Casaleggio getta la maschera: lavora per la grande finanza

di Luciano Lago

Potevamo credere (anche se con qualche dubbio) fino a ieri l’altro che il movimento dei 5 Stelle di Grillo rappresentasse una svolta in Italia nella contestazione al sistema, nonostante le numerose ambiguità sui temi fondamentali dell’opposizione all’eurocrazia ed al sistema finanziario delle centrali di potere dominanti.

I dubbi sono caduti e si sono trasformati in certezze dopo l’ultima intervista di Roberto Casaleggio  al Fatto Quotidiano.

Dopo aver risposto alla domanda  postagli sull’uscita dell’euro con il solito modo ambiguo, affermando che l’Italia deve ricevere “garanzie” dall’Europa e che il problema non è l’euro ma il modo in cui viene gestito e che il vero problema dell’Italia è il debito pubblico (sic) che non diminuisce .

A successiva domanda del giornalista: “Chi se la prende con l’euro dice che la crisi italiana non dipende da corruzione, burocrazia, sprechi, evasione fiscale…”


Risponde Casaleggio : “
L’euro e l’Europa non devono essere un alibi. Noi abbiamo oggi 800 miliardi di spesa. Di questi, 100 sono tasse sul debito. Degli altri 700, possiamo tagliarne 200. Io discuterò con l’Europa sulla gestione, ma non per questo sono esonerato dal fare pulizia a casa mia”.

Quindi  con questa inequivocabile risposta Casaleggio getta la maschera e si schiera dalla stessa parte della troika di Bruxelles e Francoforte e di quanto questa sostiene: il problema dell’Italia secondo lui è l’eccesso di spesa pubblica ed il debito,  nessuna parola sul fatto che il debito si stato creato artificialmente dal cartello bancario sovranazionale dal momento del divorzio della Banca d’Italia dal Tesoro (1981) voluto da Andreatta e Ciampi, con l’effetto di far schizzare verso l’alto i tassi d’interesse sul debito che fino a quel momento corrispondevano a circa il 60% del PIL. Vedi “Le vere cause del debito pubblico italiano”.

Di conseguenza Casaleggio ed il suo movimento  avallano sostanzialmente la stessa posizione di Napolitano, di Monti, di Letta, di Draghi e della Merkel secondo i quali  la soluzione in Italia sia il taglio della spesa pubblica e le privatizzazioni del patrimonio dello Stato.

Neanche una parola poi sul fatto, oggettivamente provato, che l’euro è stato creato dalle centrali di potere finanziarie per  esautorare la sovranità degli Stati europei ed assoggettare questi  ad organi non rappresentativi, non controllati  ed oligarchici costituiti dalla Commissione Europea e dal Consiglio Europeo che emanano le loro direttive sulla testa dei popoli.

Tanto meno Casaleggio rileva il completo dominio della finanza sulla politica che si attua mediante la subordinazione degli Stati e dei Parlamenti ai voleri delle centrali finanziarie e della BCE in violazione dei principi base della stessa Costituzione (art. 42 e 43).

Per Casaleggio, Grillo ed il Movimento 5 Stelle il problema sta tutto nella casta politica, nella partitocrazia corrotta, nella  rapporti Stato- mafia, nei finanziamenti pubblici ai partiti, nei rapporti di affari dei partiti, negli inceneritori, ecc..  Neanche una parola sul tema della sovranità.

L’unica concessione che fa Casaleggio (bontà sua)nella sua intervista  è quella della necessità di rivedere il “Fiscal Compact” ed ottenere deroghe al vincolo del 3%.

Per Casaleggio e Grillo non esiste quindi una mafia dei poteri finanziari (ben più potente delle mafie locali) che hanno soggiogato l’Europa, non sono rilevanti le centinaia di miliardi sottratti all’Italia dal sistema dell’usura del cartello bancario sovranazionale dominato dai Rotschild, non è essenziale che l’Italia rinegozi i trattati europei fondamentali e vincolanti da Mastricht a Lisbona al MES/ESM, ma tutto dipende da “una buona gestione del sistema euro”.

Questo spiega perché il movimento 5 Stelle ha rifiutato qualsiasi apparentamento con il FN della Marine Le Pen e con gli altri movimenti che in Europa si battono contro l’Euro e l’oligarchia tecno finanziaria che si cela dietro le istituzione della UE.

Questo spiega perché sui temi sostanziali come l’opposizione all’immigrazione di massa ed africanizzazione dell’Italia, allo “ius soli” conseguente, un tema caro ai mondialisti, il movimento 5 Stelle abbia preso posizioni di accondiscendenza con questi principi.

A questo punto possiamo affermare con certezza, al di là delle posizioni apprezzabili mantenute da qualche esponente dei 5 stelle in varie occasioni, il movimento 5 Stelle è utilizzato come un falso veicolo di contestazione che vuole portare la protesta delle masse di italiani scontenti su binari innocui per il vero potere: la contestazione alla casta politica (già screditata)  ed al sistema dei partiti senza toccare gli interessi delle centrali finanziarie sovranazionali.

In pratica con le dichiarazioni di Casaleggio  il movimento 5 Stelle si rivela per quello che è: una sorta di “movimento arancione” etero diretto da centrali esterne o, se vogliamo, una “primavera araba” suscitata in Italia.

I cittadini italiani e quanti speravano che  Grillo ed i “grillini” fossero una leva diretta a scardinare il sistema, possono regolarsi ed esserne consapevoli: al vertice del movimento si annidano dei truffatori della fiducia accordata e manipolatori della protesta.

102 Commenti

  • Piero61
    21 Aprile 2014

    salve
    a “pelle” non mi erano mai piaciuti fin dall’inizio, troppe urla, un giorno dicono unacosa e, quello dopo, l’esatto contrario…sono uno del tanti “gattopardi” della politica…tutto cambi perchè tutto resti come è…

    saluti
    Piero e famiglia
    ____________________________________
    con la Russia e con Putin – in BOD we trust

    • alessandra
      22 Aprile 2014

      Piero61…a pelle si direbbe tu stia parlando del sistema partitocratico che ci deride da decenni. Se solo avessi una minima cognizione di che cos’è il Movimento (…perchè magari ti sei preso la briga di seguirlo “in rete”), ti renderesti conto che quanto affermi è assurda scempiaggine!! SVEGLIA CHE E’ TARDI!!

  • Werner
    21 Aprile 2014

    Sono d’accordo con Lei sig. Piero, e le dirò di più, che mi dispiace per i milioni di nostri connazionali che si sono fatti ingannare da questo movimento truffa che si spaccia per “antipolitico” ma che in realtà é tale e quale a tutti gli altri.

    Era chiaro, era evidente che il M5S non é antisistemico, e come potrebbe esserlo visto che il suo proprietario e ispiratore, é un bilderberghino come Casaleggio legato a Telecom, e principale finanziatore il suo socio in affari, il banchiere giudeo rotschildiano Sassoon? Di tutto questo credo siano totalmente ignari, non solo gli elettori, ma anche tanti militanti che credevano in questo progetto e in esso ne vedevano una novità in grado di rovesciare il Sistema.

    É altrettanto evidente che il M5S é stato creato ad hoc dai poteri occulti per acciuffare voti a destra e sinistra, e creare quella situazione che si sarebbe poi verificata, ossia tre grandi partiti col 25% ciascuno, nessuno dei quali in grado di poter creare un proprio governo, e di fatti sono nate le famose “larghe intese” del governo Letta by Napolitano, giustificate appunto dall’esito delle politiche del 2013.

    • Piero61
      21 Aprile 2014

      salve
      analisi impietosa ma reale, quella del preciso Werner…non c’è da aggiungere neanche una virgola…

      saluti
      Piero e famiglia
      ____________________________________
      con la Russia e con Putin – in BOD we trust

    • gianluca
      22 Aprile 2014

      Finalmente qualcuno che dice le cose come stanno, senza fronzoli e senza mezze parole, ma gli elettori dell’M5S non vogliono vedere al di là del proprio naso, pensano veramente che sia un movimento anti euro, come tutte le televisioni italiane stanno cercando di farci credere.

  • orsobruno
    21 Aprile 2014

    casaleggio nn mi è mai piaciuto ma spero di votare x un m5s che abbia capito anche l’anima scura di questo personaggio.grillo forse è prestato,ma il m5s spero possa viaggiare sulla propria onda senza padri putativi

  • Cantabrina
    21 Aprile 2014

    bisogna essere realisti, a gridare fuori dall’ euro come degli imbecilli siamo capaci tutti.
    Per uscire dall’ euro occorrono:
    -una banca di stato che al momento in Italia non esiste. La Banca d’ Italia è PRIVATA, proprietà delle stesse figure che partecipano la BCE. Che senso ha comprare un’ altra valuta dalle stesse persone che ci vendono l’ euro?
    -un piano energetico nazionale a lunga scadenza, perchè uscendo dall’ euro e in vista di una probabile svalutazione della nuova moneta, comprare energia puo’ diventare molto difficile se non impossibile
    -un piano di approvvigionamento di tutte le materie prime e dei semilavorati che al momento importiamo dall’ unione europea
    -un piano di approvvigionamento alimentare, perchè cio’ che produciamo in Italia non è sufficiente al fabbisogno nazionale
    -un mercato alternativo verso cui orientare i nostri prodotti in vista di dazi e limitazioni da parte dell’ UE
    Uscire dall’ euro è possibile ma sicuramente non a breve termine e non prima di aver realizzato le suddette premesse. Casaleggio evidentemente lo sà bene e parla francamente agli italiani. Chi invece sbraita fuori dall’ euro subito! O è un babbeo che non capisce nulla o un vile che cerca solo voti dai piu stolti e poi non darà seguito ai suoi proclami

    • Piero61
      21 Aprile 2014

      salve
      a parte qualche aizza popoli con l’elmo di cartapesta (la lega), sono certo che i movimenti a favore dell’uscita dall’euro siano prepapati a tutte le evenienze da lei elecate, sig Cantabrina e sono ben consci che tutto ciò non sarà indolore, almeno all’inizio.
      Bisogna reinvestire pesantemente sul primario e, senza “unioni” a cappio come la UE/URSS, fare accordi energetici con la Russia e l’Iran…

      saluti
      Piero e famiglia
      ____________________________________
      con la Russia e con Putin – in BOD we trust

    • Redazione
      21 Aprile 2014

      Non bisogna accettare tutti i luoghi comuni che la propaganda dei Banksters cerca di radicare nell’opinione pubblica.
      A richiedere la procedura di uscita dall’euro per riprendersi la sovranità nell’interesse nazionale non sono capaci tutti ma al contrario sono quei pochi personaggi qualificati in Europa, i quali con coraggio e, senza equivoci ed ambiguità, hanno messo nel proprio programma al primo posto 1) l’uscita dall’euro e ritorno ad una valuta nazionale emessa dallo Stato, 2) il controllo di questa valuta affidato ad una Banca Centrale di Statto,3) la rinegoziazione dei trattati europei vincolanti come Mastricht, Lisbona, Fiscal Compact, MES e gli altri.Parlo del FN di Marine Le Pen in Francia, di Geert Wilders in Olanda (il PVV), in Belgio il movimento nazionalista fiammingo di Vlaas Belang, in Austria la FPO di Heinz Christian Strache, in Grecia Alba Dorata ed altre formazioni minori in diversi paesi. Risulta chiaro che non basta uscire dall’euro se non si dispone anche di una banca di Stato pubblica che emetta una moneta nazionale a credito (come avveniva in Italia prima del 1981). Una procedura di uscita dall’euro non sarebbe avventata, ci sarebbero dei problemi ma non quelli che vogliono far credere i Banksters preoccupati di perdere l’affidabilità sui crediti esposti verso i paesi indebitati dell’euro. L’Italia con la nuova lira potrà acquistare energia e materie prime come le acquistano paesi con una propria valuta nazionale come la Polonia, la Svezia, l’Ungheria e tutti gli altri.Il vantaggio sarebbe quello di liberarsi delle imposizioni e delle ricette neoliberiste della troika europea, tornare ad essere competitivi,sviluppare una politica economica espansiva con programma di lavori ed opere pubbliche per dare lavoro, attirare investimenti, turismo e rinegoziare il debito con i creditori. Tutto il resto sono balle. Consiglio di leggere la relazione del convegno Una Europa senza euro a cui hanno partecipato economisti e docenti qualificati http://www.formiche.net/2014/04/14/tutte-le-voci-della-battaglia-leuro-bagnai-bolkestein-passando-salvini-alemanno/ Da ultimo dico con cognizione di causa: in Germania esiste già un piano B per l’uscita dall’euro poichè i ministri tedeschi sanno già che l’euro è ormai al capolinea e potrebbe essere salvato solo se la Germania si volesse accollare i debiti degli altri paesi, cosa impensabile. Di conseguenza stiamo discutendo di un qualche cosa già segnato da prossima fine.

    • Andrea
      21 Aprile 2014

      B€PP€ a giugno del 1992 eri presente nel panfilo britannia tu dici di NO! giocando col nome di un parlamentare dell’epoca che portava il tuo stesso cognome… peccato che noi ci si ricordi che all’epoca fu tale MENTANA ad intervistarti, anche a lui è stata rivolta la stessa domanda ma dal 2009 ad oggi, non ha mai risposto.
      B€PP€ cosa vi siete detti tu e l’ambasciatore SPOGLI il 4 APRILE 2008? Come mai l’anno seguente nacque il MO-VI-MENTO 5 STELLE?
      B€PP€ cosa vi siete detti TU ed I RAPPRESENTANTI dei 5 STELLE con l’ambasciatore THORNE dopo l’elezioni del 2013?
      B€PP€ perchè hai rinnegato AURITI non ti senti un TRADITORE eppure tu sei stato molto attento lo sappiamo, abbiamo le foto, i video e le testimonianze dei PRESENTI come il PROFESSOR PANTANO che nel 1996 erano ad ATRI al 1° corso di perfezionamento monetario tenuto dal prof. AURITI.

      B€PP€ B€PP€ B€PP€ puoi fare fessi tutti per poco tempo, puoi fare fessi alcuni per sempre ma non puoi fare fessi tutti e per sempre.

    • Stefano
      24 Ottobre 2015

      Ci vuole un giorno a nazionalizzarla, anche perché ancora dipende dal Tesoro

  • fabio
    21 Aprile 2014

    mah…anch’io credo che l’euro va cambiato, ma per mia sfortuna non ho alcun legame coi signori del Bildberg.

  • Demianlee
    21 Aprile 2014

    Tira un’aria da 1994, mani pulite, Di Pietro, i popolo festante e fiducioso nel cambimento…..Cambiare tutto per non cambiare niente (se non in peggio)….

  • rudi
    21 Aprile 2014

    Uno è contento quando sente ciò che vuole sentire.Il m5s ha sempre parlato di rivedere i tassi di interesse sul debito e di evitare quella follia che è il patto di stabilità.L’unica speranza di avere una voce in Europa è quella di avere i numeri alle prossime elezioni.Scusate ma se siamo arrivati a tutto questo di chi è la colpa di chi non c’era quando sono state firmate quelle decisoni scellerate?Se la speranza non è in un movimento nuovo chi è Renzi quello che ci dovrebbe salvare?Ma fatemi il piacere ci sentiamo nel 2015 se Renzi & C. dovessere riuscire a salire sul trono dell’Europa e a rovinarci definitivamente.Tempo fa ho creduto nell’Europa ma non in questa costruita da criminali che non hanno a cuore le sorti delle persone.Credo ancora nell’Europa unita più di chiunque altro ma credo che debba essere costruita in un altro modo per esempio con gli Europei chiedendogli cosa vogliono e non con tecnocrati e banchieri che non ascoltano nessuno!!

  • bruno
    21 Aprile 2014

    Il pm Di Matteo intervistato sul 416ter sul voto di scambio politico mafioso approvato da pd e forza italia che abbassa le pene ai politici collusi con la mafia:

    “Rispetto a quanto da anni molti magistrati, io compreso, auspicavamo la riforma che è stata approvata rappresenta un’occasione perduta. Si sarebbe potuto e dovuto fare di meglio. Era molto più incisiva la prima versione uscita dal Senato (quella sostenuta dal M5S, ndr) che prevedeva una punibilità dell’accordo consapevole anche quando la parte politica si fosse limitata alla semplice promessa di una disponibilità futura. La diminuzione delle pene rispetto all’ipotesi originaria è un dato molto negativo, così com’è negativo che si verifichi una situazione per la quale lo scambio politico-elettorale e mafioso venga aprioristicamente considerato meno grave rispetto a qualsiasi altra condotta di appartenenza a Cosa Nostra. Oggi l’ottantenne affiliato a un’organizzazione mafiosa ma magari non più operativo e completamente ai margini dell’attività criminale può essere condannato alla pena giustamente rigorosa al 416 bis. Un politico che consapevolmente stringe accordi con il mafioso in vista della sua elezione viene condannato con pena molto più lieve. Questo è frutto di un gravissimo pregiudizio culturale che avverte la pericolosità della mafia soltanto nell’ala militare, nel picciotto, nell’affiliato puro e ritiene invece meno grave i fenomeni di collusione tra mafia e politica che dovrebbero invece essere aggrediti. […] Evidentemente ancora non tutti hanno percepito, o vogliono percepire, che per fare un vero salto di qualità nella lotta contro le organizzazioni mafiose bisogna fare di tutto per reciderne i rapporti con la politica e le istituzioni in genere. Per questo considero la riforma del 416 ter un’ulteriore occasione persa per fare quel salto di qualità.” Nino Di Matteo

    • Stefano
      24 Ottobre 2015

      Comincia a sparare, che poi arriviamo……..bla bla bla!

  • margo
    22 Aprile 2014

    mi auguro che casaleggio venga spazzato via dal suo stesso movimento…

  • margo
    22 Aprile 2014

    ah comunque non ci sono alternative… quindi votero’ m5s… e si vedra’ quel che succedera’…

  • AlbertoMedici
    22 Aprile 2014

    Che il debito sia un problema secondario rispetto alla malagestione è smentito dai numeri, in particolare del Sole24Ore presi da dati ufficiali governativi si veda: http://www.ingannati.it/2014/04/09/renzi-lillusionista/ oppure qui:http://www.ingannati.it/2014/04/09/renzi-lillusionista/

    Che Casaleggio lo ignori o sia in malafede, questo lo ignoro…

  • AlbertoMedici
    22 Aprile 2014

    Questo era il link del video: http://www.youtube.com/watch?v=M_a2ENaPF3c

  • Barbara
    22 Aprile 2014

    In questo momento dove veramente nn sappiamo da quale base partire, di cosa fidarsi, dove cercare di salvare se stessi e tutto il popolo ignaro…….voglio proprio credere all’effetto boomerang……Nn vi piacerebbe l’ipotesi di un progetto che parte per uno scopo e poi “fallisce” l’originale e si trasforma in qualcos’altro???? E questa volta magari, prendendo vita propria, diventa una corrente da vedere in senso positivo??? Diversamente nn vedo vie di fuga, nn se ne esce sereni…..Buona vita

  • sandropascucci
    22 Aprile 2014

    benvenuti nel (sempre meno fantastico) mondo del SIGNORAGGIO!!

  • FRANCESCO
    22 Aprile 2014

    questo articolo e’ una vera cagata, tutte supposizioni che come disse il cattivo di trappola sulle montagne rocciose , la supposizione?? la madre di tutte le cazzate
    …se come me per gettare fango sul movimento c’e’ gente pagata per scrivere queste boiate.
    che dio salvi l’italia !!

  • Vincenzo
    22 Aprile 2014

    Che tristezza…
    Se non si è attaccati per qualunquismo e populismo, si viene attaccati per cospirazionismo e per essere dalla parte dei bankster…
    La semplice idea che Casaleggio e Grillo possano fare quello che fanno perchè hanno onestamente a cuore le sorti dei 65 milioni di Italiani, non vi sfiora mai?!?
    Eppure ci sono tutti i presupposti: Non vogliono soldi, non vogliono poltrone, non desiderano gestire un potere politico (appena ci saranno una serie di modifiche costituzionali nella direzione della democrazia diretta, il m5s non avrà più ragion d’essere), non stanno selezionando una classe dirigente, ne tantomeno vogliono sostituirsi a poteri precostituiti (ma tendenzialmente a destrutturarli, vedi euro).
    Insomma essere critici è fondamentale specialmente con chi si propone a guida del paese, ma inventarsi cose dal nulla è un’altra.
    Io sono critico di natura, e ogni qualvolta mi sorge un dubbio cerco di approfondire nel dettaglio. Ad oggi il m5s mi ha sempre convinto di essere coerente e composto da persone per bene sia alla base che al vertice.
    Nel momento in cui qualcosa comincerà a cambiare sarò il primo a verificarlo!
    Ma per il momento non posso che essere felice di come si stanno comportando!

      • Ivano
        23 Aprile 2014

        Il M5S e’ l’ UNICA speranza per l’ Italia.!

  • alessandra
    22 Aprile 2014

    Sono orgogliosamente Attivista 5 Stelle e frequento i MU del mio territorio. Non mi stupisco più dell’incessane fango gettato addosso al Movimento e dell’approssimazione con cui vengono passate le notizie che lo riguardano; per non parlare dei subdoli mezzi di travisazione o delle vere e proprie invenzioni che hanno il fine di creare ulteriore scompiglio tra gli indecisi, addormentati e/o italicidioti che non si prendono il tempo di verificare “da vicino” cosa e come il Movimento voglia ottenere andando in Europa. Il sig. Luciano Lago, non ha verificato il programma del 5 Stelle per le Europee, che prevede la rinegoziazione del Fiscal Compact, l’introduzione degli euro-bond, una politica monetaria “dedicata” ai Paesi Europei a diverso regime economico e qualora si fallisse in tutti e tre questi punti, l’uscita dall’euro. Si informi meglio signor Lago. Il suo lavoro è prezioso ma se non è supportato da verità e correttezza, rivela l’inutilità informativa di cui la bassa lega ci ha abituato. Buon lavoro!

  • Antonio
    22 Aprile 2014

    Era il 2 aprile quando sul blog apparve la notizia che qualcuno stava preparando un dossier per infangare il movimento: http://www.beppegrillo.it/2014/04/in_questo_perio.html

  • Aniello
    23 Aprile 2014

    Il problema di un cambiamento é solo nostro,l’uso di un server giá avanti per le conoscenze politiche dal 2001con IDV fa veramente paura, la forza dei giovani parlamentari puö dare coraggio e forza per continuare, ma vi é bisogno di rispettare il basso perché è da li che le esigenze reali e gli sviluppi di una difesa di popolo puö avvenire, non facendoci giocare da un server ormai in balia della globalizzazione delle statistiche fornite da mondi diversi di storia e cultura.

  • Aniello
    23 Aprile 2014

    É dal 2001che il sistema IDV ha prodotto un metodo di fare politica utilizzando informazioni incanalate per un risultato, d’altronde si é affemato proprio sulle proteste di una parte dell’e.ettorato. Senza meravigliarci piü di tanto, concretizzando il discorso ad oggi rileviamo probabilmente superato, e credo che le alterazioni sono dovute alle informazioni e statistiche rilevate senza tenere conto della velocitá degli avvenimenti nella base reale e non solo della rete. Il passaggio della IDV da movimento a partito, ha creato distonie politiche ad ogni grado, lasciando spazio all’incrociarsi di metodi senza programmi nazionali reali se non quelli pilotati , come si é a conoscenza oggi.

  • Diego
    23 Aprile 2014

    Grillo è il braccio armato, Casaleggio la mente, chi dissente come il sindaco di Parma viene linciato in pubblica piazza, questo è il m5s.
    La retorica della democrazia dal basso, dell’uno vale uno è solo propaganda politica, tutta fuffa, chi comanda è Casaleggio e lo fa in maniera dittatoriale, Grillo è l’affabulatore, colui che veicola il messaggio, colui che cavalca la rabbia e il malcontento che purtroppo non si trasforma mai in reale azione politica. Fino ad ora in Parlamento i 5s non sono riusciti a combinare nulla, al di fuori delle grida da stadio e degli striscioni da ultras, la crisi è peggiorata, ci sono più disoccupati, le famiglie si sono sempre più impoverite, le imprese continuano a chiudere.

    La retorica di Grillo è la stessa utilizzata da Monti per terrorizzare gli italiani, se Monti ha utilizzato strumentalmente lo spread per bastonare gli italiani di tasse e tagli, Grillo usa il debito pubblico, si crea ad hoc uno spauracchio, un nemico impercettibile, soprattutto fanno spavento le infinite contraddizioni. Grillo ha detto di essere contro l’euro e di non essere contro l’euro, ha detto che il problema è l’euro e che il problema non è l’euro, in tutto questo il cittadino comune che non ha profonde conoscenze di politica monetaria, macroeconomia, economia internazionale, etc.. si trova spiazzato, è come una banderuola alla mercè del politico Grillo.
    E’ ovvio che tutto questo serve per mantenere lo status quo da cui Grillo e Casaleggio traggono grande interesse non solo politico, ma anche economico.

  • Zac
    23 Aprile 2014

    alle ultime elezioni politiche ho votato M5S …ora, dopo aver letto questo articolo, continuerò a votare e far votare M5S!….Arrendetevi siete circondati! W Casaleggio, w Beppe Grillo, w La rete, w il gruppo ” Arbëreshë amici di Beppe Grillo”…#vinciamonoi!

  • Francesco
    23 Aprile 2014

    L’Euro è il problema.

    Alcuni tra i maggiori economisti al mondo, come Stigliz, Krugman, Mosler, oltre ai nostri Bagnai, Rinaldi, Borghi lo hanno chiarito definitivamente.

    E’ inutile parlare di referendum, è come chiedere ad un tossicodipendente se vuole continuare a curarsi con l’eroina.

    Rispetto al Parlamento Europeo, non ha alcun potere reale, il rifiuto dei trattati capestro deve avvenire da parte delle nazioni sovrane. Piuttosto, è sicuramente utile usare le elezioni europee per portare alla luce le cause reali della crisi:

    Euro, No Sovranità monetaria ed economica, moneta troppo forte ed esportazioni deboli, tassi di interesse sul debito usurai ed illegittimi, mancanza di investimenti sul lavoro da parte dello stato. L’austerity non serva a un cazzo, aggrava il problema.

    Il Debito: dal 1980 al 2013 lo stato Italiano ha pagato più interessi rispetto al valore attuale del debito: 2100 miliardi circa.

    Separazione Tesoro-Banca d’Italia: 1982

    Da quando l’italia non è più padrona della propria moneta, ma la acquisisce a debito, il debito dello stato è passato da 110 miliardi circa nel 1980, a più di 2000 miliardi oggi.

    QUESTI sono i problemi, fanculo il referendum, l’euro è il problema, va ripudiato come i trattati capestro della UE,
    i dati lo evidenziano in modo inequivocabile.

    Recuperare sovranità Economica, monetaria e politica, queste sono le priorità, il resto sono chiacchere.
    Il M5S deve porsi queste priorità se vuole contribuire a salvare il paese, altrimenti fa propaganda.

    Ripeto: Parlamento Europeo-Nessun potere Reale
    Referendum sull’Euro-Legalmente estremamente complesso, nella sostanza inutile, dato che i dati economici e grandi economisti hanno dimostrato che è la principale causa della crisi.

    • Redazione
      23 Aprile 2014

      Complimenti Francesco. In poche righe è riuscito a spiegare sinteticamente le cose fondamentali: siamo un paese colonia delle centrali finanziarie sovranazionali, strozzati dagli interessi sul debito creato artificialmente dal sistema dell’usura, privato di qualsiasi sovranità monetaria, il tutto grazie all’euro, principale strumento di colonizzazione, e qualcuno (il dr. Casaleggio) ancora ci viene a raccontare che l’euro si può mantenere con una “buona parola” della Merkel, che il debito è il nostro problema e che dobbiamo fare “pulizia in casa” (leggi ridurre la spesa pubblica) per andare bene.
      Abbiamo a che fare con un branco di ingenui che non hanno ancora capito l’imbroglio in cui vengono trascinati.
      Grazie per il tuo commento.
      Luciano Lago

  • Giudeppetufano
    23 Aprile 2014

    L’Italia eternamente divisa tra guelfi e ghibellini e a distanza di secoli si ripropone il dilemma tra euro si è euro no .penso che il vero problema del nostro paese sono gli italiani e la nostra classe dirigente la Germania con l’euro va forte , senza sole investe in energia alternativa in Italia è complicato.In altri paesi ci si dimette per una multa in Italia se non ti arriva un condanna per mafia e fiume ti trasmissione chi ti smuove e con gli esempi si potrebbe andare avanti all,infinito

    • Redazione
      23 Aprile 2014

      La discussione tra euro si ed euro no non è una prerogativa italiana ma sta investendo tutta l’Europa. In particolare in Francia dove il fronte no euro è largamente diffuso e capeggiato dalla Marine Le Pen che viene premiata dagli elettori con una larga base popolare di consenso perchè ha fatto una scelta netta, senza ambiguità e tentennamenti, al contrario di chi in Italia, pur rappresentando la protesta, si dimostra incapace di fare una scelta netta e si balocca con possibili richieste di referendum senza alcun senso.

    • Francesco
      24 Aprile 2014

      Giuseppe, la Germania è l’unico paese a trarre vantaggio dalla moneta unica, perchè a partire dal cambio è plasmata sulla sua economia, mentre tutti gli altri paesi dell’Eurozona sono in recessione o stagnanti da tempo,
      non solo l’Italia, ma anche Olanda, Finlandia, Francia.
      Inoltre i tassi di interesse sul debito sono ormai inestinguibili, con austerity, deflazione e recessione, le imprese muoiono, le entrate dello stato calano, il debito aumenta, gli interessi schizzano, e venderemo anche il culo per sopravvivere.

      Leggi qualche libro o articolo di economia di Krugman, Stigliz, Mosler, Bagnai, Borghi per capire. Ciao

  • giorgio gorla
    23 Aprile 2014

    dopo 70 anni di ladrate,attentati, uccisioni,mafie di vario genere, GIORNALISTI; GIORNALI E TELEVISIONI AL SOLDO DEI PARTITI E DELLA FALSA DEMOCRAZIA, personaggi barzelletta come berlusconi, letta e renzi e personaggi crudeli come monti e quel suo governo assassino….se permetti caro signor lago, voglio provare a sbagliare a votare M5S…abbiamo fallito per 70 anni:possiamo fare un eventuale ulteriore sbaglio? tra l´altro, bisogna vedere se ci faranno votare, visto che ormai decide tutto il regime dittatoriale….un saluto

    • Redazione
      23 Aprile 2014

      Giorgio, padronissimo, ci mancherebbe altro. Ti parla uno che ha seguito dal primo momento con simpatia il movimento ed era iscritto ai “meet up”, poi ho preferito essere un “cane sciolto”. Verissimo che siamo in una dittatura mascherata sotto false apparenze ma, poichè il potere reale che muove tutto non si trova a Palazzo Chigi, non basta fare pulizia e mandare fuori dai palazzi la casta, i “camerieri del potere”, quelli che vanno a baciare la pantofola alla frau Merrkel. A mio avviso bisogna mandare un segnale forte all’Europa e questo si può fare solo dando il voto ad una delle formazioni che fanno una scelta netta: No Euro, No Eurocrazia, ritorno alla sovranità nazionale. Questo almeno è il mio parere.
      Saluti
      Luciano Lago

  • fulvio
    23 Aprile 2014

    L’unica cosa che non accetto del movimento è il loro agire troppo democratico. …qui ci vogliono le maniere forti per zittire chi cerca di montare notizie e dossier come questo e per chi siede ancora in parlamento con i soldi nostri….la rivoluzione si fa con le armi perché in Italia la giusta democrazia viene zittita e sepolta dal potere. Scendiamo in strada, mettiamo sotto sopra il paese e forse ci salviamo. ..viva la rivoluzione

  • movimento nuova era
    23 Aprile 2014

    Non sappiamo fare altro che scontarci tra di noi, non una volta che leggo, organizziamo un incontro, misuriamoci scambiamoci la nostra conoscenza dopo di che, si fonda un movimento con direttivo scelto a votazione, fino a quanto non succede questo, continueremo a vivere nel pallone delle chiacchiere udite da chi ci vuole deboli e ignoranti. (chi non conosce la storia di prima di essere nato, rimane per sempre bambino, i bambini non possono cambiare ciò che gli adulti devono cambiare per i bambini..

    • rosario giovanni
      23 Aprile 2014

      Non credo che ci sia nulla da confrontarci oramai.Da Nino Galloni a tuti gli economisti Keynesiani e post ci stanno dicendo come stanno le cose.Il Re è nudo oramai gli italiani hanno capito chi ci ha svenduto all’Europa nascondendosi dietro il debito pubblico che non c’entra niente

    • fulvio
      24 Aprile 2014

      E stato fatto. …si chiama movimento 5 stelle

  • Rosalba Tamburro
    24 Aprile 2014

    Spett. Luciano Lago
    fare un articolo del genere su una risposta molto sintetica e sicuramente sommaria di discorsi economici molto dettagliati “L’euro e l’Europa non devono essere un alibi. Noi abbiamo oggi 800 miliardi di spesa. Di questi, 100 sono tasse sul debito. Degli altri 700, possiamo tagliarne 200. Io discuterò con l’Europa sulla gestione, ma non per questo sono esonerato dal fare pulizia a casa mia”, è sicuramente da TSO.
    Cordialmente

    • Redazione
      25 Aprile 2014

      Da TSO sono,secondo me, tutti coloro i quali ritengono che il dr. Casaleggio sia una personalità che non può essere criticata per le sue dichiarazioni. D’ora in avanti, quando questa “eminente personalità” rilascerà altre dichiarazioni, lo accompagneremo con un coro di “ipse dixit” così eviteremo di essere sommersi dal coro di critiche ed insulti che arrivano quando si osi criticare l”eminente personalità”.

  • Giuseppe
    24 Aprile 2014

    Nessuno mi ha risposto sugli investimenti per far crescere l’ economia,sugli sprechi, sui parlamentari condannati e sull’energia alternative.Grazie a Francesco per la lezione inutile di economia.Ha fatto esattamente come fa la nostra classe politica:tante parole con cui mostrare erudizione e nessuna soluzione concreta.Io sono stato abituato a trovare e a proporre soluzioni per far girare la carta moneta,senza dire qualunquisticamente “Non ci sono soldi”.

    • Francesco
      25 Aprile 2014

      Come parlare ai sordi.

      La nostra classe politica, salvo rare eccezioni, non considera queste come prerogative.

      Step 1: fare pressione tramite il voto, manifestazioni e raccolte firme perchè i partiti attualmente votabili
      perseguano questi obiettivi;

      uscita dall’euro, rinegoziazione del debito, ripudio moneta a debito, ripudio trattati, ripresa degli investimenti sul lavoro da parte dello stato con moneta sovrana e politiche economiche non dettate dall’alto, ecc…

      Step 2: Voto ai partiti No Euro senza se e senza ma.

      Step 3: se necessario, contribuire alla creazione di nuove liste civiche, con la collaborazione di personalità del mondo economico, ma anche imprenditoriale e civile, con queste prerogative.

      Informati sul New Deal e la crisi del 29, c’è molto a imparare anche sulla situazione attuale.

      La ‘lezione’ ti è sembrata inutile, ma è l’insieme di cause e soluzioni della attuale crisi.
      Inutile è buttarla alla cazzo con queste affermazioni dettate solo da ignoranza, qualunquismo e stupidità.

  • Raffaele
    30 Aprile 2014

    Il Fatto Q che scrive contro il m5s.. 🙂 bella manovra sicuramente suggerita dall’amico Travaglio.. Analizzando l’articolo si palesa un tentativo per screditare Casaleggio e di riflesso il m5s, ma qualcosa mi lascia perplesso.. Qualcosa non mi torna proprio a dirla tutta.. Qual’è il vero scopo di questo articolo.. Demotivare un elettorato o motivarlo ulteriormente incattivendolo..? Il Fatto Quotidiano, un giornale palesemente di parte che attacca il movimento.. Mah.. Mi ricordate un pó Ficarra e Picone che a Steiscia la notizia prendono in giro Berlusconi.. Prendete pure per il culo la gente se volete, di ignoranza ce n’è tanta in giro, soprattutto politologi con la laurea fai da te. Gente che da quando è arrivato il m5s hanno vissuto la medesima illusione del gratta e vinci.. Sono tutti diventati esperti dei misteri del male oscuro dei poteri nascosti. Lasciatevelo dire non avete capito un piffero.. Siete ogni giorno manipolati come burattini e schiavi dell’illusione che vivete ogni giorno.. L’unica vera certezza che avrete è che si perderà ancora tempo.. Il m5s serviva a questo, perdere ulteriore tempo dopo la caduta del governo Monti e il periodo di transizione di Letta.. State per essere avviati tutti verso la dittatura europea.. Lo stato italiano non governa più dai tempi del 2006.. Ciò che vedete sono solo controfigure di un film.. Gente pagata per interpretare un copione in vista dell’atto finale di un progetto del governo centrale europeo.. No euro o pro euro sono tutte balle.. Dall’euro non si esce, nell’euro bisogna iniziare ad organizzarsi e a crescere con criteri e prospettive idonee. Vi mostrano la carota e intanto vi tirano mazzate ragazzi.. Grillo, il m5s sono solo una delle vie più brevi per privare l’Italia del Made in Italy, privarlo della propria identità trasformandovi in coglioni affamati e con le pezze al culo, pronti ad auspicare dalla disperazione in un assegno che rappresenta il reddito di cittadinanza. Il giorno che ve lo daranno sarete schiavi e senza più alcun diritto.. Per quanto riguarda il Fatto Q. lasciatevelo dire.. Siete proprio un giornaletto come tanti altri.. Buono giusto per pulirci i vetri visto che contiene piombo..

  • Gianmichele Deiana
    20 Maggio 2014

    Hanno paura…. tuttiiiiii

    • David
      25 Febbraio 2015

      Di cosa te lo chiedi? Della mafia ebraica che sta uccidendoci… Sassoon come cognome non ti dice niente?!? Sono dappertutto e fanno le leggi…e la gente lobotobizzata ancora crede alla cazzata dell’olocausto…ecco che siccome sanno che tanti hanno capito CHE È UNA CAZZATA(E INFATTI ORA CHE IL CASTELLO INIZIA A SCRICCHIOLARE,SUBITO LEGGE CONTRO IL NEGA-ZIONISMO..GIÀ SOLO QUESTO DOVREBBE FARE PENSARE,MA SE UNA VERITÀ È,COME DICONO LORO,INCONFUTABILE,PERCHÈ HANNO BISOGNO DI LEGGI CONTRO CHI LA CONTESTA?!?!? W la libertà di pensiero…)E CHE LA CRISI È STATA ORCHESTRATA DA LORO ASSIEME ALLA PROGRAMMATA DISTRUZIONE DELL EUROPA E DELLA CLASSE MEDIA DEI BIANCHI PER SOSTITUIRLI CON UNA POLTIGLIA MULTIRAZZIALE DEMENZIALMENTE INFERIORE E SOGGIOGABILE…I PROTOCOLLI DEI SAVI DI SION(altro che falso!!!)si stanno realizzando in tutto il loro orrore demoniaco…

  • Ciao una mia ϲollega mi ha inviato l’indirizzo di questo sito e sono venuto a νedere com’è.
    Mi piace ampiamente. Agɡiunto trra i preferiti. Splendіdo blog e grаfica meraviglioso!

  • è dԁa 1 settimana che cerco e questo poѕt
    è la prima cosa apprezzabile cҺhe vedo. Molto interessante.

    Se tutte le ƿersone chе creano blog faсeѕsero attenzione di produrre materіale attraente come
    il tuo internet sarebbe certamente mplto più efficace.
    Ti ringrazio!!!

  • Anonimo
    30 Agosto 2014

    Ragazzi ma l’avete letto l’articolo????? Cioè dite che Casaleggio fa parte della grande finanza perchè ha detto quanto segue:”A successiva domanda del giornalista: “Chi se la prende con l’euro dice che la crisi italiana non dipende da corruzione, burocrazia, sprechi, evasione fiscale…Risponde Casaleggio : “L’euro e l’Europa non devono essere un alibi. Noi abbiamo oggi 800 miliardi di spesa. Di questi, 100 sono tasse sul debito. Degli altri 700, possiamo tagliarne 200. Io discuterò con l’Europa sulla gestione, ma non per questo sono esonerato dal fare pulizia a casa mia”…………………..Ora io mi domando ma un articolo più tendenzioso ci riuscirebbe a farlo Rete 4 quando era sotto Emilio Fede? La risposta è “NO” perchè da 2 parole questo articolo tira fuori supposizioni assurde quindi se vogliamo vederla veramente questa verità cerchiamola con cose concrete non con supposizioni tendenziose e sviative sui veri obiettivi del M5S che al momento è l’unico movimento rivoluzionario in parlamento…tanto per alcuni come ti giri ti giri sempre il M5S sbaglia….quando è troppo comunista…quando è troppo fascista….quando è troppo europeista…..quando è troppo rivoluzionario….Ma insomma che c…o bisogna fare per capire che stiamo solo cercando di far tornare la legalità e la normalità in uno stato marcio al 100%

  • Ivan
    3 Febbraio 2015

    nessuno menzione l’arrichimento di CASALEGGIO su gruppi parlamentari sulla comunicazione, questo gioco frutterà al suo Casaleggio Associati, ben € 5.000.000 in cinque anni di legislatura e volete che faccia saltare il coperchio?
    È stato tutto studiato ad arte da un grande stratega quale è lui, poi giustamente in Italia chi è più in alti Sto arrivando! Bene quale pedine muovere per controllare i dissensi ed i malumori, la storia insegna, dalle brigate rosse ai forconi e dulcis in fundo il m5s un 20% di elettorato CONTROLLATO!!!!!!!!!!!!!

  • Maurizio
    25 Febbraio 2015

    Senza pregiudizi, Casaleggio e Grillo non interferiscono con i portavoce eletti, sono semplicemente garanti. Pertanto se volete informarvi sullo stato di fatto nella battaglia contro i poteri forti dell’economia mondiale, dovreste andarvi a cercare la cronistoria degli atti istituzionali. Tutto il resto sono, appunto, pregiudizi, leciti in democrazia, ma senza alcuna attendibilità reale.

  • giuseppe gallenti
    25 Febbraio 2015

    Ancora qualcuno ha dei dubbi su Grillo & Casaleggio,……….Ma avete sentito mai parlare di qualche interesse Yankee a questi due.
    https://www.facebook.com/notes/joses/lo-stato-smetta-di-emettere-titoli-di-stato-e-si-finanzi-emettendo-moneta-/786712374731696

  • Fabio Martina
    26 Febbraio 2015

    …e nessuna parola di Casaleggio sul massacro dei cani pechinesi nel Bangladesh!
    Di conseguenza Casaleggio e il suo movimento avallano sostanzialmente lo sterminio dei pechinesi tanto (e il fatto è noto a pochi) Casaleggio in casa ha un pastore tedesco mica un pechinese.

  • the tonic express
    26 Febbraio 2015

    Questo articolo sarebbe da denuncia… tutte supposizioni basate sul fatto che Casaleggio non da tutta la colpa all europa della situazione italiana?? Per questo lavorerebbe per l alta finanza?Pazzesco….

  • fabrizio
    27 Febbraio 2015

    questo articolo è semplicemente RIDICOLO! ( p.s.: non amo ne grillo ne casaleggio anche se voterò a vita M5S!)

      • Mario
        21 Ottobre 2015

        Perdonami l’ardire ma, le dichiarazioni di Casaleggio non fanno alcun riferimento a “la grande finanza” come, giornalisticamente errato, compare nel titolo, nè tale affermazione può essere dedotta da quanto riportato in suddetto articolo. Mi piace mangiare carne quindi avallo l’allevamento selvaggio in batteria degli animali? Senza parole…

  • Risia
    27 Febbraio 2015

    Un articolo che si è dimostrato inutile. Il tempo è galantuomo e ha chiarito diverse cose. Cambiate strategia, non avrete più tanti accessi criticando l’m5s ovvero i responsabili del declino italiano giusto? eeh! La dichiarazione di Casaleggio francamente non dice quello che lasciate trasparire voi ed è sempre meglio di amanti di Salvini e professoroni vari per cui la corruzione e la burocrazia sono cose davvero di poco conto nello sviluppo economico.

  • Marco
    25 Maggio 2015

    Ma che articolo è?
    Casaleggio non dice…..Casaleggio non fa riferimento……Casaleggio pertanto avalla….
    Dato che non ha nominato il Papa, la pena di morte o la mafia gli attribuiamo anche qualcosa su questi argomenti?
    Potete discutere su ciò che una persona dice NON su quello che non dice!

    • Ugo Gaspare Lazzara
      21 Ottobre 2015

      Il M5S e’ stato creato dalla mafia giudaica coagulata nella cupola Bilderberg,sul palcoscenico politico solo pagliacci per un pubblico di idioti votanti.

  • Toppolo
    21 Ottobre 2015

    Ma al 2015 esiste davvero gente che crede che uscire dall’euro sia la soluzione a qualcosa?

    Ma come diavolo si fa…

  • Duccio
    21 Ottobre 2015

    Un articolo ottimo!… quasi non fa una grinza!… A tutta prima, letto d’un fiato e quindi salvo mie possibili e particolari sviste, penso di poterlo sottoscrivere quasi dalla “a” alla “zeta”!…

    Bisognerebbe però che a questo articolo seguisse un altro articolo di approfondimento che divulgasse il fatto oggettivo che la cosiddetta “Costituzione” dell’attuale Stato Coloniale a Sovranità Limitata vigente in Italia è stata complessivamente fin dall’inizio, e lo è ancora adesso, niente altro che una criminale, gravissima e spudorata truffa ai danni del Popolo Italiano!

  • Raffaello
    21 Ottobre 2015

    Da poche parole hai creato un romanzo. Complimenti! Chissà cosa sarai capace a fare se riascolterai un intervento di Beppe Grillo dove grida Vaffanculo!… Per quello che mi riguarda io sono nel movimento attivo da oltre 4 anni e ti posso assicurare che qui da noi, cioè nella nostra città, siamo cittadini liberi e immacolati e non certo collusi con i poteri forti. Per ultimo, non siamo dei fessi come fra le righe dici tu. Anzi, abbiamo aperto gli occhi molto più di gente come te e per questo dobbiamo ringraziare proprio Beppe e Casaleggio. Auguri.

  • Daniele Ghirarduzzi
    23 Ottobre 2015

    un altro divertente articolo, fatto per metà di bugie, e per l’altra metà di ignoranza, il tutto frullato bene e ben shakerato col solo scopo, sterile, di denigrare il MoVimento 5 Stelle ed insultare i grillini. Bene, sappiatelo. Le critiche, a noi, ci stimolano poiché ci sollecitano a migliorare e, molto spesso, ci danno l’occasione per ristabilire la verità. Gli insulti invece, danno fastidio, ma allo stesso tempo non meritano risposta, perché squalificano chi li fa, quindi, da bravo GRULLINO quale io sarei, vi faccio notare che demonizzare il nemico individuando un fantoccio, un totem, con cui prendersela, è tipico di chi fa il gioco dei poteri forti. Informarsi, confrontarsi, costruire qualcosa insieme, in una democrazia partecipata, invece, aiuta a risolvere i problemi del popolo. Nello specifico, lo slogan “fuori dall’Euro” che, beninteso, usiamo pure noi, NON E’ la panacea, NON E’ la soluzione come, contraddicendosi e non poco, sostiene anche chi ha scritto questo articolo pieno soltanto di veleno, quando ammette che la causa del problema risale al 1981 quando l’Euro, quindi, era soltanto uno spermatozoo piccolo piccolo nei testicoli di chi poi lo generò, diversi anni più tardi. La soluzione E’ ACQUISIRE LA SOVRANITA’ MONETARIA ed uscire dall’Euro è soltanto uno strumento che va usato insieme ad altri indispensabili strumenti, quali uscire da alcuni trattati internazionali, prepararsi al £-Day con misure legislative che tutelino correntisti, imprese di import-export, banche, titoli di stato, ecc. nonché cancellare quell’obbrobrio del pareggio nel bilancio dello Stato introdotto dal golpista silente Monti (unico Paese al mondo ad avere il pareggio in bilancio nella Costituzione, pazzesco!). Se non si capisce questo, temo non sia corretto che continuiate a sostenere le vostre assurde teorie complottiste su Casaleggio ed altri in una pagina FaceBook che si chiama “sovranisti – superamento dell’euro”. Superare l’Euro non vuol dire solo cancellarlo, ma saper guardare OLTRE, cosa che vedo si fa fatica a fare. Sia l’articolista, che l’autore di questo post, si lamentano che il debito pubblico italiano è un problema nodale, eppure, se lo dice Casaleggio è un attentato alla nostra amata Nazione, e noi grillini diventeremmo, di conseguenza pericolosi. Non vi sembra leggermente, solo un pochino, contraddittorio? A me si, e dà la cifra dello spessore delle vostre critiche, a mio parere. Associare un’intera comunità agli errori fatti da una sola, o da poche persone appartenenti a quella comunità, sostenendo che sono tutti uguali è una delle definizioni che il vocabolario da della parola “razzismo”. Pertanto, anche ammesso e non concesso che Casaleggio dica una sciocchezza (e non è così, e lo dimostrano le parole che dice), non potete scaricare la colpa (ammesso e non concesso, ripeto) di Casaleggio su tutto il MoVimento 5 Stelle, perché è razzismo. Sostenere che noi saremmo complici di Napolitano, quando siamo stata l’unica forza politica in Parlamento a chiedere l’impeachment di Napolitano, che abbiamo accusato ufficialmente di alto tradimento nei riguardi dello Stato, non so se è mera ignoranza, o calunnia, ma di certo sono affermazioni anni luce distanti dalla verità. Questa è la tecnica del “fantoccio” o del “totem”, a cui facevo riferimento prima, che viene creato demonizzando una persona, o, in questo caso, l’intera razza dei grillini, salvo dimenticarsi che stiamo dalla stessa parte, e fuorviare l’attenzione dai problemi veri, che sono il reddito da signoraggio e la sovranità monetaria (le due facce della stessa medaglia). Quando sento alcuni ancora non capire cos’è il signoraggio, l’esempio più illustre è Barnard, capisco che dobbiamo ancora percorrere molta strada, ma questo non ci spaventa, un passo alla volta, faremo quel che c’è da fare. Potete insultarci, deriderci, irriderci, metterci alla gogna, ma la forza degli argomenti prevarrà, che vi piaccia o no. In alto i cuori

    • Redazione
      23 Ottobre 2015

      L’articolo risale ad oltre un anno fa e si riferisce alle dichiarazioni fatte dal Casaleggio in occasione di una sua partecipazione ad un convegno di finanzieri ed industriali. Da quell’epoca le posizioni del 5 S. sono cambiate (prima eran a favore dell’euro adesso hanno sposato la tesi anti euro) non senza lasciare molta ambiguità sulle questioni dell’euro e dell’oligarchia europea. Casaleggio continua a sostenere che il debito pubblico italiano dipenda dalla corruzione, malgoverno e tangenti ed ignora totalmete la questione dell’usura bancaria a cui l’Italia è sottoposta dai grandi potentati finanziari sovranazionali, padroni della moneta. Questo fa sospettare che i suoi rapporti con i circoli massonici e bancari dei suoi vecchi amici, come Enrico Sasson, non siano affatto cessati. Ho comunque risposto a suo tempo ai tanti che mi hanno accusato di parzialità per questo articolo, basta andare a leggere.

  • Gianni
    27 Ottobre 2015

    La tesi dell articolo non si regge proprio in piedi, é una vistosa distorsione delle parole di Casaleggio, basta leggere attentamente il tutto. Sembra proprio cospirazionismo a tutti i costi che si trasforma in sterile disfattismo. Cosa dovremmo fare allora? Non votare affatto o votare gli sempre i soliti partiti? O fare una rivoluzione in strada con le ghigliottine? Non cambierebbe nulla. Le proposte del m5s non saranno tutte perfette al 100%, ma la maggior parte pongono le fondamenta per una rivoluzione culturale che davvero puó far migliorare le nostre vite. Meglio mettere alla prova loro che non fare nulla.
    Inoltre oggi 27 ottobre 2015 lo stesso Fatto Quotidiano ha pubblicato la proposta del M5S sulla riforma della banca d’Italia, proposta che ha molti punti interessanti, primo tra tutti la nazionalizzazione dell’istituto ovvero togliere le quote ai privati (banche, assicurazioni, rotschild, etc.) e restituirle al ministero.

  • Barolus
    13 Marzo 2016

    Ma come si fa a fare certe affermazioni e farlo passare per oro colato. Costruire delle teorie in base a una sola opinione, a una frase scarnita addirittura, mi pare del tutto fantasioso e falso; come se poi Casaleggio fosse il capo indiscusso, per cui passano solo le sue volontà, le sue esclusive direttive, che poi sono ben diversa da quelle dipinte in questo articolo .
    Questo signore dimentica la linea che il M5S si é dato, ignora persino le regole basilari e i primi 20 punti programmatici che portano avanti con decisione e a faccia alta .

    • Redazione
      13 Marzo 2016

      Ancora con questa storia delle dichiarazioni di Casaleggio di due anni fa, non se ne può più. Di acqua sotto i ponti da allora ne è passata e le situazioni si sono modificate ma l’ambiguità della leadership di Casaleggio sul movimento 5 S. è rimasta immutata. Se gli esponenti del 5 S. sono realmente indipendenti, che inizino a proporre concretamente, nei loro programmi, l’uscita dell’Italia dal sistema dell’euro, dalla subordinazione al Bruxelles, l’uscita dalla NATO e l’abolizione delle sanzioni alla Russia.

      • nessuno
        14 Marzo 2016

        concordo perfettamente con questa risposta.

  • Crescenzo Zotti
    14 Marzo 2016

    Per uscire dall euro bisogna sistemare i conti, altrimenti si cade nel buoio totale. Certamente il M5S ambisce a riconquistare una sovranità monetaria ma tiene conto anche che questo obiettivo va raggiunto con le dovute cautele. Pertanto, non sparate emerite stupidaggini per infangare il movimento. L’Italia è in mano ad un gruppo di ladroni che non si occupano del benessere degli elettori (tra l altro da quanto tempo non si vota?); l unica speranza è il M5S.

    • nessuno
      15 Marzo 2016

      qui ognuno dice la sua, e certamente non merita che qualcuno definisca quello
      che scrive “emerite stupidaggini”. Detto questo, io penso e sono sicuro che il
      M5s non sia chiaro, anzi lo definirei una “nebulosa”, una “cosa” creata ad arte
      per convogliare la parte della popolazione malcontenta, in due parole:
      renderla innocua, certamente ci sono alcuni componenti di questo strategico
      disegno che sono persone degne di rispetto, che in un partito tradizionale sarebbero
      dei leaders, ma tutto fa parte di un piano nato in un giorno nuvoloso di qualche
      anno fa sopra una bella barca dal nome Britannia…..

  • Gianluca Braguzzi
    15 Marzo 2016

    Comunque uno che grida Berlinguer Berlinguer in TV due giorni prima delle elezioni perdendo almeno un milione di voti e scegliendo personalmente buona parte dei transfughi in parlamento qualche dubbio anche a Beppe dovrebbe, al di là dell’amicizia che li lega, farlo venire…

  • claudia
    15 Marzo 2016

    Ma cosa scrivete!…il primo a gridare fuori dall’euro è stato proprio il M5S…..NON MERITATE RISPOSTE…..

    • nessuno
      15 Marzo 2016

      dal dire al fare c’è di mezzo il mare!

  • orlando trama
    16 Marzo 2016

    che dire ,considerare luciano lago indipendente è come credere che cristo sia morto di ” castidoli per non aver mangiato rape e fagioli”una bella bufalina …..

  • Giovanni Sandi
    8 Ottobre 2016

    Beppe Grillo è inquieto, questo mi racconta una fonte a lui vicina, una gola profonda, è malato, CONTINUA: http://www.giovannisandi.com/?p=1396

Rispondi a rosario giovanni cancella risposta

*

code