"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Cambio di strategia USA: Invadere la Siria e “mettere in guardia” la Russia

Martedì 23 agosto-  Il governo degli Stati Uniti – che esige il rovesciamento del governo internazionalmente riconosciuto e legale della Siria – ha annunciato ufficialmente che le forze militari americane in Siria continueranno a occupare territorio siriano, non importa quello che dica il governo siriano, e abbattere eventuali aerei siriani che sorvolino al di  sopra delle forze Usa colà posizionate .

Come riportato il Lunedi da Al-Masdar Notizie :

Il Pentagono ha annunciato che gli Stati Uniti sono pronti ad abbattere  gli aerei siriani e russi  che i consiglieri americani ritengono  costituiscano una minaccia per le loro truppe  che  illegalmente, contro il  diritto internazionale,  operano nel nord della Siria.

Venerdì scorso, il portavoce del Pentagono capitano Jeff Davis ha affermato che i jet americani hanno tentato di intercettare gli aerei siriani allo scopo  di proteggere i consiglieri militari americani che operano illegalmente con le forze curde in Siria, dopo che questi jet del governo siriano avevano bombardato nelle aree di Hasakah ,quando le formazioni  curde avevano iniziato un’aggressione contro la  Forza Nazionale di Difesa siriana.

Lunedi ‘, un altro portavoce del Pentagono, Peter Cook, ha detto,

“Vorremmo continuare a consigliare il regime siriano di evitare di  sorvolare quelle aree.”

“Stiamo andando a difendere le nostre truppe  sul  territorio, e faremo quello che dobbiamo per difenderli”, Cook ha detto ai giornalisti.

Forze speciali USA in Siria
Forze speciali USA in Siria

Ciò significa che il governo degli Stati Uniti non permetterà al governo siriano di espellere o comunque eliminare le forze degli Stati Uniti in Siria. Il governo siriano non ha invitato le forze Usa in Siria, ma gli Stati Uniti ora, dopo essere entrati illegalmente, osano ordinare. ufficialmente al governo siriano di limitare la sua sovranità sulle zone in cui si trovano le truppe americane.

Al-Masdar ha proseguito:

Queste affermazioni sono state  ulteriormente spinte sulla Russia, quando Cook ha chiarito che gli Stati Uniti porebbero fare la stessa azione di attacco contro i jet  russi che operano legalmente, con l’approvazione e il coordinamento del governo siriano, sula zona.

“Se minacciano le forze degli Stati Uniti, abbiamo sempre il diritto di difendere le nostre forze”, ha detto Cook.

Ciò significa che gli Stati Uniti non solo sono in guerra contro il governo legittimo della Siria, ma che il governo degli Stati Uniti sarà anche in guerra contro la Russia, se le forze russe (che il governo siriano ha invitato nella Siria) difenderanno le forze siriane dagli attacchi in Siria da parte forze Usa – forze che sono illegalmente nel paese.

Queste forze Usa  si trovano sul territorio nel nord  del paese e  sono stimate in  numero unico di 300 unità, dei quali 250 sono stati inviati in Siria il 24 aprile per servire come consulenti di altre forze militari illegali in Siria (oltre ai contractors).

La stragrande maggioranza delle forze militari illegali in Siria sono jihadisti (mercenari) che erano stati ingaggiati dal governo saudita e dal  governo del Qatar, e forniti con le armi degli Stati Uniti, per rovesciare il governo siriano. La maggior parte delle altre forze illegali in Siria sono forze curde, sostenuti dal governo degli Stati Uniti per  rompere l’integrità della Siria in parte, in modo da creare uno stato curdo indipendente nella punta nord-orientale a maggioranza curda della Siria.

Il primario obiettivo degli Stati Uniti in Siria è quello di rovesciare il governo siriano, che è guidato dal partito Baath, partito laico della Siria. Molti stati arabi  della regione (Arabia Saudita e Qatar) insistono nel voler creare un califfato basato sulla  Sharia, o legge islamica, ma gli arabi della Siria sono un’eccezione; il partito Baath è ed è sempre stato sostenuto dalla maggioranza del popolo siriano, anche la maggior parte degli arabi della Siria. La maggior parte dei siriani sono fortemente contrari alla legge della Sharia. La Siria è la nazione più laica del Medio Oriente.

Ad esempio, quando  i sondaggi sponsorizzati  dall’Occidente sono stati presi in Siria, dopo l’inizio nel 2011, quando iniziò l’importazione di jihadisti in Siria, i sondaggi avevano  mostrato che il 55% dei siriani erano favorevoli a Bashar al-Assad (l’attuale leader del partito Baath) perchè  rimanesse in qualità di Presidente della Siria , e “82% è d’accordo che l’IS [Stato islamico] è fagocitato dagli Stati Uniti e da  gruppo di  paesi  stranieri ,di fatto estranei alla Siria’”. Inoltre, solo “il 22% è d’accordo che  ‘ISIS  avrebbe  un’influenza positiva’”, e i sondaggi hanno dimostrato che questo  22% è stato il più basso livello di sostegno, cosa  che dimostra che i siriani, per una qualsiasi delle dichiarazioni presentate, ad eccezione di questo  ” 21% che  sono d’accordo con dire: ‘Preferisco la vita ora che sotto Assad'” – il che significa che i siriani credono che le cose stavano meglio. prima che i jihadisti sponsorizzati  dagli USA fossero entrati in Siria per rovesciare Assad.

Chiaramente, quando si vede che “l’82% dei  siriani  è d’accordo  che l’ ‘ISIS [Stato islamico] è  opera gli Stati Uniti e che il gruppo è  una creazione straniera’,” si capisce che pochissime persone in Siria sostengono i 300 delle  forze americane posizionati laggiù. Non solo gli Stati Uniti  sono un paese invasore, ma (e soprattutto le forze che gli Stati Uniti sostengono  in Siria – più in particolare gli jihadisti, che sono la stragrande maggioranza di queste forze) hanno  reso la vita molto peggiore (e molto più breve) per quasi tutti i siriani.

Inoltre, lo stesso sondaggio ha rilevato: “il 70% è d’accordo ad  ‘opporsi ad una divisione del Paese’.” Di conseguenza, i separatisti curdi sono altresì opposti dall’opinione della  stragrande maggioranza dei siriani.

Il governo siriano, da ora in poi, si trova quindi nella scomoda posizione di dover fronteggiare  invasori  stranieri sul suo territorio, e di essere avvertito che uno di questi – gli Stati Uniti – saranno  pienamente in guerra contro la Siria se la Siria cerchera’ di espellerli.

Anche la Russia è ora sotto avvertimento da parte degli Stati Uniti, in modo che, se la Russia, alleato della Siria, prenderà  una decisione di espellere o uccidere uno  qualsiasi degli invasori statunitensi in Siria, potranno  gli Stati Uniti essere in guerra  anche contro la Russia.

Il governo degli Stati Uniti sta ora anche sfidando il governo russo. Forse la strategia degli Stati Uniti è quella di costringere il presidente russo, Vladimir Putin, o fare marcia indietro, e abbandonare il suo alleato siriano, oppure una sfida per lanciare un attacco nucleare contro gli Stati Uniti. In realtà’ , se. Putin facesse marcia indietro, questa sarebbe una mossa che farebbe diminuire  notevolmente il suo sostegno dal popolo russo, che è superiore a 80% in tutti i sondaggi, compresi quelli  sponsorizzati  dagli occidentali   . Forse questa è la vera stategia  del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, di. guidare Vladimir Putin  verso una  ritirata – cosa che potrebbe verificarsi se il  premier russo Dovesse spingere Bashar  al-Assad. A ritirarsi dal suo incarico.

Come ha riferito Seymour Hersh, il 7 gennaio 2016 ,

“La Defense Intelligence Agency (DIA) e del Joint Chiefs of Staff, poi [nell’estate del 2013] guidata dal generale Martin Dempsey, prevedeva  che la caduta del regime di Assad avrebbe portato  al caos e, potenzialmente, al cambio di gestione della Siria , in mano agli  jihadisti estremisti, analogamente a quanto  è poi accaduto  in Libia, ”

Fu così che Dempsey dovette uscire, lasciare il suo incarico assieme al il tenente generale Michael Flynn, direttore della DIA ,tra il 2012 e il 2014, il quale venne   licenziato  per tale questione.

“Su Segnalazione della DIA, egli [Flynn] ha detto, ‘ha ottenuto un enorme pushback’ da parte dell’amministrazione Obama. ‘Ho sentito che non vogliono sentire la verità’ “.

Flynn è ora un consulente affari esteri per il candidato presidenziale repubblicano, Donald Trump, che viene criticato dal candidato democratico alla presidenza, per essere morbido sulla Russia e non sufficientemente dedicato a raggiungere l’obiettivo degli Stati Uniti di rovesciare Assad.

Eric Zuesse

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Manuel de Silva

 

*

code

  1. Anonimo 7 mesi fa

    I sondaggi presentati sono pazzeschi …
    Sarebbe interessane capire chi li ha fatti, con che campionatura e con quale fine. Si tratta di telefonate, fatte a campione sotto i bombardamenti e gli attacchi con autobombe jihadisti?

    Come può affermare il 21% dei siriani che preferisce la vita ora – paese semidistrutto, mezzo milione di morti, oltre un milione di feriti e mutilati, undici milioni scappati dalle loro case – che sotto Assad?
    Sono certo che almeno il 95 % dei siriani avrebbe preferito continuare a vivere sotto Assad, senza dover subire la guerra di sterminio portata nel paese dai mercenari jihadisti. Il cinque per cento che rimane può essere una minoranza di fanatici sunniti, spostati e assassini.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Brasile domenico 7 mesi fa

    Gli Usa stanno bleffando. Sono alla frutta e cercano un compromesso per salvare la faccia di merda e tante migliaia di terroristi. Tutti i morti che hanno provocato dovranno rimpiangerli per molti anni. Minacciano, comandano, pretendono come fosse casa loro. A questo punto la Russia dovrebbe raderli al suolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Anonimo 7 mesi fa

    Provocano, invadono, minacciano lo scontro e allora che scontro sia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. stefano 7 mesi fa

    Minacciano, poi armano i ribelli/terroristi, poi invadono in barba alle leggi internazionali e
    ai diritti dei popoli e delle nazionie.
    Se reaagisci se difendi il tuo territorio minacciano lo scontro
    Basta con questìo continuo stillicidio di sopprusi.
    Vogliono lo scontro e allora che scontro sia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. egenna 7 mesi fa

    Quello che mi da molto fastidio,è che stanno preparando una guerra in Europa,sopra la mia testa,con le famose cento basi NATO( americane)dislocate in Italia.
    E nessuno dice o fà nulla.

    Maledetti farabutti.

    Cordiali saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alessandro 7 mesi fa

      Ma nemmeno il popolo, che pensa ad altro.
      E allora che ben venga. Spiacente solo per bimbi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. mimmo 7 mesi fa

    E’ abbastanza chiaro che dietro gli USA c’è una congrega di kriminali senza confini, il male assoluto,
    che sta spingendo il pianeta verso la guerra totale.
    L’unica cosa di cui ci si deve davvero stupire è di come facciano a trovare un infinito numero di kapò, a tutti i livelli e latitudini,
    disposti ad assecondarli senza farsi un benchè minimo scrupolo morale.
    Ecco perchè, a questo punto, bisogna vedere nella Russia la controparte del Bene opposta al Male.
    Se Putin dovesse cedere, non fermerà la tragedia che incombe sull’umanità, l’Armaggedon biblico, ma le darà una connotazione
    non meno drammatica, che è la trasformazione della Terra in un Inferno, una trasformazione probabilmente irreversibile
    e per un tempo infinito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace