"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Conflitti per l’egemonia

Uno dei motivi per cui la Russia ha salvato la Siria dai rovesci che voleva Washington è stato che la Russia ha compreso che il prossimo obiettivo di Washington sarebbe stato l’Iran; e che un terrorismo, sconfitto in Iran, si sarebbe spostato nella vicina Federazione Russa».

Paul Craig Roberts, già viceministro di Reagan, lancia un allarme sulla demenziale propaganda anti-russa alla quale gli uomini di Trump si stanno piegando, forse anche solo in chiave tattica, per tranquillizzare la Cia e il Congresso, rassicurando l’establihsment sulla immutata vocazione “imperiale” della Casa Bianca. E’ comunque un errore grave, per Craig Roberts, quello commesso da Rex Tillerson e James Mattis: «Se il presidente della Exxon e un generale non sono in grado di tener testa a un Congresso imbecille, vuol dire che non sono adatti al compito che gli hanno assegnato».

Leggi tutto…

Un giornale ufficiale di Pechino prevede “disgrazie” se si andranno a concretizzare le minacce del futuro governo degli USA di voler chiudere alla Cina l’accesso alle sue isole.
Il minaccioso discorso pronunciato dal prossimo capo del Dipartimento di Stato USA, Rex Tillerson, ha provocato una reazione molto dura da parte delle autorità cinesi, come riferisce il giornale China Daily, dove si risponde alla minaccia di un blocco navale USA contro la Cina per impedire a questa il suo accesso alle isole artificiali nel mar cinese meridionale, reclamate come proprio territorio da Pechino.

Secondo il giornale, “L’atteggiamento della nuova Amministrazione USA stabilisce la direzione di marcia verso un possibile confronto devastante fra le due potenze, visto che, a suo giudizio, un ipotetico blocco navale provocherebbe una “risposta difensiva delle forze armate cinesi”.

Leggi tutto…

di  GERMÁN GORRAIZ LÓPEZ *

L’Europa sta attraversando un periodo molto convulso per causa della crisi finanziaria che sta rendendo ancora più difficile il processo di costruzione europea (imprescindibile perchè possa competere come potenza mondiale) e la fase si ristagno economico che si sta rendendo visibile nei paesi periferici ed emergenti e con essa l’apparizione di bolle deflazionistiche nel seno della UE che peggiorano lo scenario economico complessivo.

Tutto questo ha provocato la disaffezione di buona parte dei cittadini europei e da questa l’apparizione di forze centrifughe che potrebbero provocare lo smembramento dell’attuale Unione Europea (Brexit) ed il ritorno a scenari dimenticati di protezionismo economico e di creazione di compartimenti stagni nell’orizzonte del 2019.

Leggi tutto…

In un articolo per la rivista Literarni Noviny l’analista politica e giornalista checa, Tereza Spencerova, spiega perchè l’Occidente sia condannato ad un tramonto ed a una caduta imminente.
Secondo l’analista, il presidente eletto degli USA, Donald Trump, sarebbe disposto a dissolvere la NATO nel caso che i paesi membri non vogliano iniziare a pagare in forma adeguata per le armi ed i servizi forniti dagli USA. Il nuovo leader statunitense, prosegue l’autrice, afferma che l’economia del paese nordamericano non può più permettersi di fornire nuove dotazioni per i suoi “alleati parassiti”.

Leggi tutto…

Il presidente statunitense eletto, Donald Trump, ha l’obiettivo di  migliorare le relazioni con Mosca, tuttavia la Russia non permetterà che la nuova amministrazione nordamericana operi per debilitare il suo più solido alleato nella regione, cioè a dire, l’Iran.

Secondo l’agenzia “Fars News”, dopo la vittoria di Donald Trump nelle elezioni presidenziali degli USA, i sogni delle monarchie arabe del Golfo Persico si sono dissipati.

Loro, i monarchi sauditi, si aspettavano, di fatto, l’arrivo al potere di Hillary Clinton (per questo la finanziavano )  per mandare avanti la loro agenda sulle tematiche incandescenti della regione, in particolare  mediante la realizzazione di una zona di esclusione aerea in Siria, in funzione di un rovesciamento del regime siriano, puntando sull’apertura di nuovo della questione nucleare iraniana, per ottenere il prolungamento delle sanzioni contro l’Iran ed il rafforzamento della partecipazione di Washington nella guerra in Yemen. La Clinton, un “socio di fatto” dei monarchi sauditi, avrebbe garantito tutto questo.

Leggi tutto…

Nè i deputati del Parlamento polacco nè i politici dei paesi europei fanno caso a ciò che sembra ormai ovvio: esiste una forte possibilità dello scoppio di una Terza Guerra Mondiale e ci sono molti segnali che indicano come molto realistica la minaccia di un conflitto generale , questo è quanto pensano i deputati del Parlamento Polacco, Janusz Korwin-Mikke e Konrad Berkowicz in una nota espressa al settimanale Wprost.

I parlamentari polacchi ” si preoccupano dei problemi come l’aborto e la fertilizzazione in vetro ma non si accorgono della minaccia dell’inizio di una Terza Guerra Mondiale, che rappresenta attualmente una minaccia significativa”, ha dichiarato Korwin-Mikke durante una conferenza stampa a Sejm – il Parlamento del paese slavo.

Leggi tutto…

di Alexander Dugin

Come abbiamo detto più volte, l’aspetto principale della stagione politica che stiamo vivendo non è costituito dalle competizioni elettorali, ma dalla guerra. Però, se c’è un luogo in cui le elezioni continuano ad avere una qualche importanza, questo luogo sono gli Stati Uniti d’America, i quali, manco a farlo apposta, sono strettamente coinvolti con il problema della guerra.

Alcuni giorni fa, sabato 17 settembre, la possibilità di una guerra è stata straordinariamente alta. Come sappiamo, quel giorno le forze armate americane, che nessuno ha mai invitato ad intervenire in Siria, hanno bombardato le posizioni dell’esercito siriano a Deir ez-Zor. Sessanta soldati siriani sono morti in quel bombardamento.

Leggi tutto…

NEW YORK – Il “premio Nobel” si è presentato all’ONU con un discorso a favore della globalizzazione, che però deve essere corretta, contro gli “uomini forti” e contro il populismo. Contro la Russia di Vladimir Putin, che “cerca di ottenere la gloria perduta con l’uso della forza”.

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, è salito per l’ultima volta sul podio dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, dove è arrivato in ritardo, scegliendo di parlare dei risultati ottenuti in otto anni e, al tempo stesso, delle incertezze e dei conflitti che agitano il mondo, a causa anche delle disuguaglianze sociali. ‘Dobbiamo respingere qualsiasi forma di razzismo – ha proseguito – fondamentalismo e di idee superiorita’ di razza. Bisogna abbracciare la tolleranza e il rispetto di tutti gli esseri umani e di tutte le culture’. “La diplomazia e’ la vera chiave per fermare la violenza”: ha precisato Obama, facendo l’esempio di Israele. “Non si puo’ affermare la propria leadership sminuendo gli altri. Israele sa che non puo’ occupare in via permanente la terra palestinese”.  (Pars Today)

Leggi tutto…

(Remember, remember the 11th of September)

Paul Craig Roberts è stato il Sottosegretario al Tesoro del presidente Reagan. Plurilaureato in economia nelle più prestigiose università statunitensi, è un conservatore vecchio stampo, nemico giurato dei “neoconservatori” che imperversano a Washington a partire dalla presidenza di Bill Clinton. Fu molto interessante e drammatico il suo intervento al simposio “Global WARning”, organizzato da Pandora TV,Megachip e Alternativa nel 2014.

Rafforzati nel loro potere dall’amministrazione di Bush jr e imposti ad Obama durante il suo primo mandato, i neoconssono stati parzialmente emarginati durante il secondo con l’allontanamento di Hillary Clinton dalla Segreteria di Stato e dalla rimozione dalla direzione della CIA (con transito nelle patrie galere evitato con due anni di libertà vigilata) del potente generale David Petraeus, quello che ha detto senza vergognarsi che al-Qa’ida doveva essere il migliore alleato di Washington in Siria.

Leggi tutto…

La candidata presidenziale ha avvisato, nel corso di un suo discorso davanti agli elettori il 31 di Agosto, che, se eletta alla Casa Bianca, “gli attacchi cibernetici contro gli USA saranno considerati come qualsiasi altro attacco”, secondo quanto pubblicato dall'”International  Business Times”.
La Clinton ha avvisato che gli USA “saranno pronti a serie risposte politiche, economiche e militari” di fronte a questo tipo di attacchi.
“Dobbiamo essere il leader mondiale nel momento in cui stabiliremo le regole per il ciberspazio”, ha detto la Clinton.

La candidata democratica ha annunciato che investirà nella protezione delle reti governative e nell’infrastruttura nazionale ed ha messo in allerta che, “se gli USA non si trasformeranno in leader mondiale nel momento di stabilire le regole nel ciberspazio, altri lo faranno”.

Leggi tutto…