscuro del contenuto, differentemente coloro che ci hanno fatto invadere sapevano benissimo ciò che facevano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace