"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Craig Roberts: Washington porterà il mondo in guerra

Hillary è il candidato dell’1% e Trump quello del 99%, che l’oligarchia vuole distruggere attraverso i media. Se pure vincesse Trump, poco potrebbe contro questo 1% affamato di potere che controlla i posti chiave a Washington e su cui né il popolo americano né gli alleati esteri, diventati ormai vassalli, esercitano più alcun controllo. Su Counterpunch, Paul Craig Roberts evidenzia l’assurdità della campagna presidenziale americana, che discute delle tasse di Trump invece della minaccia sempre più inevitabile di una guerra con la Russia scatenata dall’oligarchia al potere.

di Paul Craig Roberts

Cosa deve pensare il mondo guardando la campagna presidenziale americana? Nel corso del tempo le campagne politiche americane sono diventate più irreali e meno legate alle preoccupazioni degli elettori, ma quella attuale è così irreale da essere assurda.

La delocalizzazione dei posti di lavoro americani da parte delle multinazionali e la deregolamentazione del sistema finanziario degli Stati Uniti hanno portato al fallimento economico dell’America. Si potrebbe pensare che questo sia un argomento da campagna presidenziale.

L’ideologia neo-conservatrice dell’egemonia mondiale degli Stati Uniti li sta portando con i loro vassalli ad un conflitto con la Russia e la Cina. I rischi di una guerra nucleare sono più alti che in qualsiasi altro momento nella storia. Si potrebbe pensare che anche questo sia un argomento da campagna presidenziale.

Invece, i problemi sono l’uso legale delle leggi fiscali da parte di Trump e il suo atteggiamento non ostile verso il presidente russo Putin.

Si potrebbe pensare che il problema sia l’atteggiamento estremamente ostile di Hillary verso Putin (“il nuovo Hitler”), che promette un conflitto con una grande potenza nucleare.

Per quanto riguarda il giovarsi delle leggi fiscali, Pat Buchanan ha sottolineato che Hillary ha utilizzato a suo vantaggio una deduzione grande quasi come quella di Trump e durante gli anni in Arkansas Hillary si è anche avvalsa di una detrazione fiscale su una lista di indumenti usati donati a un ente di beneficenza, tra cui 2 dollari per un paio di mutande usate da Bill.

Il “dibattito” tra i vice-presidenti ha rivelato che il candidato del Partito Democratico è così ignorante da pensare che Putin, che è democraticamente eletto e ha un enorme sostegno pubblico, è un dittatore.

Questo è quello che sappiamo sui due candidati alla presidenza. Hillary ha una lunga lista di scandali da Whitewater e Vince Foster a Bengasi e alla violazione dei protocolli per la sicurezza nazionale. E’ stata comprata e pagata dagli oligarchi di Wall Street, delle mega-banche, e del complesso militare industriale, nonché da interessi stranieri. Prova ne sono i 120 milioni di dollari del patrimonio personale dei Clinton e i 1600 milioni di dollari della loro fondazione. Goldman Sachs non ha pagato 675.000 dollari a Hillary per tre discorsi di 20 minuti per la saggezza che contenevano.

Quello che sappiamo in merito a Trump è che l’oligarchia non lo sopporta e ha ordinato al Ministero della Propaganda, cioè i media statunitensi, di distruggerlo.

Chiaramente, Hillary è il candidato dell’1%, e Trump è il candidato del resto di noi.

Purtroppo, circa la metà del 99% è troppo stupida per conoscere tutto questo.

Inoltre, se Trump dovesse finire alla Casa Bianca, non significa che potrebbe prevalere sull’oligarchia.

L’oligarchia è radicata a Washington e controlla cariche di politica economica ed estera, think tank e altri gruppi di lobbisti, e i media.

Il popolo non controlla nulla.

Cosa pensa il mondo quando vede condannare Donald Trump perché non vuole la guerra con la Russia o la delocalizzazione dell’economia americana?

I vassalli britannici, canadesi, australiani, giapponesi di Washington dove vedono nella politica americana una leadership degna del sacrificio della loro sovranità e dell’indipendenza della loro politica estera? Dove vedono anche solo un briciolo di intelligenza?

Perché il mondo guarda al governo più stupido, vigliacco, arrogante, corrotto e criminale del pianeta come una guida?

La guerra è l’unica destinazione a cui Washington può condurre.

Fonte: Voci dall’Estero

*

code

  1. stefano 1 anno fa

    Ci sono momenti della storia dell’ uomo in cui la classi dirigenti sembrano in preda alla follia, senza raziocinio, come se fosero possedute
    Questo è uno di quei momenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 1 anno fa

      Il Visnu Purana, un antico testo induista, riporta in merito al “kali yuga” (epoca della decadenza):
      “I capi invece di proteggere i loro sudditi, li spoglieranno e sotto pretesti fiscali ruberanno le proprietà alla casta dei mercanti”.
      “Solo gli averi conferiranno il rango. Solo movente della devozione sarà la preoccupazione per la salute fisica, solo legame fra i sessi sarà il piacere, sola via al successo nelle competizioni sarà la frode. La terra sarà venerata solo per i suoi tesori minerali”.
      “Le vesti sacerdotali terranno il luogo della dignità del sacerdote. La debolezza sarà la sola causa dell’obbedire.”
      “La razza sarà incapace di produrre nascite divine. Deviati da miscredenti, gli uomini si chiederanno insolentemente: “Che autorità hanno i testi tradizionali? Che sono questi Dei, che è la casta detentrice dell’autorità spirituale?”

      Direi che ci siamo appieno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Umberto 1 anno fa

    Tutto vero e soprattutto noto, il che significa e dimostra palesemente che l’ intelligenza del popolo americano, come, del resto, quella di tutti gli altri popoli occidentali, è così drammaticamente atrofizzata e distorta da porre il dubbio su scelte tanto importanti come, ad esempio, quella citata nell’ articolo. Insomma le menti umane sono diventate autolesioniste, masochiste e suicide.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. stefano 1 anno fa

      Le masse vengono manipolate dai mezzi d’ informazione (pardon disinformazione) e come le greggi seguono i loro pastori nella loro follia fino al precipizio, alla guerra . Giunti lì è troppo tardi per tirarsi indietro per ribellarsi. predi pecore portate pecore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nessuno 1 anno fa

    Il programma di spopolamento
    della Terra, ha preso uno stop non previsto, penso a causa della resistenza
    inaspettata del corpo umano, malgrado tutti i veleni nel cibo e nell’aria.
    Servono altri mezzi….
    Alcuni ipotizzano che il duello in atto negli usa sia farlocco,giusto per fare teatro.
    Non lo penso.
    In attesa di seguire il dibattito in diretta,penso: il marito di quella si è scopato tutto
    quello che si muove su due gambe e con due tette alla sua portata, il candidato ha
    detto cose sulle donne che tutti pensano o mettono in atto, ne conosco a bizzeffe
    che approfittando della loro posizione pretendono e molte volte raggiungono lo scopo.
    In sintesi la domanda che si deve porre al popolo americano è:
    1)volete una guerra nucleare con Russia e Cina? votate hillary
    (accomplimento veloce e drastico del piano di spopolamento, e in breve tempo.
    2)volete una pace e un riavvicinamento tattico e ragionato con le altre Potenze,
    scongiurando nell’ immediato una guerra nucleare? votate Trump.
    Le altre questioni sono senza importanza relativa in questo momento……..
    Trump è un ostacolo, e costringerà gli assassini legalizzati a
    cercare altri metodi per raggiungere i loro scopi, ma allungando il tempo,
    di attuazione, se andiamo a vedere l’anagrafe dei personaggi che si presume
    coinvolti nel piano di spopolamento, sono quasi tutti molto vecchi,e penso che
    vorrebbero vedere d vivi l’accomplirsi della loro follia….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. giannetto 1 anno fa

    E bravo come al solito Craig Roberts. Lui sì che è un “radicale” e individua il nocciolo dell’impotenza politica nell’Idiota Collettivo del popppolo – che ovviamente non è una specialità solo italica, ma in ogni paese ha le sue diverse e “nazionali” sfumature. Tutto il resto, e soprattutto gli epocali disastri (strategici, economici, sociali, morali…) sembrano una inevitabile conseguenza. Come e perché si sia giunti a una tale profondità di idiozia collettiva, questo è un gran problema, forse più filosofico che politico. Dire che siamo stati idiotificati dal consumismo è metterci, probabilmente, sulla strada giusta. Più delicato è individuare su quali molle psicilogiche il consumismo agisce, per trasformarle quasi insensibilmente in alibi di apparenza “intellettuale”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Eugenio Orso 1 anno fa

    Gli americani sono i più stupidi e manipolabili? Non dimentichiamoci che da noi, in Italia, tanta “brava” ggggente sostiene il piddì … e quelli che credono di essere più furbi votano per il cinque stelle, convinti che si tratti di un movimento d’opposizione.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 1 anno fa

      Io sono una che vota il M5S sin dalla sua prima scesa in campo, ma proprio la prima, penso non ci sia elettore più smaliziato di chi vota il M5S da cui non si vuole NIENTE, io almeno non mi aspetto altro che la possibilità di non votare la FECCIA che fino ad ora ci ha governato, non attribuisco al M5S altro che questo, e quando sarà evidente che è solo l’ultima creazione del potere smetterò di votarlo, certo che fino al giorno in cui la FECCIA non gli si rivolterà contro, e lo acclamerà come “amicone”, sono tranquilla.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tania 1 anno fa

        Di Battista assieme ad Alfano.

        Solo scriverlo è una bestemmia, solo immaginarlo è una risata, invece Alfano assieme a Renzi non fa ridere,
        come non fa ridere Renzi assieme a Berlusconi, mi piace ridere, se Di Battista e Alfano insieme diventassero una (ben triste) realtà, ecco che non si ride più.
        Lungi da me cercare nuovi elettori per il M5S, che me ne fotte, mica voglio un partito “forte”, voglio solo uno scoglio su cui aggrapparmi tra onde assassine, poi si vedrà che tipo di scoglio è, intanto c’è, se è scivoloso ne cercherò un altro più sicuro, di scoglio in scoglio l’importante è arrivare alla spiaggia.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. giannetto 1 anno fa

          Mi sa che il tuo scoglio è un appiglio franante, e a quanto sembra anche tu lo sospetti bene. Il fatto è che non se ne vede uno all’orizzonte che prometta una presa più promettente.

          @ E.Orso – Chiaro che l’iC nazionale non è affatto più intelligente – noeticamente – dell’IC ‘mmerigàno. Su questo non ci piove. Ognuno ha le sue peculiari “nuances”. Una nostra variante è l’IC-pd, un’altra è l’IC-5s, un’altra è il papa-boy ecc.ecc. – In USA invece sembra aver maggior presa, a ogni livello sociale, la variante cow-boy, che sia Killary che Trump mettono (diversamente) in campo perché evidentemente incontra favore poppppolare. – In ogni modo perché mai noi europei abbiamo sempre considerato gli ‘mmerigàni (in genere… non parlo di Chomsky, di Lasch, di Allan Bloom ecc..) dei bambinoni, degli ingenuoni, e spesso degli stupidoni? Credo perché abbastanza prima di noi europei sono stati idiotificati dal consumismo, che ha impoverito all’estremo il loro mondo psico-intellettuale, il quale aveva trovato una compensazione, fino a un certo punto, nella loro tradizione etico-politica di democrazia. Ora questa è venuta meno. – Illuminanti le letture di Lasch e di Allan Bloom, che consiglio vivamente.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. mimmo 1 anno fa

          certo sarebbe bello smettere di votare, smettere di essere comparse di questa tragicomica farsa;
          smettere di reggere la scena a questi attori da due soldi,smettere di esserne complici.
          Cercarci per le strade e trovarci, per innalzare barricate ed immolare vite umane per combattere
          l’ingiustizia di un potere corrotto; ma le rivoluzioni si accendono con il carburante della violenza…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Tania 1 anno fa

            Oggi in occidente diventa difficile attuare la violenza dato che trovi per due soldi la birra, la discoteca, la droga, l’alcol, e tutto questo il potere te lo da a poco prezzo, l’oblio è quasi gratis… Che se comunque sommi queste pochezze, queste spese accessibili alle masse di giovani occidentali, al potere risultano comunque soldoni su soldoni su soldoni, che la massa fa massa, 2 piccioni con una fava, incassi e li tramortisci mentalmente, chiamalo scemo il potere, lo sa bene cosa fare per tenere le redini.
            Su una cosa sono d’accordo : DIGNITA’. Anche se nulla possiamo rivoluzionare, almeno teniamoci la dignità di non arricchirli, non invidiare la loro posizione che nasce da azioni mostruose, disumane, schifose!
            I valori immorali di questo sistema vanno ricacciati al mittente, altro che condividerli; la sera i tiggì ci dicono come sono andate le borse, UNA FOLLIA, alle masse che gliene fotte di questa cosa? I tiggì parlano di una cosa che appartiene a pochi come se appartenesse a tutti. Quanti si dilettano in questo gioco satanista?
            Oggi ci impongono la vita di altri, inaudito, ci fanno vivere vite altrui, e la nostra?

            Mi piace Non mi piace
          2. Tania 1 anno fa

            Preciso, oggi puoi fare rivoluzioni, terrorismo, solo se sei l”ISIS” per dire qualsiasi cosa che nasce in CIA=USA=ISRAELE &amici di merende, tutto ciò che nasce fuori dalle “stanze” o ci entra in qualche modo o fa poca strada, altro sarebbeche Nazioni forti come Russia, Cina, Iraq, &amici di merende fanno muro contro la canaglia USA, allora sì che mezzo mondo si esprimerebbe!

            Mi piace Non mi piace
          3. Umberto 1 anno fa

            Io non esercito quel diritto – tale fu – dal maggio del 2001, ultima volta in cui mi recai alle urne, preferendo la coalizione guidata da chi sappiamo, non senza essermene pentito appena uscito dalla scuola elementare in cui votai. Avrei dovuto non andare, ma un senso di non so quale specie mi impose di farlo quantomeno per un semplice motivo: votare contro Rutelli e il perbenismo radicalcattocomunista che attraverso le sue acrobatiche metamorfosi è arrivato al monstrum horrendum attuale.

            Mi piace Non mi piace
          4. giannetto 1 anno fa

            Rivoluzioni? In Italia? E quando mai son successe, se non in fotocopia? Perfino la nostra -lombardo-veneta – rivoluzione più gloriosa – ossia quella del 1848 – iniziò a… Vienna! E fu origine immediata di guerre perdute.
            – Una dozzina d’anni dopo, in diverso contesto, un migliaio di esaltati (moltissimi i bergamaschi) da romanticherie d’ importazione germanica (il volk che loro avevano, e noi…no!) indossarono la camicia rossa per “liberare” gente che non chiedeva affatto d’essere “liberata”.
            – Per ottima propedeutica popolare all’argomento rivedete in discoteca il film Allosanfan dei Fratelli Taviani, se qualcuno è vecchietto come me per ricordarselo.
            – Perciò, ragazzi, per favore!… non parlatemi di “rivoluzioni” in sto paese. A parte la mia totale sfiducia (che è poca cosa: solo un fatto personale) nella capacità “rivoluzionaria” sia di mainstreamisti che di meanstrimisti autoctoni , la storia insegna che è meglio che sti esperimenti di “rivoluzione in fotocopia” non succedano mai nello Stivaluccio, perché le conseguenze sono disastrose, per tutti. Si sa quel che si perde, e non si sa quel che si trova (che è ancor peggio)..
            – L’ ‘auspicabile rivoluzione che raddrizzerebbe un po’ di cose ce la imporrà forse, per forza maggiore, l’evoluzione stessa della realtà, quando ci sarà oggettivamente impossibile tirare avanti con la stessa buaggine.. Non immischiamoci, per favore, in sto paese, a disturbarne il corso.

            Mi piace Non mi piace
          5. mimmo 1 anno fa

            @ giannetto
            …vero quel che dici…tant’è che abbiamo imparato alla fine che le rivoluzioni sono anche esse parte del copione.
            Forse avrei dovuto meglio scrivere rivolte? I briganti, ed in genere ogni movimento “criminale” nel sud, non sono nati
            per combattere i conquistadores?

            Mi piace Non mi piace
  6. Errante 1 anno fa

    Ma chi è Paul Craig Roberts ? Uno stretto collaboratore di Reagan, e dovremmo ascoltarlo ora ? Alcuni mesi fa non aveva preannunciato più volte l’imminente default del Dollaro ?
    Che fine hanno fatto i Brics, la AAIB ?
    Ripulite la mente e mettete in funzione la Coscienza, voi siete Coscienza, non ci fate abbindolare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mimmo 1 anno fa

      non c’è bisogno che lo dica Paul Craig Roberts che Washington porterà il mondo in guerra…
      lo stanno già facendo da…sempre.

      Rispondi Mi piace Non mi piace