"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

COME FINIRA’ L’OSSESSIONE MALATA DELL’AMERICA PER LA RICCHEZZA E I SOLDI?

Forbes los mas ricos

Di Michael Snyder
Ovunque si guardi, gli americani appaiono estremamente ossessionati dalla ricchezza e dal denaro. In questi giorni, reti come la CNN trasmettono senza fine “notizie” dai titoli come “Le auto migliori per i super-ricchi”. Abbiamo spettacoli televisivi dove la gente ostenta con orgoglio la sua ricchezza, e sembra che Hollywood stia sfornando una parata infinita di film che glorificano gli stili di vita dell’elite. Abbiamo orde di motivatori e “istruttori di vita” che ci insegnano come avere “più successo”, e ogni minimo movimento dei mercati azionari viene monitorato attentamente dai media.

 

Perfino nel mondo della fede abbiamo un’intera classe di ministri conosciuti come “predicatori della prosperità”, e molti di quei ministri indossano tale etichetta con orgoglio.
Siamo una società che ama i soldi e non ci vergogniamo ad ammetterlo. Di fatto, ci sono momenti in cui assolutamente ne esultiamo. Per esempio, Time Magazine quest’anno ha pubblicato un articolo intitolato “La scienza lo prova: l’avidità è buona”, e praticamente nessuno ha battuto ciglio. Ma come finirà l’ossessione malata dell’America per la ricchezza e i soldi? Che finisca per distruggerci?
L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta mentre sfogliavo il sito della CNN. Le seguenti sono otto “notizie” date dalla CNN solo giovedì:
1) “Gli americani più ricchi della storia”
2) “Quanto avete bisogno di essere felici?”
3) “Dove sono i super-ricchi?”
4) “Da fallito a miliardario”
5) “Case: cosa si può comprare nel mondo con 25 milioni di dollari”
6) “Le auto migliori per i super-ricchi”
7) “Le case americane sono più grandi che mai”
8) “Mega-yatch con cinema”

Questo è quello che oggigiorno passa per notizia?
E’ stato detto che tendiamo a parlare delle cose da cui siamo ossessionati, e la CNN è chiaramente ossessionata dalla ricchezza. […] Quando il denaro diventa un idolo, ecco che diventa un problema.

E siccome abbiamo insegnato ad intere generazioni di americani che diventare ricchi è uno degli obiettivi primari della vita, ciò sta creando un enorme quantità di invidia, gelosia, frustrazione e rabbia tra quanti non hanno potuto diventare ricchi.
Negli ultimi anni, l’amarezza e il risentimento che il resto della nazione prova verso i ricchissimi sono saliti a livelli senza precedenti. E’ diventato sempre più evidente che il sistema è disegnato per incanalare la ricchezza verso l’apice della catena alimentare, e molti di quelli in fondo alla catena cominciano ad esserne estremamente turbati.

Dall’ultima crisi finanziaria, quasi tutti gli aumenti di reddito sono andati all’1% più ricco. Afferma un articolo dell’Huffington Post:
“Le statistiche economiche mostrano che dal 2009 al 2012 i redditi dell’1% delle famiglie più ricche, aggiustati all’inflazione, sono lievitati del 31%, mentre tutti quelli inferiori sono saliti di una media dello 0,4%.”
[…] Sarebbe sciocco negare che il divario tra ricchi e poveri sta aumentando. Mentre i mercati azionari raggiungono vette senza precedenti, la classe media sta morendo e un bambino americano su 5 vive in povertà.
Su scala globale, l’1% più ricco ora possiede 65 volte la ricchezza dell’intero 50% più povero della popolazione. E’ un rapporto strabiliante.

La maggioranza della gente non se ne rende conto, ma i super-ricchi possiedono (che noi si sappia) circa 32.000 miliardi di dollari ammassati nelle banche offshore del pianeta. Quel denaro basterebbe quasi a ripagare l’intero debito nazionale degli USA, e a comprare tutti i beni e servizi prodotti negli Stati Uniti in un anno.
Nel frattempo, la metà più povera della popolazione mondiale possiede circa appena l’1% della ricchezza globale, e un miliardo di persone va a letto con la fame ogni sera.
Se l’avidità salvasse davvero il mondo, a quest’ora l’avrebbe già fatto. Ormai i ricchi hanno accumulato più denaro di quanto ne abbiano mai avuto.

[…] Tuttavia, la maggior parte della ricchezza degli USA è fatta di asset finanziari. Cosa succederebbe quindi se ci fosse una grande crisi finanziaria (come lo scoppio della bolla dei derivati) che causasse un crollo della ricchezza finanziaria totale del 50% o più?
Che cosa farebbe un evento simile al nostro paese?
La nostra società è così ossessionata dalla ricchezza e dai soldi che è davvero spaventoso pensare a come reagirebbe se le venissero sottratti. Ma l’attuale bolla finanziaria non durerà per sempre. Prima o poi finirà. E quando succederà, la nostra società avrà un enorme scatto d’ira?

Fonte: The economic collapse

Traduzione e nota di Anacronista

Ndt: Da notare anche un altro aspetto nei titoli delle “notizie”: le case americane non sono “più magnifiche”, ma “più grandi” che mai. Lo yatch non è “più elegante”, ma “mega” e “con cinema”.
Vale a dire, non solo la nuova elite non ha alcun amore per il prossimo, ma non ne ha nemmeno per l’arte, la bellezza e la cultura. Se le elite di un tempo commissionavano palazzi, dipinti e chiese, a questi interessano solo i metri quadrati e l’antifurto. Quando si parla di morte della civiltà…

*

code

  1. Piero61 2 anni fa

    salve
    la nota di Anacronista è da incorniciare…è di una verità innegabile
    saluti
    Piero e famiglia
    ______________________________________
    con la Russia e con Putin

    Rispondi Mi piace Non mi piace