"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Agricoltura ed ecologia

“Domani, nel silenzio quasi totale dei grandi mezzi di comunicazione, il Senato voterà il disegno di legge che dà via libera al Ceta, l’accordo commerciale tra Canada e Unione Europea. E non c’è nessun parlamentare che faccia sentire forte la sua voce contro quello che è un vero e proprio regalo alle multinazionali e ai contraffattori dei nostri prodotti”.

È quanto dichiara il leader del Fronte Nazionale, Adriano Tilgher, che aggiunge: “A cosa serve non far entrare in Canada i prodotti alimentari tarocchi, se poi nei nostri Paesi potranno arrivare dal Canada imitazioni di tutti i tipi, come il Carmigiano invece del Parmigiano o il Porconzola invece del Gorgonzola? I discount saranno pieni di queste schifezze, che finiranno sulle tavole di chi ha meno possibilità economiche.

Leggi tutto…

Altri “vantaggi” in Italia dalla globalizzazione del mercati fermamente voluta dal PD e dai suoi sodali.
‘Con la forzatura dell’accordo denominato “Ceta”, il governo e il Pd vogliono dare il colpo mortale alla nostra agricoltura. Con l’accordo commerciale tra Unione Europea e Canada, infatti, 40 mila posti di lavoro nel comparto rischiano di scomparire.

“Renzi e Gentiloni stanno svendendo gli ultimi lembi di sovranità alle multinazionali della finanza massonica mondiale. Per questo il Parlamento si deve opporre in tutti i modi. Il presidente Grasso rinvii e metta nel cassetto la ratifica di questo colpo di grazia per gli agricoltori, a partire dalla Sicilia di cui lo stesso Grasso si candida ad essere governatore.
Non credo voglia passare alla storia come colui che ha affossato definitivamente l’agricoltura nell’Isola”.

Leggi tutto…

La società è stata collegata alla morte di 300.000 agricoltori.

di L.M.P.I

Dopo aver spinto illegalmente nel mercato una forma di cotone OGM, in India e in Africa oltre 10 anni fa, la società agrochimica Monsanto oggi sta ora perdendo milioni di dollari poiché gli agricoltori ora piantano le proprie sementi. In passato, la Monsanto è stata accusata di non rispettare le leggi e addirittura farle riscrivere a proprio favore “ungendo” qualche politico, al fine di entrare nel mercato indiano.

Tuttavia, l’azienda ha iniziato a pagare pesantemente per le sue malefatte: oltre 300.000 agricoltori morti tra il 1995 e il 2013, tutte morti attribuite a Monsanto sia in modo diretto che indiretto. Infatti molti suicidi tra i contadini in tutto il Maharashtra, il centro della produzione di cotone in India, sono stati collegati alla avidità della società, secondo i rapporti .

Leggi tutto…

Il mese scorso Survival ha diffuso queste straordinarie immagini aeree di un gruppo di circa 100 Yanomami incontattati. I tagli ai finanziamenti e altri progetti del governo potrebbero rendere questi gruppi estremamente vulnerabili.

di  Guilherme Gnipper Trevisan/FUNAI/Hutukara

Il governo brasiliano sta progettando di tagliare i finanziamenti al dipartimento che protegge i territori delle tribù incontattate da taglialegna e minatori – facendo crescere i timori per la possibile distruzione di popoli come gli Yanomami incontattati, ritratti in alcune foto aeree diffuse di recente.

Il Dipartimento agli Affari Indigeni FUNAI – perennemente in mancanza di fondi – rischia infatti di subire ulteriori tagli al budget poiché il governo salito al potere in aprile, a seguito dell’impeachment di Dilma Rousself, è intenzionato a ridurre la spesa pubblica.

Leggi tutto…

Silvia Ribeiro

Bayer e Monsanto, due dei più criminali e giganteschi fabbricanti di veleni del Novecento, sono quasi una cosa sola. Vi preoccupa? Bene, lo scenario di fondo che le grandi manovre dei sei colossi del business di pesticidi, coltivazioni Ogm e semi commerciali mettono in luce è molto peggiore. Un vero e proprio incubo. La concentrazione monopolistica che investe l’agricoltura industriale ha dimensioni sconosciute. Comporta di certo una vertiginosa crescita non solo nell’impatto sul mercato, a cominciare dai prezzi al consumo, ma del potere delle lobby su leggi e regolamenti nazionali e internazionali, sulla corruzione politica e il controllo di tutti gli anelli della catena agroalimentare.

Non basta. Il controllo più ambito è quello sulle macchine. No, non i trattori e le trebbiatrici. Stiamo parlando di droni, Gps e altri piuttosto sofisticati giochini. E poi c’è il controllo delle informazioni sui prodotti, i suoli, l’acqua, la vegetazione, i boschi, le comunità animali e umane che li abitano, etc. La banca dati della vita.

Leggi tutto…

di Augusto Grandi

Il Ttip è morto”, ha certificato Sigmar Gabriel, vice cancelliere tedesco. Con il rischio, però, che possa venir riesumato dopo le elezioni americane e quelle tedesche. Se davvero morirà, a rimpiangerlo saranno in pochi: le multinazionali e il ministro dello Sviluppo economico italiano, Carlo Calenda. Oltre al codazzo di piccoli imprenditori che, come d’abitudine, non hanno capito nulla ma si erano allineati ai diktat dei Marchionne di turno. In realtà il Ttip, ossia il trattato per il libero commercio tra Unione Europea e Stati Uniti (più satelliti vari), avrebbe provocato disastri proprio alle piccole e medie imprese industriali. E avrebbe distrutto l’agricoltura europea.

Leggi tutto…

LA COMMISSIONE UE APPROVA IN SEGRETO L’IMPORTAZIONE DELLA SOIA TRANSGENICA DELLA MONSANTO (QUANTO HA BECCATO DI STECCA?)

LONDRA – C’e’ una notizia che e’ stata riportata da Russia Today ma e’ stata censurata dai mezzi di informazione italiani che dimostra il perche’ sia importante uscire dalla UE al piu’ presto possibile.

Infatti nel piu’ assoluto silenzio alcuni giorni fa la Commissione europea ha approvato l’importazione di soia geneticamente modificata prodotta dalla Monsanto e in particolare ad essere autorizzata e’ l’importazione di soia MON 87708 x MON 89788, soia MON 87705 x MON 89788 e soia FG 72 sia per essere dato come mangime agli animali che per il consumo umano ma non per essere coltivata.

Leggi tutto…

The Guardian: La Commissione Europea Vuole Rinnovare la Licenza per l’Uso del Glifosato (il diserbante “probabilmente cancerogeno”)

Un documento trapelato dalla Commissione Europea ed esaminato dal Guardian mostra come l’organo europeo abbia in programma di rinnovare la licenza per l’uso del glifosato, il diserbante ampiamente prodotto dalla Monsanto, nonostante l’opposizione di alcuni paesi e in contraddizione coi principi di cautela. L’OMS ha dichiarato il glifosato “probabilmente cancerogeno”. Le pressioni lobbistiche sono evidenti. Il TTIP è dietro l’angolo.

Leggi tutto…

Dopo gli ultimi provvedimenti dell’Unione Europea, votati anche dai parlamentari italiani del PD a Strasburgo, si profila il disastro della agricoltura italiana, una volta considerata produzione d’eccellenza.
Con il via libera, arrivato dalla UE in questi giorni, all’importazione agevolata di 70 mila tonnellate di olio d’oliva provenienti dalla Tunisia per i prossimi due anni, si profila una difficile prospettiva per la produzione nazionale, già in statto di crisi.

I politici italiani che hanno votato a favore del provvedimento  sono stati:  Gianni Pittella, David Sassoli, Cecile Kyenge e Sergio Cofferati, qualche altro (dalla Bonafè alla Picerno) ha fatto il furbo per non esporsi, ben sapendo che il provvedimento avrebbe comunque avuto la maggioranza. Vedi: Così muore l’olio italiano.

Le pesanti difficoltà economiche del settore agricolo italiano non mancherano di avere forti ripercussioni sull’economia nazionale, sull’occupazione e sull’ambiente. Le varie associazioni di categoria hanno espresso in questi giorni la grande insoddisfazione per Il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, ha parlato di una vera e propria inondazione di olio straniero che l’Italia dovrà subire, mostrandosi seriamente preoccupato per il nostro made in italy agroalimentare. L’unica via percorribile è quella di rafforzare i controlli e stringere le maglie della legislatura per evitare frodi e inganni, per far emergere il vero prodotto italiano ma il disastro è ormai alle porte.

Leggi tutto…

di Roberta Barone

Dall’aumento di import senza dazi di olio tunisino alle arance svendute a Catania per 8 Centesimi, passando per il pomodoro Pachino: quel ‘mercato unico’ europeo che falsa la concorrenza affossando sempre di più l’economia meridionale. E’ così che l’Europa ci vuole bene e ce lo dimostra.

Da sempre gli interessi economici di piccole elite, per essere concretamente realizzati, sono stati incoronati da grandi motivazioni sociali, politiche, ideologiche. E’ quanto accaduto di recente tra le mura delle istituzioni europee quando la proposta di aumentare l’importazione di olio tunisino è stata giustificata dalla necessità di aiutare un Paese come la Tunisia a stabilizzarsi, prevenendo così fenomeni ulteriori di radicalizzazione e terrorismo. Interessi economici che pero’ non si capisce bene a chi debbano beneficiare, considerato che- grazie alla ormai prassi di ‘aprire’ le frontiere ai prodotti stranieri- si scava sempre di più la fossa ai prodotti agricoli nostrani.

Leggi tutto…