"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Cancellare le comunità cristiane di Siria ed Iraq, un progetto favorito da Stati Uniti ed Israele

Cristianos-vigilia-sabado-Damasco-

Cancellare i cristiani di Siria e Iraq per Riassociare Medio Oriente: condizione essenziale per uno scontro di civiltà?

di Mahdi Darius Nazemroaya

Storicamente, l’ Oriente (il Levante) è il luogo di nascita del cristianesimo e delle più antiche comunità cristiane che hanno vissuto in esso e per tutto il periodo detto della “Mezzaluna Fertile” dall’inizio della storia cristiana.

I primi cristiani si chiamavano “i seguaci” o persone del «Cammino», prima di adottare il termine cristiano; in arabo il loro nome antico era «Ahl Al-Deen». [1] Tracce di questo nome originale sono disponibili anche nel Nuovo Testamento della Bibbia e possono essere letti in V. S.Giovanni 14:5-7, Atti 9:1-2, Atti 24:4 e 14. Dalla Mezzaluna Fertile questa comunità cristiana si sparse in Africa, Asia ed Europa. Da quel momento le antiche comunità di cristiani, molti dei quali utilizzano ancora i dialetti siriani dell’ aramaico nelle loro chiese, sono stati una parte integrante e importante dei tessuto sociale delle società pluriconfessionali della Palestina, Libano, Siria, Iraq, Turchia, ed Iran. Tuttavia, i cristiani del Levante e in Iraq sono tutti ora nel mirino degli integralisti.

L’inganno e la malizia sono stati utilizzati per questo gioco. Non è un caso che i cristiani egiziani sono stati attaccati allo stesso tempo come per il Referendum svoltosi nel Sud Sudan, che avrebbe dovuto segnalare una scissione tra i musulmani di Khartoum e cristiani e animisti a Juba. Né è un caso che i cristiani iracheni, una delle più antiche comunità cristiane del mondo, hanno dovuto iniziare ad affrontare un moderno esodo, lasciando le loro case e le terre ancestrali mantenute in Iraq nel 2003. Gruppi misteriosi hanno preso di mira loro ed i profughi palestinesi …

In coincidenza con l’esodo dei cristiani iracheni, che si è verificato sotto gli occhi attenti delle forze militari statunitensi e britanniche, i quartieri di Baghdad divennero settari così come i musulmani sciiti e sunniti sono stati costretti dalla violenza e dagli squadroni della morte a formare delle enclave settarie. Tutto questo è legato a un progetto di ridisegnare la mappa del M.O. voluto dagli Stati Uniti e da Israele.

Le comunità cristiane del Levante ed in Iraq hanno a lungo diffidato del governo degli Stati Uniti per il suo sostegno ad Israele, all’Arabia Saudita, ed ai militanti fanatici con tendenze anti-cristiane. I cristiani del Libano sono stati anche stanchi del sostegno dato dagli Stati Uniti per l’espansione israeliana e per le idee sul reinsediamento dei palestinesi in Libano. Vi è anche una convinzione diffusa che gli Stati Uniti e Israele sono stati coinvolti in una politica diretta a rimuovere e favorire l’«epurazione» dei cristiani dall’Iraq e il Levante, in un certo tipo di piano collegato di reinsediamento sionista. Dal momento che le milizie anti-governative, appoggiate dagli USA, hanno iniziato ad avere come obiettivo i siriani cristiani, si è nuovamente verificato un esodo dei cristiani in Medio Oriente incentrato sulla guerra di Washington contro la Siria.

Mettere a tacere l’antica chiesa delle Campane di Sham e Shinar

Cristiani perseguitati

Gli arabi cristiani ed anche le comunità etniche assira e armena, che sono, a maggioranza schiacciante, composte da cristiani, nel Libano ed in Siria, sono state prese nel mirino. Dalle città di Homs e di Maaloula ,a Kessab, i cristiani della Siria sono stati messi sotto assedio.

Vari concili ecclesiali o sinodi hanno espresso preoccupazioni per quanto hanno potuto, il Patriarca Ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, il Vaticano o Santa Sede ,il Patriarca ortodosso russo di Mosca Cirillo (Kirill) I, il Patriarca cattolico armeno apostolico Aram I, il Vescovo maronita del Patriarcato greco-cattolica in Libano, l’Arcivescovo greco ortodosso di Gerusalemme .Teodosio (Attallah) Hanna di Sebastia, la Sede anglicana di Canterbury, il presidente armeno Serzh Sargsyan, il presidente libanese Michel Suleiman, il Movimento Patriottico Libero del Libano Michel Aoun, il Consiglio Mondiale delle Chiese, e vari organismi inter religiosi. Anche le celebrità americane Cherilyn Sarkisian (Cher) e Kimberly Kardashian si sono unite al coro e hanno espresso le loro preoccupazioni circa il destino dei cristiani della Siria, dopo che il governo turco ha perfidamente aiutato il gruppo integralista di di Al-Nusra ad invadere la città prevalentemente armena di Kessab a Lattakia . Riprese poi da forze governative il 24 marzo 2014. [2]

All’interno della Siria, l’ Arcivescovo maronita greco-cattolico di Damasco Samir Nassar, il patriarca greco melchita cattolico Gregorio III Laham, il Patriarca greco-ortodosso di Antiochia Ignazio IV, e il siro-ortodosso Ignazio Zakka I Iwas, tutti hanno condannato la violenza.

I leader di altre fedi della Siria, drusi sceicco Al-Aql Hamoud Hennawi, il sunnita Gran Mufti Ahmed Badreddin, e Ashari Imam Mohammed Said Ramadan, si sono uniti ai leader cristiani nei loro bandi di pace e di condanne della guerra di Washington contro la Siria. Questi leader hanno rischiato le loro vite e le vite dei loro cari prendendo queste posizioni. Sheikh Ramadan, che era anche un curdo, è stato assassinato mentre stava insegnando in una moschea per il suo appoggio al governo siriano il 21 marzo 2013. Il Patriarca Ignazio IV aveva il fratello rapito in Aleppo, mentre gran mufti Hassoun ha avuto il suo figlio di ventidue anni, assassinato mentre era nell’università in Idlib. Nonostante le minacce, tutte queste figure hanno parlato contro l’insurrezione come una minaccia cancerosa alla convivenza nella società siriana e l’intera regione. Il Patriarca melchita Gregorio III Laham ha detto ad alta voce che il suo paese è stato attaccato da banditi e terroristi sotto la finzione di una rivoluzione che cercano di distruggere i cristiani e tutta la Siria. [3]

Le comunità cristiane della Siria, che costituiscono almeno il 10% della popolazione siriana, sono state sistematicamente prese di mira; le loro chiese sono state distrutte e profanate; i loro sacerdoti, monaci e monache uccisi; e generalmente discriminate dalle forze anti-governative che gli Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Israele, Arabia Saudita, Qatar, Turchia, e i loro alleati sostengono. Gli obiettivi della creazione di questo esodo si riflettono nei canti anti-governativi: «alawiti a terra e cristiani in Libano!» Che questo canto significa che la Siria non è più un luogo in cui sia alawiti che i cristiani possono vivere.

Ratto dei cristiani in Siria e Iraq

La Fides News Agency, l’agenzia di stampa ufficiale del Vaticano e della Chiesa cattolica romana, ha riferito che i cosiddetti leader religiosi dei combattenti anti-governativi hanno dichiarato lecito per i combattenti anti-governativi per lo stupro «qualsiasi donna siriana non-sunnita »che essi desiderino; le dichiarazioni di questi pastori corrotti sono state utilizzate per giustificare la violenza, umiliazioni, torture e omicidi di donne e ragazze nelle città e nei territori catturati da gruppi come il cosiddetto Esercito Siriano Libero, Jabhat Al-Nusra, e il cosiddetto Stato Islamico dell’Iraq e del Levante / Al-Dawlah Al-Islamiya Al-Iraq wa Al-Sham (ISIL / Daish). [4] tutte organizzazioni appoggiate ed armati dagli Stati Uniti.

Cristiani baimbi perseguitati

Ecco il resoconto dato alla News Agency Fides da due sacerdoti su ciò che è stato fatto per un quindici giorni ad una ragazza cristiana siriana nella città vecchia di Homs, dopo che i combattenti anti-governativi hanno preso il controllo di esso:
Il comandante del battaglione «Jabhat al-Nusra» in Qusair ha preso Mariam,l’ha sposata e l’ha violentata. Poi la ripudiata. Il giorno successivo la giovane donna è stata costretta a sposare un altro militante islamico. Anche lui l’ha violentata e poi la ripudiata. La stessa tendenza è stata ripetuta per 15 giorni, e Mariam è stata violentata da 15 uomini diversi. Questo psicologicamente ha destabilizzato la sua mente e la ha fatto impazzire. Mariam, è divenuta mentalmente instabile ed alla fine è stata uccisa. Queste atrocità non vengono dette detto da acuna «Commissione internazionale» dicono a Fides due sacerdoti greco-cattolici, p. Issam e p. Elias che sono appena tornati in città. [5]

Questi stessi gruppi di insorti multinazionali appoggiati dall’Occidente hanno cominciato a fare questo trattamento anche per i cristiani iracheni . «Il 12 giugno, [2014] solo due giorni dopo la cattura Mosul e altri territori in Iraq, lo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria ha emesso un decreto che dispone la gente a inviare le loro donne non sposate a ‘jihad per sesso’» e ha fatto un decreto ordinando che le donne non sposate sessualmente essere offerti ai loro combattenti per la fornicazione. [6] Il racconto che segue, che è stata confermata dall’Alta Commissione irachena per i diritti umani e segnalato dalla Assyrian Internazionale News Agency, si occupa di Mosul dopo la sua acquisizione da parte delle forze insurrezionali che entrano in Iraq dalla Siria, il 25 giugno 2014:
Un padre cristiano che guardava la moglie e la figlia mentre erano brutalmente violentate dai membri del gruppo militante, Stato islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS) perché non poteva pagare loro una tassa elettorale a Mosul, in Iraq, si è ucciso sotto il peso della un trauma lo scorso fine settimana. [7]
Le molestie e gli stupri di donne cristiane e le ragazze prese come oggetti sessuali non e un sistema che sia stato limitato a soli cristiani. Donne siriane e ragazze, a prescindere dalla loro fede, che sono stati catturate dalle forze anti-governative, sono stati violentate e molestate. Musulmani, cristiani e drusi sono tutti ugualmente a rischio. Questi atti perversi sono stati incoraggiati dai chierici corrotti che rilasciano pareri legali e decreti (fatwa) che supportano lo stupro e la violenza contro le donne.

Questi pareri legali intrecciati e decreti in corso di emissione per le donne straniere chiamate a diventare concubine per i combattenti anti-governativi in Siria, in quella che viene vergognosamente chiamata un « guerra santa sessuale » (jihad al-nikàh). Il governo tunisino è stato anche chiesto di reagire a metà del 2013 per tali inviti a presentare offerta sessuale, perché stavano sfruttando giovani ragazze tunisine. [8] ministro tunisino degli Affari religiosi Noureddine Al-Khadimi condannato i chierici e gli individui corrotti e ignoranti che si celano dietro le chiamate, insistendo sul fatto che non avevano nulla a che fare con gli insegnamenti islamici:

Le dichiarazioni del ministro è arrivata dopo la diffusione di un anonimo «jihad sessuale» fatwa su Internet chiamando a giovani donne per sostenere i combattenti dell’opposizione in Siria, fornendo servizi sessuali. Secondo i resoconti dei media e mujaheddin che sono tornati in Tunisia dopo aver partecipato a jihad in Siria, 13 ragazze tunisine si sono dirette verso il campo di battaglia in risposta alla «jihad sessuale» fatwa. [9]
«Dopo le relazioni sessuali che hanno [in Siria] in nome della ‘jihad al-nikàh’ – (guerra santa sessuale , in arabo) – [queste ragazze] tornano a casa incinte», ministro dell’Interno tunisino, Lotfi bin Jeddou, ha testimoniato ai legislatori tunisini mesi dopo la condanna di Al-Khadimi, spiegando che le ragazze sbagliate potrebbero avere oltre un centinaio di soci. [10]

Presi di mira vescovi, sacerdoti, monaci e monache: assediate le comunità cristiane

Dall’inizio dei combattimenti, figure spirituali cristiane sono state prese di mira in un modo o nell’altro. Ci sono i casi di greco ortodosso Sayedna Paul (Boulos) Yazigi ed il siro-ortodossa metropolita Mar Gregorios John Abraham (Yohanna Ibrahim), che sono stati rapiti vicino al confine turco, il 22 aprile 2013. Il loro autista, un prete cristiano era stato ucciso immediatamente per aver voluto proteggere i due metropoliti cristiani, rifiutando di far loro lasciare la propria auto. Una quarta persona in macchina, Fouad Eliya, è riuscito a rimanere libero (e spiegare cosa è successo). [11]

Il governo turco è direttamente coinvolto nel rapimento dei due vescovi ortodossi cristiani. La newswire turca Dogan News Agency (Dogan Haber Ajansi) ha riferito il 23 lug 2013 che gli omicidi o, usando le parole della relazione, «gli assassini» dei due vescovi siriani sono stati arrestati a Konya. [12] Con l’arresto è appurato che gli assassini hanno ammesso di essere dei combattenti anti-russi del Caucaso del Nord, che corrispondeva al racconto di Foud Eliya , così che Boulos Yazigi e Yohanna Ibrahim sono stati presi come militanti del Nord Caucaso, vestiti come combattenti talebani dall’Afghanistan. [13]

Gran Mufti Hassoun ha rivelato che i combattenti ceceni turco-addestrati, sono stati spediti da Ankara a rapire Sayedna Boulos Yazigi e Mar Gregorios, per causa di due importanti ragioni. Secondo Sheikh Hassoun, il primo motivo è che Metropolita Gregorios è stato chiesto dal siro-ortodosso Ignazio Zakka I Iwas di essere a capo di un comitato di chiesa per iniziare il processo di bonifica dei vasti possedimenti della Chiesa siro-ortodossa che il governo turco aveva confiscato durante la persecuzione dei siriaci ortodossi. [14]

In un incontro tra il Primo Ministro Erdogan e Mar Gregorios, il governo turco ha chiesto che la Chiesa ortodossa siriaca di Antiochia debba stabilire una eparchia (una provincia ecclesiastica o divisione amministrativa della chiesa con una metropolitana) in Turchia e trasferirvi anche il suo patriarcato da Damasco a Hatay (Antiochia), ma Gregorios Yohanna Ibrahim ha rifiutato e ha detto che il patriarcato della Chiesa siro-ortodossa non cambierà mai posizioni, che siriaci cristiani ortodossi hanno riconosciuto il Levante come una terra unificata, e che un vescovo sarebbe stato assegnato alla Turchia quando il siro-ortodosso, proprietà della Chiesa siano restituiti dal governo turco, cosa che ha fatto arrabbiare i funzionari turchi. [15] L’altro motivo per cui il chierico cristiano ortodosso era stato preso di mira era che lui che aveva riconciliato i combattenti anti-governativi pacificamente con il governo siriano del governatore di Aleppo, cosa che ha sconvolto la Turchia ei suoi alleati. [16]

Altri casi sono quelli di: Padre (Abouna) Fadi Haddad Jamal, un prete greco-ortodosso di Antiochia in qualità di mediatore nel Qatana durante i combattimenti, che è stato torturato e colpito alla testa dopo aver cercato di mediare il rilascio di un medico che era stato riscattato per denaro; Padre (Abouna) Francois Al-Mourad, un prete cattolico dell’Ordine Francescano, che è stato girato per prevenire altri cristiani e siriani di essere feriti dai combattenti anti-governativi; e Padre Frans van der Lugt, un sacerdote olandese dell’Ordine dei Gesuiti che lavorano in Homs. Quando Abouna Fadi è andato a pagare gli insorti per avere il rilascio del medico che avevano rapito, lo hanno rapito; lo avrebbero in seguito fatto uccidere e lasciato sul lato della strada, «orribilmente torturato e [con] gli occhi strappati», dove il suo corpo sarebbe stato trovato il 25 settembre 2012. [17]

Secondo i rappresentanti dell’Ordine dei francescani in Siria, gli insorti avrebbero fatto «irruzione nel convento, saccheggiato e distrutto tutto. Quando p. Franҫois ha cercato di difendere le suore e le altre persone, gli uomini armati gli hanno sparato ed è morto »il 23 giugno 2013. [18]

Gli insorti hanno ucciso Padre Frans van der Lugt il 7 aprile, 2014. Questo un resoconto delle circostanze dietro il suo assassinio:

Wael Salibi, 26, ha ricordato come quando la zona cristiana di Homs è stata rilevata dai ribelli, 66.000 dei fedeli «hanno lasciato la loro casa, e solo pochi di loro vi rimase. Era l’unico sacerdote, rimase nella sua chiesa. »

«Pochi mesi prima di morire, disse: ‘Io non posso lasciare il mio popolo, non posso lasciare la mia chiesa, io sono direttore di questa chiesa, come posso lasciare?’» Salibi detto CNA il 11 aprile.

Salibi, che proviene dalla città ormai rapito di Homs, cresciuto come un caro amico e allievo di p. Frans, che è stato brutalmente ucciso il 7 aprile. Giorni prima del suo 76 ° compleanno, un uomo armato sconosciuto entrò nella sua chiesa, lo hanno picchiato e gli hanno sparato alla testa. [19]

In Hasakah (Hasce) molti dei cristiani siriani sono fuggiti, ma quasi 30.000 hanno soggiornato come rifugiati interni. I siriani cristiani che appartenevano alla Chiesa cattolica caldea, Chiesa ortodossa siriana, Chiesa cattolica siriana, Chiesa ortodossa apostolica armena e la Chiesa cattolica armena hanno collettivamente chiesto aiuto al mondo e di porre fine ai combattimenti, in un appello che è rimasto inascoltato , alla fine del 2012; hanno sofferto la persecuzione, illegalità, rapimenti, riscatti e omicidio. Un cristiano della Fides News Agency afferma che Al-Nusra si indirizzava a rastrellare «tutti i giovani dalla zona ,che sono nati tra il 1990 e il 1992. Cercano loro, li accusano di essere soldati per il servizio nazionale e li uccidono a sangue freddo. Vogliono terrorizzare i giovani per impedire loro di arruolarsi. »[20]

Un altro esempio di attacco alla comunità cristiana è l’assalto di Al-Nusra sulla città di Maaloula. Maaloula è uno dei pochi villaggi che ha mantenuto un antico dialetto aramaico, conosciuto come il linguaggio di Gesù di Nazareth. Molte strutture cristiana e siti storici riempiono la città siriana ma si distinguono il Monastero greco cattolico melchita di San Sergio (Mar Sarkis) e quello greco-ortodosso di Antiochio di San Tecla (Monastero) . La città divenne teatro di scontri tra Al-Nusra e l’Esercito arabo siriano ed è passato di mano tra i ribelli e il governo siriano quattro volte tra la fine del 2013 e la metà del 2014.

Molti dei residenti di Maaloula, cristiani e musulmani allo stesso modo, sono rimasti intrappolati nelle loro case e negli edifici locali, tra cui una quarantina di suore greco-ortodossa cristiane e gli orfani che stavano cercando di fuggire dopo che era scatenato il panico nelle popolazioni cristiane di Siria e Libano. Da qui il forte sostegno da parte del governo di Bashar Al-Assad per tutte le minoranze della Siria e l’espressione di questo tipo di sentimenti era quasi universale tra i siriani cristiani: «’Stanno venendo verso di noi’, [ha detto] Odette Abu Zakham, un 65 – year-old donna nella congregazione che abita nel vicino quartiere storico cristiano di Bab Touma. ‘Non fanno altro che massacrare la gente, stanno uccidendo tutti quelli che incontrano. ‘ »[21] Non solo le suore sono state tenute in ostaggio da Al-Nusra, ma i combattenti anti-governativi hanno profanato del tutto tutti i santuari di Maaloula ed edifici cristiani, hanno razziato i manufatti storici da vendere al mercato nero e sparso la popolazione parzialmente di lingua aramaica della città. Testimoni oculari scampati di Maaloula danno il racconto qui di seguito:

[] Gli insorti hanno cercato di modificare l’aspetto religioso e architettonico-storico dell’antica città cristiana del tutto: distruggendo completamente alcune chiese, i militanti hanno portato giù tutte le campane di altre chiese. Il destino di altri due monumenti di fama mondiale di Ma’loula non fu meno tragico: estremisti fatto saltare in aria la statua del Cristo Salvatore, che era rimasto all’ingresso del Convento di S. Tecla, così come la statua della Santissima Vergine Mary, che era rimasto vicino all’hotel Safir, l’ultima delle quali è servita come rifugio principale per i miliziani takfiri per molti mesi. [22]

Pasqua, nel 2014 è stato un momento speciale per Maaloula. Intorno a Pasqua, il governo siriano ha riconquistato la città. Maaloula è stata finalmente rassicurata ed i residenti tornavano. «La visualizzazione di odio era chiaro – le case sono completamente distrutte, l’intero villaggio è stato distrutto. Non posso descrivere la quantità di danni al villaggio », un residente di ritorno con il nome di Lorain ha dichiarato alla stampa su ciò che gli insorti hanno fatto. [23]
Il presidente Al-Assad ha visitato direttamente la città. Al-Assad si è venuto a visitare come un segno dell’impegno del governo siriano nel proteggere tutta la sua popolazione, indipendentemente dalla loro fede o etnia. Sia il rito occidentale e celebrazioni cristiane di rito orientale della Pasqua, rispettivamente, con il gregoriano e calendari Julian, è caduto nella stessa data troppo: 20 aprile 2014.

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

 

*

code

  1. Alessandro 2 anni fa

    È il regno dell’Anticristo che lentamente, ma inesorabilmente, sta formandosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Werner 2 anni fa

    Questi bastardi fondamentalisti islamici, luridi stupratori di cristiane (che andrebbero puniti con una pesante mutilazione genitale), sono finanziati dai sionisti, e cioè da USA e Israele, che rappresentano l’Anticristo, i quali avendo come riferimento il Talmud, operano per la distruzione e la definitiva scomparsa del Cristianesimo nel mondo.

    In Medio Oriente lo fanno per mezzo della violenza fisica, in Europa invece stanno contribuendo alla scristianizzazione del continente per mezzo dell’intensa propaganda laicista operata dai mass media tutti in mano ai giudei, altro risultato della colonizzazione statunitense in Europa, che dura dal 1945.

    Rispondi Mi piace Non mi piace