"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

America in declino

WASHINGTON, Stati Uniti d’America – La segretaria della Casa Bianca Sarah Huckabee Sanders ha marchiato come “attore disonesto” l’Iran, durante una conferenza stampa tenutasi a Washington DC. il martedì.

Sanders ha dichiarato che la capacità nucleare dell’Iran “era molto più avanzata e molto più progredita di quanto non avessero mai indicato le autorità iraniane”.

“Il problema è che l’accordo è stato fatto sulla base di una falsa finzione. L’Iran ha mentito sul front-end”  (presupposti), ha detto Sanders durante un normale briefing della Casa Bianca.

Leggi tutto…

di MEL GOODMAN (*)

L’attuale crisi in Siria fornisce a Donald Trump il suo primo vero test come presidente e comandante in capo. Sulla base dei suoi primi quindici mesi alla Casa Bianca, non vi è alcun motivo di credere che sia in grado di gestire una complessa situazione geopolitica e militare che coinvolge uno Stato arabo aggredito e gli interessi militari e politici di molti stati non arabi come Russia, Iran, Turchia e Israele oltre agli Stati Uniti.

La risposta tardiva all’utilizzo presunto e irragionevole della Siria di armi chimiche contro la sua stessa popolazione indica che la burocrazia della sicurezza nazionale degli Stati Uniti così come i principali alleati europei come il Regno Unito, la Francia e la Germania stanno cercando di costringere il presidente e limitare il danno del coinvolgimento degli Stati Uniti.

Leggi tutto…

La giovane sopravissuta del liceo Parkland attacca il presidente americano per il sostegno finanziario che ha ricevuto dalla lobby delle armi.

Una studentessa sopravvissuta alla sparatoria al liceo di Parkland, in Florida, dove 17 persone sono state uccise dai colpi sparati dal 19enne Nikolas Cruz ha attaccato duramente Trump dicendo: “Vergogna”, ha urlato la ragazza, Emma Gonzalez, durante un corteo contro le armi a Fort Lauderdale, stigmatizzando il presidente americano per aver ricevuto sostegno finanziario dalla lobby delle armi.

Leggi tutto…

di  Edward LOZANSKY

La retorica anti-russa a Washington sta raggiungendo livelli senza precedenti. L’ingerenza di Mosca nelle elezioni americane viene confrontata con l’attacco di Pearl Harbor nel dicembre 1941 e con la distruzione dell’11 settembre da parte di Al-Qaeda delle torri gemelle di Manhattan.

Il senatore del New Jersey Bob Menendez, il più alto Comitato democratico sulle relazioni estere, ha chiesto a Trump di prendere in considerazione la possibilità di designare la Russia come uno stato terrorista dopo che Mosca ha rifiutato un ultimatum per spiegare come un ex-informatore russo per il servizio di intelligence straniero britannico è stato avvelenato nel Regno Unito.

Leggi tutto…

I profeti e i meteorologi del prossimo anno hanno già definito la loro visione globale che va dalle economie emergenti alle guerre globali catastrofiche.

Voglio discutere da una prospettiva diversa, concentrandomi sulla crescente suddivisione dei mercati, l’approfondimento dell’autonomia dell’azione politica dallo sviluppo economico, la maggiore minaccia degli interventi militari e l’aumento dell’alloggio politico. Credo che sperimenteremo un processo radicale di elaborazione e rifacimento dell’integrazione politica ed economica, est e ovest , all’interno e all’esterno degli stati delle nazioni.

di Professor James Petras

I “diritti degli Stati” riemergeranno come antidoto alla globalizzazione. I grandi paesi competeranno nelle guerre regionali con impegni limitati ma con obiettivi globali.

Leggi tutto…

di Luciano Lago

Come sosteneva Gianbattista Vico, La Storia è sempre ciclica mai permanente. Nello sviluppo di questa è sempre esistita in ogni fase storica una potenza egemone, un Impero, che dispone di una grande influenza su una larga parte del mondo. Tuttavia la sua condizione di potenza egemone non è un qualche cosa che duri per sempre.

Il secolo XX è stato sicuramente il secolo della massima espansione dell’Impero USA, se pure contrastato per largo tempo dall’altra superpotenza antagonista: l’URSS.
Il Regno Unito, come Impero Britannico, era stata a sua volta una potenza colonizzatrice che aveva stabilito il più esteso impero della Storia moderna fino all’inizio del secolo XX, per poi cedere progressivamente la staffetta agli Stati Uniti.

Leggi tutto…

Miami– Il 2018 potrebbe essere l’anno record per le sparatorie con conseguenti stragi di innocenti negli Stati Uniti.
Da poco iniziato l’anno e già si contano 18 casi di sparatorie nelle scuole che hanno lasciato una lunga scia di sangue che suscita terrore e sgomento nell’opinione puibblica.

L’ultimo episodio in ordine di tempo è avvenuto il 14 febbraio 2018, la strage di San Valentino, che ha provocato la morte di 17 persone. La sparatoria è avvenuta a Parkland, in Florida, dove un ex studente della scuola, Nikolas Cruz, di 19 anni, a suo tempo espulso dall’istituto “per motivi disciplinari”, ha fatto irruzione armato nell suo ex Istituto, la scuola “Stoneman Douglas”. Cruz si è presentato armato di un fucile semiautomatico leggero modello Ar-15, dotato di numerose munizioni di riserva, oltre ad alcune granate fumogene.

Leggi tutto…

Christopher Black

Gravissime affermazioni passate sotto silenzio dai media atlantisti nel documento del Pentagono
I tale documento il Pentagono rifiuta di specificare in quali circostanze utilizzare le armi nucleari (di nuovo) eccetto per dire che si riserva il diritto di farlo anche in un primo attacco.
Il mondo è nostro nemico e ci riserviamo il diritto di distruggere in parte o tutto ciò a nostra discrezione. Questa è l’essenza della Rivista sulla politica nucleare degli Stati Uniti che è stata recentemente pubblicata; un documento di un’impresa criminale incline al dominio del mondo che descrive come l’uso di armi nucleari nuove e “più flessibili” servirà a raggiungere tale dominio.

Leggi tutto…

di  Andre Vltchek (*)

Potrebbe essere davvero comico, se non fosse così pericoloso per milioni di persone che vivono in tutto il mondo. L’Impero, una volta potente, spietato e spaventoso ora sta saltando in giro come un cane infetto dalla rabbia; sta sbavando, abbaiando rumorosamente, la sua aggressività è rigida tra le sue gambe.

Scatta a destra ea sinistra, e periodicamente sta anche cercando di mordere un pezzo di Luna. Ma la Luna è lontana, troppo lontana, anche per i migliori armati e per il paese più aggressivo sulla Terra.

L’Iran è molto più vicino, così come la Corea del Nord, la Siria, il Venezuela, la Russia, la Cina, il Pakistan e altre nazioni che sono riuscite a sbarcare su quella proverbiale lista di merda dell’Ordine Mondiale neocolonialista, fabbricato dall’Occidente.

Leggi tutto…

L’approvazione della politica e della leadership degli Stati Uniti sono in caduta libera in tutto mondo, incluso nel Medio Oriente ed in Turchia, dove l’antiamericanismo delle popolazioni è di molto antecedente alla presidenza di Donald Trump.

Un osservatore politico turco ha fatto un commento circa tale situazione e questo è stato riportato dall’agenzia Sputnik.

Leggi tutto…