"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Analista Internazionale: l’Occidente sta passando sotto silenzio la crisi umanitaria nell’Est dell’Ucraina

Save Donbass

Quella che sta attuando l’Esercito di Kiev nell’Est dell’Ucraina è una “pulizia etnica”

L’offensiva militare di Kiev nell’este dell’Ucraina è di fatto una “pulizia etnica” portata a compimento dal Governo Ucraino che sta cercando di mettere il proprio esercito al sevizio della NATO, lo sostiene l’analista internazionale Eloy Pardo
“Risulta molto chiaro che Poroshenko (presidente eletto dell’Ucraina) ha ricevuto un mandato diretto della NATO e che va a mettere l’Esercito dell’Ucraina al servizio di questa organizzazione”. Ritiene l’analista.

“Si tratta di una operazione di pulizia etnica molto evidente dove si verifica un bilancio costante di vittime civili”.

Nello stesso tempo l’analista indica che “i media occidentali stanno gestendo una campagna di disinformazione sistematica con la manipolazione delle informazioni sugli avvenimenti nell’Est dell’Ucraina. Nelle loro informative non c’è spazio per la verità ma piuttosto per l’interesse economico e dell’ampliamento geopolitico della NATO verso l’est dell’Europa nelle zone molto lontane dall’Atlantico, afferma Pardo.

In questo modo i media occidentali passano sotto silenzio quello che accade realmente nell’Est dell’Ucraina ed inventano situazioni che non hanno luogo, tutti i media danno l’impressione di seguire un copione simile a quello svolto in occasione dell’operazione in Libia dell’anno 2011”, conclude il giornalista ed analista politico.

Gente nei rifugi

Bisogna ricordare che l’ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, Geoffrey Pyatt, ha confermato per la prossima settimana l’arrivo di una delegazione di funzionari del Pentagono per trattare la questione degli aiuti militari statunitensi al governo ucraino. Uno dei visitatori sarà il viceministro della Difesa degli USA e responsabile della sicurezza internazionale, Derek Shole.

La cooperazione militare tra Washington e Kiev si sta sviluppando nell’ambito di una operazione militare che porta avanti Kiev contro i movimenti di protesta nel sud est del paese, nelle regioni di Donetsk e di Lugansk.

Fonte: RT Actualidad 

Traduzione di Luciano Lago

Nella foto in alto: bambini di Donetsk  presentano un appello per la loro salvezza

Nella Foto in basso:  famiglie  di Slaviansk nei rifugi durante  i bombardamenti dell’aviazione ucraina

*

code

  1. Werner 3 anni fa

    All’Occidente non gliene frega nulla di quei poveri bambini, per due ragioni, la prima perché sono di nazionalità russa, dunque “nemici”, e la seconda perché quei bambini non sono abbastanza “scuri di pelle”: fossero stati dei negretti, la Boldrini per prima avrebbe detto “fateli venire tutti qui e assegnateli a delle famiglie italiane”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace