"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Assad alla TV portoghese: «La comunità internazionale ha fallito»

Assa intervista portugal tv

Il presidente Bashar al-Assad ha dichiarato che l’ordine internazionale rappresentato dalle Nazioni Unite e dal Consiglio di sicurezza che dovrebbe risolvere i problemi, proteggere la sovranità dei paesi e proibire le guerre, ha fallito nella sua missione.

In una sua intervista alla televisione ufficiale portoghese “RTP” al-Assad ha affermato che l’opposizione moderata è una sorta di illusione e la scena del terrorismo in Siria è dominato dalla Daech-Isis, Fronte al Nosra e altre fazioni.

Alla domanda su come descrive ora la Siria dopo quattro anni di proteste nel Paese, il presidente al-Assad ha risposto che la crisi ha colpito tutta la Siria e i siriani, indipendentemente dall’appartenenza politica, alludendo in tal senso alla distruzione di centinaia di ospedali e migliaia di scuole e l’incapacità di decine di migliaia di studenti di andare a scuola, «questo è l’ ambiente favorevole alla diffusione del terrorismo e dell’estremismo», ha spiegato.

Ed ha aggiunto: «Nonostante tutte le difficoltà, i siriani sono determinati a continuare la lotta contro il terrorismo per difendere il loro paese e sfidare l’egemonia».

Inoltre, il presidente al-Assad ha ribadito che è impossibile dire che la Siria è finita, dal momento che cil popolo è unito con il suo esercito nella la lotta contro il terrorismo, sottolineando il continuo sussidio del governo, la concessione dei salari ai cittadini, anche nelle zone controllate dai terroristi, e l’invio dei vaccini necessari per i bambini nelle aree di cui sopra.

Alla domanda circa la collaborazione del governo siriano con Daech, al-Assad ha replicato che il governo si occupa dei civili e fornisce loro tutti i requisiti nelle suddette zone.

Per quanto riguarda le violazioni non legali dello spazio aereo da parte degli aerei della Coalizione, il presidente al-Assad ha preso atto che la violazione costituisce un fallimento per l’ordine internazionale che dovrebbe risolvere i problemi, proteggere la sovranità dei paesi e proibire guerre, ma ciò che conta è il fallimento delle Nazioni Unite per proteggere i cittadini, a livello internazionale, tra cui la Siria, Libia, Yemen e altri paesi.

Rispondendo a una domanda sul fallimento dell’esercito siriano, dal momento che molti cristiani sono stati recentemente sequestrati nel nord della Siria, al-Assad ha spiegato: «In effetti, il ruolo dell’esercito siriano è quello di proteggere tutti i cittadini, senza riguardo per l’appartenenza, religione, fede o etnia. L’esercito ha aiutato ogni siriano dall’inizio della crisi fino ad ora, ma il suo ostacolo principale è il un sostegno illimitato ai terroristi da parte dei paesi occidentali e regionali».

Alla domanda su come la Siria potrà uscire fuori dalla crisi, visto che lee Conferenze di Ginevra, Ginevra II e l’iniziativa russa non sono riuscite nell’intento, al-Assad ha precisato che « il regolamento della crisi in Siria è politico e l’altra parte con la quale abbiamo condotto i colloqui a Ginevra dal primo minuto è sostenuta dall’Occidente, dalla Turchia, dall’Arabia Saudita e dal Qatar. Questa parte non è un’opposizione. Se si vuole condurre un dialogo si farà con una opposizione siriana … con un partner siriano … con il popolo siriano, con coloro che rappresentano i siriani all’interno della Siria, non con le persone che rappresentano altri paesi. Questo è il motivo per cui ciò che è accaduto a Ginevra non era un esempio da adottare».

Circa l’esclusione della Coalizione Nazionale, il presidente al-Assad ha osservato: «Non escludo nessuno quando è siriano. Se la coalizione si è formata in Occidente o in qualsiasi altro paese, che rappresenta a malapena il popolo siriano che non li accetta».

Ed ha proseguito: «In effetti, abbiamo provato tutte le soluzioni. Abbiamo parlato con la Coalizione, anche se sappiamo che non rappresenta i siriani. La Coalizione non ha alcuna influenza sul terreno in Siria e lo fa influenzare né sugli uomini né su i terroristi».

Allo stesso modo, il presidente al-Assad allude alla differenza tra ciò che è accaduto a Mosca e Ginevra, dicendo: «Abbiamo punti in comune con parti dell’opposizione che sono state invitate a Mosca, che rappresentano l’inizio di un dialogo che sarebbe durato a lungo».

Alla domanda del perché alcuni paesi, come la Francia, non vogliono che ci sia il successo di qualsiasi conferenza di pace, il presidente al-Assad ha sottolineato: «Diciamo che ci sono due motivi, uno non dipende soltanto dai francesi, ma dai funzionari coinvolti in azioni ostili alla Siria nel corso degli ultimi quattro anni. La fine della guerra espone i responsabili alla opinione pubblica dei loro paesi. Questo è il caso dei paesi che la hanno, non in Arabia Saudita e Qatar, che non hanno l’opinione pubblica. Questi funzionari saranno smascherati dal momento che hanno parlato di una rivoluzione ma non ci sono riusciti, anche se sostenuta dall’Occidente e dai paesi regionali, mentre la seconda ragione è legata alla Francia e alle sue relazioni finanziarie con i paesi di Golfo. Gli interessi finanziari hanno spinto i funzionari francesi a sostituire i loro valori di libertà, fratellanza e la democrazia con i petrodollari».

Per quanto riguarda la visita dei parlamentari francesi se è stato organizzato o se sia stata una sorpresa per lui, il presidente al-Assad ha assicurato che non era un fatto sorprendente, e che la delegazione non è stata la prima a visitare la Siria, sottolineando che varie delegazioni di Francia e di altri paesi che hanno visitato la Siria.

Il presidente al-Assad ha aggiunto che la visita della delegazione è stata ufficiale, organizzata e che disponeva di un ordine del giorno quando è arrivata in Siria.

«Abbiamo l’impressione che la maggior parte dei responsabili governativi e funzionari francesi conoscevano già da prima i motivi della visita».

Il presidente al-Assad ha raccontato che la delegazione non aveva inviato alcun messaggio ed era venuto in Siria, al fine di vedere la realtà sul terreno.

Alla domanda se la Siria può aiutare i paesi europei nella lotta contro le minacce terroristiche che la colpiscono, ha sostenuto che i funzionari europei dovrebbero avere una volontà, che attualmente manca per la lotta contro il terrorismo senza adottare politiche testarde e arroganti.

«La Siria può certamente dare un auto nella lotta contro il terrorismo, ma dobbiamo prima mettere le basi per la garanzia di successo».

Inoltre, il presidente al-Assad ha affrontato la grande campagna di propaganda che è in corso da quattro anni contro la Siria, che indica che le proteste non sono state pacifiche all’inizio.

Citando l’impossibilità della comparsa improvvisa del Daech e Al Nusra, il presidente al-Assad ha accusato l’Arabia Saudita il Qatar, caratterizzate dall’ideologia wahhabita, nonché gravemente Erdogan che difende l’ideologia dei fratelli musulmani, la responsabilità di sostenere i terroristi.

Il presidente al-Assad ha detto, citando i media occidentali, l’80% dei terroristi in Siria provengono attraverso la Turchia.

«Allo stesso modo, per la liberazione della città di Ain Arab-Kobani ci sono voluti quattro mesi, nonostante i raid della coalizione, mentre città dalle stesse dimensioni e conformazione territoriale sono state liberata in due o tre settimane dall’esercito siriano. Dunque la liberazione di Ain Arab ha avuto questi tempi a causa del supporto logistico ai terroristi attraverso i confini con la Turchia», ha precisato.

Alla domanda circa l’appoggio dell’esercito siriano ai curdi, al-Assad ha confermato il sostegno dei curdi prima della domanda della questione di Ain Arab, dicendo che «noi abbiamo documenti sulle armi che abbiamo inviato, oltre ai raid aerei e ai bombardamenti».

Inoltre, il presidente al-Assad ha affermato che gli USA, annunciando la formazione di 5.000 combattenti, dimostrano l’indisponibilità di una volontà di lotta contro il terrorismo tra i funzionari occidentali.

Sulla questione sui che cosa si aspetta sui paesi di lingua portoghese, il presidente al-Assad ha concluso: «Non mi aspetto nulla, ma spero che i responsabili facciano conoscere parte della verità al loro popolo, una verità imparziale che possa, quindi, essere analizzata. Spero anche che il Portogallo, come parte dell’Unione europea, come ha fatto la Repubblica Ceca che tenuto aperta la sua ambasciata in Siria. L’Europa non deve isolarsi dalla realtà e mi auguro che il Portogallo abbia un ruolo all’interno dell’Unione europea per modificare questa linea».

Fonte: Sana.sy

Tratto da Alba Informazione

*

code