"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Francia

di Luciano Lago

La candidata nazionalista Marine le Pen sbaraglia totalmente nei sondaggi Francois Fillon, il candidato repubblicano della destra globalista.
Secondo Paris Match, si è verificato già da questi giorni il sorpasso della Le Pen sugli altri candidati, ed in particolare rispetto al candidato neoliberista e preferito dei grandi potentati finanziari che appoggiano questo politico che contende la nomina alla Le Pen. Il terzo candidato, lo specialista bancario, Macron del partito En Marcha, si attesta solo al 17% .
Nell’ultimo sondaggio la Le Pen ha ottenuto un 26,5% dei consensi contro il 24% di Fillon, risultando quindi la favorita al primo turno.

Leggi tutto…

Il deputato francese, Thierry Mariani, parlando alla rete France .info, mentre si trovava in visita a Damasco assieme ad altri parlamentari, ha dichiarato che, “per quanto il Governo della Siria non sia di certo irreprensibile, anzi deve migliorare in molti aspetti, tuttavia non è un nostro nemico e non ci minaccia”.
Secondo il parlamentare francese ci sono attualmente ancora gruppi terroristi che operano in territorio siriano e sono pericolosi, questi minacciano l’Occidente, la Francia e l’Europa intera.

“Di fronte a questa situazione”, ha aggiunto, “la proiezione della politica dell’Amministrazione di Obama è stata completamente catastrofica”.
“Fortunatamente ci sono paesi come la Russia che, con il loro intervento, hanno evitato che la Siria cadesse nelle mani dei terorristi e degli estremisti”, ha affermato l’esponente francese.

Leggi tutto…

Marine Le Pen, presidente del Front National e candidata alle elezioni presidenziali francesi del prossimo anno, si trova nettamente davanti al suo rivale Fillon, secondo gli ultimi sondaggi, cosa che ha messo della paura in tutto lo schieramento compatto dei globalisti, di destra e di sinistra, di Bruxelles e del resto d’Europa, di fronte alla prospettiva concreta  di un possibile asse Parigi-Washington-Mosca.

Tuttavia la Le Pen ha il suo “tallone d’Achille” e questo è il denaro (che non ha).
A differenza di un Donald Trump, che ha potuto superare l’opposizione del sistema delle grandi banche di Wall Street (tutte concordi a sostenere la Clinton), grazie alle sue ingenti risorse che gli hanno permesso di autofinanziare la sua campagna presidenziale, la Marine non dispone di risorse proprie e necessita di crediti bancari per coprire i circa 20 milioni di euro dei costi stimati di tale campagna. Le banche francesi hanno già dimostrato di esere chiuse a qualsiasi richiesta della candidata sovranista: neppure un centesimo per lei.

Leggi tutto…

Atene: La leader del Front National (primo partito nei sondaggi in Francia) e candidata alla presidenza della Francia, Marine Le Pen, ha dichiarato chiaramente che Parigi deve ritirarsi dalla NATO, dalla UE ed abbandonare la zona dell’euro.
In Aprile ed in Maggio del 2017 il popolo francese  eleggerà il suo nuovo presidente. “La Frexit sarà parte della mia politica”, ha detto nel corso di una intervista al giornale greco “Kyriakatiki Eleftherotypia”.

Leggi tutto…

“Ormai non è la legge francese quella che si applica, non quella della Repubblica, siamo in presenza della costituzione avvenuta di “mini califfati” dove vige la legge islamica, la Sharia che si applica tutti i giorni”,questa la denuncia di una deputata del FN. Un video chiarificatore mostra la realtà che vivono molti francesi nel loro stesso paese.

La CBN riferiva di recente la realtà che si vive in alcune zone della Francia conosciute come “no-go zones” (zone di non passaggio).
In quelle zone, riferiscono gli addetti alla cronaca, si verificano “attacchi di immigrati mussulmani contro i nativi francesi”.

Leggi tutto…

di Funny King

Se la guerra non fosse una tragedia di morte e sofferenza, le ultime notizie dal fronte siriano potrebbero fare sorridere.

Se vi ricordate fu motivo di imbarazzo e forte danno economico per la Francia la questione delle Navi Mistral vendute ai Russi e in allestimento quando veniva posto l’intelligentissimo embargo.

Alla fine le “Mistral” armate a puntino (secondo specifiche Russe) furono girate all’esercito egiziano a prezzi di saldo.

Dopodiché la Francia sotto la disastrosa guida Hollande ha appoggiato e tutt’ora appoggia “ribelli moderati” e si fa Paladina della dottrina “Assad se ne deve andare”.

Leggi tutto…

I giorni di Angela Merkel come cancelliera della Germania sono contati, secondo la leader del Front National francese, Marine Le Pen. Le sue parole sono citate nel canale CBC.

La Merkel aveva confermsto di recente che si presentera’ per un nuovo mandato nel 2017. Tuttavia la Le Pen considera che l’attuale mandataria tedesca non e’ adeguata per questa nuova epoca. Nelle dichiarazioni rilasciate al network CNBC , la candidata feancese alle elezioni presidenziali  afferma che la Merkel risulta isolata, visto che lei rappresenta l’attuale “status quo”, mentre il ritmo  di cambiamento in Europa si sta accelerando.

Leggi tutto…

Charlie Hebdo, Bataclan, Nizza: se qualcuno si domanda perché “il terrorismo” abbia scelto proprio la Francia, come obiettivo, congelando il dibattito politico sotto la pressione dell’emergenza, una risposta la può suggerire “Foreign Affairs”, che parla di “nuova Rivoluzione Francese” in arrivo con Marine Le Pen, l’unico leader in pole position, in un grande paese europeo, con un programma anti-Ue.

La principale candidata alla presidenza francese nel 2017, scrive “Voci dall’Estero”, ribadisce la sua visione economica e sociale per la Francia, incentrata sul ritorno alla completa sovranità statale su moneta, frontiere, leggi e indirizzo economico e culturale, in totale antitesi rispetto alla traiettoria della globalizzazione e dell’Unione Europea: «Bisogna dire che ci piacerebbe sentire queste parole anche dalla sinistra, che invece è totalmente arresa al neoliberismo e ormai sulla via dell’estinzione».

Leggi tutto…

Marine Le Pen sconfessa con le sue ultime dichiarazioni la politica antirussa di Bruxelles e le provocazioni fatte dalla NATO con la concentrazione di truppe e mezzi alle frontiere russe.

L’Europa, se noi vogliamo diventare più forti, ha bisogno di negoziare con la Russia. Lo ha detto il leader del partito di opposizione francese “Fronte Nazionale” Marine Le Pen.

La Russia è un paese europeo e noi dobbiamo negoziare con la Russia, se vogliamo un’Europa forte”, – ha detto il politico in un’intervista a BBC News.

Leggi tutto…

Una rivolta clamorosa. Ma ancora più clamoroso che i media internazionale parlino poco e nulla delle centinaia di agenti che da due notti protestano contro le condizioni di lavoro che sono costretti a sopportare quotidianamente.

Non era infatti mai accaduto che delle forze dell’ordine francese scendessero in strada, nello specifico agli Champs-Elysees di Parigi lunedì, per manifestare contro il governo socialista di Hollande. Manifestazione che ha avuto la sua replica il giorno dopo ad Evry, appena fuori Parigi. Ad accompagnare gli agenti migliaia di cittadini, che esprimono la loro solidarietà verso chi cerca di garantire la loro sicurezza nonostante tutto.

Leggi tutto…