"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Armi di provenienza israeliana trovate dalle forze siriane in un deposito dei terroristi

Ancora una volta le forze siriane hanno trovato una grande quantità di armi di fabbricazione israeliana in un deposito segreto dei terroristi takfiri nella zona occidentale della città di Homs.

Secopndo le fonti locali, le operazioni condotte dalle forze dell’Esercito siriano nella zona di al-Waer hanno portato alla scoperta di un grande deposito segreto di armi dei terroristi.

Si tratta di decine di missili anticarro e di tonnellate di munizioni e di esplosivi, fra le altre tipologie di armi abbandonate dai terroristi in fuga dalla zona davanti alla grande avanzata delle forze siriane, come segnalano le fonti.

Il materiale sequestrato presenta la marca e le iscrizioni in lingua israeliana e rappresenta una ulteriore conferma dell’appoggio logistico e armamentario fornito da Israele ai gruppi terroristi, appoggio più volte documentato.

Lanciamissili israeliani

La cosa non sorprende, visto che altre volte sono stati trovati depositi di armi di fabbricazione israeliana e sono stati anche individuati ufficiali israeliani, infiltrati all’interno dei gruppi terroristi, con funzioni di collegamento e con il compito di segnalare all’aviazione israeliana le coordinate degli obiettivi da colpire in territorio siriano.

Nel frattempo l’aviazione di Israele per il terzo giorno ha colpito le postazioni dell’Esercito siriano  nella zona di Quneitra, nel sud della Siria,   per agevolare lo spostamento di alcuni gruppi di terroristi che si trovavano in fase di ritirata.

L’appoggio dell’aviazione di Israele ai gruppi terroristi è ormai continuato e scoperto e persino rivendicato da esponenti del Governo Netanyahu  che non nascondono la preoccupazione per la sconfitta dei gruppi jihadisti che miravano a rovesciare il Governo di Damasco. Le autorità israeliane avevano dichiarato più volte di non ritenere che l’ISIS o AL -Qaeda fosse da considerare una minaccia per Israele mentre appoggiavano la possibilità di un cambio di regime a Damasco ed uno smembramento del paese arabo.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione:  Alejandro Sanchez

 

*

code

  1. Mondoliberodausraele 4 mesi fa

    Questo stato canaglia sarà spazzato via dalla faccia della terra e scomparirà definitivamente dalle cartine geografiche e il mondo di
    certo diverrà un posto migliore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 4 mesi fa

    Ma come? Non doveva muoversi più nemmeno uno spillo nello spazio aereo siriano? E invece…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nicola 4 mesi fa

      @Giorgio,
      Ti riporto un commento postato su Sputnik[*] che risponde alla tua domanda: <>
      [*] Commento dell’utente “AGRICOLA” nella sezione “Commenta via Sputnik” nel seguente articolo:
      https://it.sputniknews.com/mondo/201706244675804-aviazione-israeliana-colpisce-truppe-siriane-golan-esplosioen-ordigni/

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Nicola 4 mesi fa

        Questo era il commento: « purtroppo, come ho più volte fatto notare, automaticamente bruciano entrambi i sistemi, se li usano. Usraeliani registrano le emissioni elettromagnetiche ed in capo a due settimane, forse anche prima, sono in grado di produrre in serie, sotto forma di scatole nere, le contromisure elettoniche necessarie a neutralizzarli.Questo è già successo nelle passate guerre arabo-israeliane. L’intero sistema antiaereo e antimissile della Russia sarebbe messo a repentaglio. L’ errore è stato portarlo in Siria e propagandarlo in modo pazzesco, sperando fungesse da deterrente contro gli attacchi aerei. Il deterrente non ha funzionato. Bisognava portare sistemi meno sofisticati ma più spendibili, come i Buck, magari affidandoli ai Siriani, ed ora ci sarebbero molte ali infrante con la Stella di David! »

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Giorgio 4 mesi fa

        Grazie, ho letto i commenti postati da “AGRICOLA” che mi trasmette l’idea di essere navigato in materia di armi a guida elettronica.
        Mi sembra più che ingenuo vendere armi che io stesso utilizzo, sarebbe come giocare a poker a carte scoperte, non venderei nemmeno le armi obsolete se dipendesse da me. Perché offrirei la mia logica costruttiva al mio possibile nemico.
        Ci sono i droni giocattolo non identificabili e non individuabili che potrebbero arrecare molti più danni di quei costosissimi “gioielli” volanti che usano i guerreggianti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paolo 4 mesi fa

      Ormai i russi, su questo tema, hanno la credibilità del governo fantoccio italiano, quando proclama l’ipotesi che forse, quasi quasi, imporrà il blocco, ma anche no alle navi che scaricano giornalmente letame africano IGP.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. SEPP 4 mesi fa

    Poveri Siriani.
    In quali mani sono finiti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mario Rossi 4 mesi fa

    Mi sembra che le parole sono tante ma i fatti stanno evolvendo verso uno spostamento oramai inevitabile del potere mondiale ad oriente. Ci siamo crogiolati per anni pensando che ad oriente le masse avrebbero lavorato come schiavi per mantenere il nostro status occidentale e invece la resa dei conti è arrivata. Ora gli occidentali si sbattono ma mi sa che dovranno rimboccarsi le maniche e ricominciare a produrre qualcosa di reale e non solo finanza. Le cifre scritte sulla carta non incantano più nessuno!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Manente 4 mesi fa

    I pennivendoli, i gazzettieri e le presstitute come la nasuta Botteri che sta a New York per raccontare balle sulle armi chimiche di Assad, di fronte alla “pistola fumante” della armi che Israello fornisce al Daesh, si guardano bene dall’aprire quella fogna che hanno al posto della bocca !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. telesio 4 mesi fa

    nel prendere atto del crimine della menzogna,allora perche’ non fare nomi e cognomi dei giornalisti che con il loro menefreghismo usano i mezzi di informazione come una verita’ definitiva.il 97%DEI MEDIA e’ in mano dei non umani,e questo misero 3% puo’ aiutare chi vuole rimanere lucido,e allora ogni tanto indicate anche qualche lettura:g.preziosi,miguel serrano,pio filippani ronconi,gianantonio valli,mattogno,il mattino dei maghi,la religione bon,ecc.ecc.noi sappiamo che questo e’ il kali-yuga, e l’unico contrasto possibile e’ nel magnetismo,come diceva kremmerz,e quel magnetismo puo’ essere sviluppato anche attraverso i simboli,la rabbia il risentimento provocano la mancanza di lucidita’,e l’i che si alimenta il male assoluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace