"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Crimini degli USA ed alleati

La cancelleria iraniana e quella russa hanno duramente condannato l’orribile e vergognoso attacco terrorista avvenuto nella città siriana di Aleppo che ha lasciato un bilancio di 100 civili morti ed altre 130 persone ferite.
Il portavoce del Ministero degli Esteri iranaiano, Bahram Qasemi, ha criticato questo Sabato il doppio standard di certi paesi occidentali per mantenere il silenzio davanti all’attentato contro un convoglio di autobus del Governo siriano che stava evacuando i residenti della città di Fuad e Ketraya per portarli in salvo e che ha lasciato cento civili morti.

“La principale domanda della opinione pubblica del mondo e di tutti coloro che abbiano conoscenza della situazione è di sapere perchè i denominati ” difensori dei diritti umani” del popolo siriano rimangono in silenzio davanti a questi crimini orribili”, si è chiesto Qasami.
Il portavoce iraniano ha espresso le sue profonde condoglianze ai familiari delle vittime, al Governo ed al popolo della Siria ed ha ripudiato l’attentato contro gli autobus che trasportavano civili e famiglie evacuate dalle zone leali al Governo, vicino la città di Aleppo.

Leggi tutto…

di David Romero

Noi non abbiamo mai usato armi chimiche neppure nella seconda Guerra Mondiale. Perfino qualcuno molto disprezzabile come Hitler non si è abbassato all’uso di armi chimiche”, così aveva dichiarato Sean Spicer come portavoce della Casa Bianca.

Non è strano che ci sia stata una immediata indignazione internazionale – ed il peso della Storia-che abbiano obbligato Spicer a rettificare le sue affermazioni. Tuttavia il problema non si limita a che la sua dichiarazione sia insensibile ed inappropriata come lui stesso ha ammesso, si tratta piuttosto del fatto che ha proferito  menzogne storiche certamente importanti e soprattutto che provengono da una istituzione la cui legittimità per stabilire giudizi morali sull’uso di armi chimiche, risulta  piuttosto dubbia.

Gli Stati Uniti d’America non hanno alcuna legittimità per dare lezioni di etica o di morale nell’uso di armi proibite come dimostra la loro Storia.

Leggi tutto…

BEIRUT – La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti ha riconosciuto la morte di almeno 396 civili a seguito dei suoi attacchi aerei in Siria e in Iraq dall’inizio della operazione antiterrorismo.
E’ stato riferito dal comando centrale delle forze armate statunitensi. In particolare la coalizione ha riconosciuto credibili 5 notizie relative alle vittime civili nei due Paesi mediorientali a febbraio.

Inoltre la coalizione ha valutato 37 notizie relative all’assalto di Mosul, giunti dall’inizio delle operazioni militari nella città irachena da ottobre 2016 fino alla liberazione della parte orientale della città il 18 febbraio. Solo 15 sono giudicati credibili. Si osserva che da agosto 2014 al febbraio 2017 le forze della coalizione hanno compiuto in Medio Oriente oltre 18.600 raid. In precedenza il quartier generale della coalizione aveva riferito che nei bombardamenti degli alleati erano rimasti uccisi 118 civili tra siriani ed iracheni.

Leggi tutto…