"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Cannoni elettromagnetici in Siria contro i droni e contro gli aerei israeliani

L’abbattimento di un drone israeliano lo scorso  martedì a Quneitra, poco dopo il suo ingresso nel cielo siriano e un missile sparato in direzione degli obiettivi militari israeliani, costituiscono un chiaro avvertimento della Siria ad Israele nel senso di indicare che le regole del gioco sono cambiate in modo sempre più imprevedibile per l’entità sionista.

Secondo il giornale Rai al Youm, questo abbattimento deve essere tenuto in conto visto che riflette un cambiamento strategico dell’equilibrio di forze sul fronte sud della guerra, quella che oppone la Siria ad Israele.
Secondo il canale in lingua araba Al Alam, che cita il giornale russo Rossiyskaya Gazeta, i russi hanno dotato i loro alleati siriani di cannoni elettromagnetici che paralizzano i sistemi di controllo ed i radar dei droni e degli aerei israeliani mediante emissione di onde elettromagnetiche e provocano la loro caduta.

La stampa russa afferma che questo tipo di cannoni possono essere collocati in ogni tipo di veicoli blindati ed intercettare aerei da caccia moderni, inclusi quelli la cui carlinga sia ricoperta da rivestimenti plastici.
Il cannone conta con molteplici antenne per emettere onde elettromagnetiche di ampia gamma. Risulta anche possibile che i russi decidano di andare più in là ed attivare gli S-300 contro i caccia israeliani.

Forze siriane a Quneitra

 

Per gli analisti, il fatto che la Russia abbia fornito alle forze siriane e di Hezbollah, stazionate in prossimità del Golan, tale arma antiaerea elettronica, costituisce un avvertimento ad Israele. La fine degli attacchi israeliani contro il Sud siriano dopo dieci giorni di bombardamenti incessanti lascia intravedere che il messaggio è stato recepito.

Fonte: Al Manar

Traduzione: L.Lago

*

code

  1. Tania 3 settimane fa

    Ottimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco 3 settimane fa

      Meglio tardi che mai..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dolphin 3 settimane fa

    finalmente incominciamo a ragionare, per la verità mi stavo un po annoiando, ma così é tutta altra musica !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Walter 3 settimane fa

    Se gli USA se ne vanno dalla Siria, Israele e Arabia saudita si ciucciano il calzino. Gli israeliani sono furbi, non otterranno quello che volevano ma si defileranno senza grosse perdite mentre l’Arabia saudita resterà col cerino in mano: dopo aver speso più di 300 miliardi in sistemi d’arma che non sanno usare, non hanno guadagnato un centimetro di terra, si sono inimicati i loro vicini e hanno suscitato l’indignazione e il disprezzo nei popoli occidentali (per quanto può valere). Il boomerang che hanno lanciato sta tornando indietro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. annibale55 2 settimane fa

      Non è che gli Israeliani siano furbi, è che gli amici di Sion hanno il 90 % dei media e possono dire ciò che gli pare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. animaligebbia 2 settimane fa

      I componenti sionisti del “”popolo eletto”(ah ah ah ) non la passeranno liscia:avranno Hezbollah e quindi gli iraniani alla porta di casa,dovranno rinunciare a mettere le grinfie sul gas siriano,e non e’ escluso che con la ritirata americana e la pressione russa si ridiscuta il Golan e questo significa rinunciare a importanti riserve di acqua dolce,da quelle parti piu’ importanti del petrolio.Non sono poi cosi’ furbi i “fratelli maggiori”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Manente 3 settimane fa

    Ahahahah … Ecco perché Netanyahu è diventato improvvisamente “ragionevole” e vuole parlare con Putin, sapendo bene di non trovarsi di fronte ad uno dei soliti gojim appecoronati come la Merkel, Macron, Napolitano, Gentiloni o Renzie da Rignano !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jack 2 settimane fa

      Attenzione sign. Manente,mi perdoni,ma la Merkel all’anagrafe è Rebeka kesner..e ci siamo già detto tutto.
      Un saluto a tutti e buon fine settimana.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Manente 2 settimane fa

        @Jack . Ha ragione ! Mi scuso per l’errore di aver chiamato Rebeka Kulona Kasner con il falso nome che si è scelto per nascondere la sua origine ebraica e la sua appartenenza sionista !

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paolo 2 settimane fa

      Putin lo si può vedere in più occasioni con la kippah sulla sua testa di cazzo Che ha. Appecoronato pure lui! Non c’è speranza Per l’umanità, se non tra 6/7secoli, forse.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Giorgio 3 settimane fa

    Chissà che sia stata la volta buona che dalle parole si sia passati ai fatti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. michy 2 settimane fa

    forse non è quello che sembra……..forse.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Davo 2 settimane fa

    bene finalmente i russi si stanno dando una svegliata…
    Ma occhio perchè poi tali armi potrebbero essere obbiettivo di attacchi da terra dei reparti speciali israeliani e americani reparti
    che mi duole ammettere molto efficienti in tali azioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Davo 2 settimane fa

    bene finalmente i russi si stanno dando una svegliata…
    Ma occhio perchè poi tali armi potrebbero essere obbiettivo di attacchi da terra dei reparti speciali israeliani e americani reparti
    che mi duole ammettere molto efficienti in tali azioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. mardunolbo 2 settimane fa

    E dove e´finito il missile sparato dalla Siria ? e quali erano gli obiettivi militari ? Colpiti ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace