"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Che cosa è il mondialismo? A cosa corrisponde il “politicamente corretto”?

di  Alain Soral

Iniziamo dal Mondialismo.

Il mondialismo non è la mondializzazione. La mondializzazione è un processo ineludibile di interscambio materiale dovuto al progresso tecnico. Non possiamo opporci a questo e neppure sarebbe auspicabile farlo. Il rifiuto della mondializzazione non è il desiderio di un ritorno all’indietro della civilizzazione, un rifiuto del progresso. Quello che si mette in atto di accusa è il mondialismo.

Il mondialismo è un progetto ideologico, una sorta di religione laica che lavora per imporre un governo mondiale e per la dissoluzione di tutte le nazioni del pianeta in una unica umanità.

Questo obiettivo vine coperto sotto il pretesto di una “pace universale”, visto che la diversità delle nazioni e dei popoli sono considerate dai mondialisti come la causa delle guerre che insanguinano il pianeta dall’alba dell’umanità.
Questo processo è stato logicamente molto presente dopo la 1° guerra Mondiale, atraverso la Società delle Nazioni. Ha conosciuto un spinta all’indietro con il sorgere dei pericoli  che hanno portato alla seconda guerra Mondiale. E’ tornato con forza sulle rovine della Società delle Nazioni dopo il 1945 con l’ONU e la Dichiarazione Universale dei diritti Umani (dichiarazione che non bisogna confondere con quella dei “Diritti dell’Uomo e del Cittadino”, che concepiva questi diritti nel contesto concreto di una Nazione identificata in una Storia ed una cultura. La Nazione Francese, in nome di un modello di civiltà : l’universalismo francese. Una civiltà con un destino planetario, alternativo a sua volta all’Islam della “Umma” ed al neo liberismo anglosassone).

Disponiamo quindi, in opposizione alle nazioni ed ai popoli considerati intrinsecamente bellicosi, di due sistemi ideologici sorti dalla Seconda Guerra Mondiale: il socialismo russo, oggi terminato, ed il capitalismo nordamericano, il grande vincitore, fino adesso, della Guerra Fredda.

Alain Sorel
Alain Sorel

L’attuale mondialismo oggi ha una  doppia valenza.  Si tratta a sua volta di un progetto ideologico derivato dai Lumi: un progetto in cui la pace universale, l’umanità riconciliata per la ragione di Kant, che presumibilmente andava a superare l’oscurantismo della scolastica, quella che aveva scatenato le guerre di religione in Europa, alla fine quella cultura ha prodotto l’oscurantismo dei Diritti Umani.

L’Oscurantismo dei Diritti Umani: ovvero la proibizione, sotto accusa di blasfemia e di eresia, di utilizzare, a partire da adesso, la Ragione per criticare le malefatte concrete di questo processo totalitario sull’umanità concreta.  Il mondialismo che è anche, allo stesso tempo, la costante ineludibile della società mercantile: questa è passata dalla libera impresa all’imprenditore del libero capitalismo finanziario orwelliano, quella dove ogni uomo viene ridotto al ruolo di salariato e consumatore schiavo di  quello che si denomina nel marxismo, “la legge di concentrazione del capitale, imposta  dal tendenziale basso tasso di interesse”.

Disponiamo adesso della convergenza di due processi unificatori: uno ideologico e pensato: i Diritti Umani universali, l’altro, economico, imposto: la mercificazione integrale sotto la religione del profitto.

Due processi che si fondono oggi in uno stesso progetto, quello del “governo mondiale” sotto l’egidia del capitalismo anglosassone, in nome degli astratti diritti Umani.

Il politicamente scorretto

Riassumendo: i Diritti Umani sono oggi il catechismo della dissoluzione dei popoli e delle nazioni con proprie radici, al servizio dell’astrazione generalizzata del capitalismo finanziario mondializzato, con vista sulla dominazione mondiale ed integrale. Ovvero: una dominazione sui nostri portafogli e sulle nostre anime.
Che cosa è il politicamente scorretto? Il politicamente scorretto, è tutto quello che non accetta di sottomettersi, cosciente o incoscientemente, al catechismo dei Diritti Umani. Il “Diritto Umanismo” non ha niente a che vedere con i diritti reali degli uomini reali, collegati alla loro cultura locale, alla loro nazione, alla loro storia.

Il “diritto-umanismo” è il braccio armato ideologico del mondialismo, il chiacchiericcio che accompagna tutto il controllo, tutta la repressione, tutto per schiacciare qualsiasi movimento di resistenza al mondialismo economico ed ideologico, ovvero militare, politico o culturale. In nome dei Diritti Umani che si porta, questo è chiaro, accoppiato il diritto di “ingerenza umanitaria”, quello in nome del quale è stata bombardata la piccola Nazione serba, per aver resitito in nome della sua cultura e della sua storia, schiacciata sotto il rullo compressore mondialista sotto comando nordamericano.

Questo è avvenuto in nome dell’ideologia totalitaria e bellicosa dei Diritti Umani con cui si schiacciano i diritti reali degli uomini reali. E che si tratti di serbi o di libici, di iracheni o di siriani.
In ogni caso è  in nome dei Diritti Umani che si distruggono, all’interno delle nazioni e dei popoli, le solidarietà sociali tradizionali contro il capitalismo mondialista, nel sostituire le conquiste sociali, in primo luogo quelle dei lavoratori e delle classi medie, con i diritti comunitari delle minoranze presuntivamente oppresse (in realtà minoranze attive): i diritti degli omosessuali, i diritti delle donne, i diritti dei giovani, i diritti dei negri…, che sono gli altri tanti segmenti di mercato al servizio del mondialismo ideologico e mercantile.

Tutta la resistenza a questa subordinazione viene considerata un crimine contro l’Umanità. I serbi sono i nemici dell’Umanità, quando in realtà cercano di preservare il loro modo di vita e la loro indipendenza. Se noi neghiamo di considerare gli omosessuali come una categoria sociale (quando sono in realtà una lobby autoproclamata e la sodomia non è altro che una attività di ozio privato), siamo dei criminali. Così di seguito ….In sintesi: ogni rifiuto degli uomini a sottomettersi alla dominazione mondialista mercantile, viene considerato  da questo stesso potere come  tanti altri crimini contro l’Umanità.

Queste sentenze di “crimini contro l’Umanità” permettono in pratica di espellere quelli che vengono accusati da questi, “padroni del pensiero”,   per la propria umanità, appiattendo  il livello degli uomini senza diritti che non possono godere di questi famosi Diritti Umani: i popoli tedeschi e giapponesi dopo la seconda Guerra Mondiale, i serbi, siriani, e domani tutti iraniani, militanti e simpatizzanti dei partiti identitari in Europa oggi….E quelli che resistono a sottomettersi,  quelli che vogliono seguire il loro stesso percorso, vengono  espulsi  dall’umanità, vengono sviliti e li si calpesta…

Tutto questo accade  in nome dei più alti valori che nel mondo sono:  la Democrazia, i Diritti Umani, la Pace, la Concordia.
Accettare la correzione politica equivale accettare l’impotenza politica e sottomettersi alla dittatura dei Diritti Umani ed al ricatto dell’accusa di crimine contro l’Umanità e di trovarsi in definitiva denudato e disarmato di fronte all’ideologia mondialista. Lo slogan che riassume al meglio tutto questo e che ci ripetono incessantemente è il famoso: “Non più mai questo”!, che non significa altra cosa che: “Il Mondialismo o Auschwitz”!, e per i recalcitranti la non meno famosa “reductio ad Hitlerum”.

Per riassumere: il politicamente scorretto non è per niente un gioco inutile di provocazioni. In realtà, per quanto non si comprenda, questa è la dottrina di resistenza al mondialismo. Si tratta di una dottrina di non sottomissione senza la quale la critica limitata al mondialismo è insufficiente e perfino incoerente, come è incoerente il politicamente scoretto che non fa una decisa  critica della dottrina liberale.
Quindi non solamente il pensiero politicamente scorretto non deve essere abbandonato, ma piuttosto rinforzato.

La sinistra, che dominava una volta la scena con il marxismo, ha abbandonato tutti i pensieri  e si è consegnata  all’oscurantismo dei Diritti Umani. In questo tempo presente in cui già nessuno pensa nè alla sinistra nè allla destra (visto che la destra si conforma con fare gli affari), i nazionalisti, gli identitari, i patrioti, che siano gli unici veri ed efficienti critici del sistema,  devono occupare il luogo disertato dalle idee e trasformare questo deserto dei padroni del pensiero  e incarnare il genio delle patrie europee che non devono morire.

Fonte: Alerta Digital

Traduzione: Manuel de Silva

*

code

  1. Idalgo 7 mesi fa

    10e lode ottimo articolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace