"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Opere pubbliche e investimenti

di Sebastiano Lo Monaco

L’alternanza scuola lavoro, proposta dalla ministra Fedeli come una straordinaria novità, ha dimostrato tutte le sue pecche; se è vero che nel resto d’Europa essa è una prassi consolidata, in Italia è diventata una truffa ai danni di chi ne avrebbe dovuto beneficiare, gli studenti.
Da un monitoraggio effettuato in nove regioni, l’alternanza scuola lavoro è stata bocciata dai ragazzi: oltre la metà degli intervistati ha dichiarato di aver partecipato a percorsi che nulla avevano a che vedere col proprio corso di studio. A fare da contraltare alle dichiarazioni di chi ha partecipato all’iniziativa, vi sono le dichiarazioni del sottosegretario all’istruzione che afferma: “sono uno strumento utilissimo.” Utilissimo senza dubbio, ma certamente non per gli studenti.

Leggi tutto…

Il dramma del Centro Italia sommerso dalla coltre bianca e scosso dal terremoto mentre l’Italia intera affonda sotto invasione africana e i ricatti dell’eurocrazia

di Luciano Lago

La metafora della tragedia italiana può ben essere rappresentata in questi giorni dal Centro Italia sommerso in una coltre bianca e devastato dal terremoto nelle sue case distrutte , nelle Basiliche crollate (come San Benedetto da Norcia), nella disperazione degli allevatori, dei piccoli imprenditori e delle comunità agricole.
Un povero paese l’Italia, ricco di Storia, di cultura e di energie ma lasciato andare alla deriva tra l’insipienza della sua classe politica e gli eventi epocali che si sono abbattuti sulla penisola.
Il pantano in cui è precipitato il paese si evidenzia in questi giorni nel panorama desolante offerto dall’abbandono del territorio indifeso davanti alle colamità naturali, dalla gente lasciata inerme di fronte ad una pianificata invasione arabo africana della penisola, dalla sovranità della Nazione svenduta dalla classe politica agli interessi dell’oligarchia europea e dei potentati finanziari transnazionali.

Leggi tutto…

di Pietro De Sarlo

E’ una notizia di questi ultimi convulsi giorni che sarà sfuggita a molti e molti si saranno chiesti come mai all’improvviso  Renzi, nel pieno della crisi greca, abbia parlato in modo criptico del sistema portuale italiano su cui investire.

Quella del Porto di Taranto è veramente una storia assurda. All’inizio del 2009 la più grande azienda di logistica del mondo, la Hutchinson Wamphoa di Hong Kong con un fatturato di circa 40 miliardi di dollari, compra la metà delle azioni del porto di Taranto. L’altra metà è di un altro gigante della logistica, la Evergreen di Taiwan, a Taranto già dalla fine degli anni ‘90.

Il maggior azionista della Hutchinson è uno degli uomini più ricchi del pianeta: Li Ka-Shing con un patrimonio personale stimato di circa 30 miliardi di dollari.

Leggi tutto…