"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Aisha Gheddafi, il nuovo rompicapo per la NATO in Libia

Dopo il fallimento del Governo di Accordo Nazionale della Libia, la NATO ha un’altro problema in questo paese arabo: la figlia di Moahmed Gheddafi, Aisha.
Dopo quatro anni di silenzio, nel 2016, Aisha, attraverso una lettere inviata dall’Eritrea, dove risiedeva in quel momento, ha esortato i libici ad opporre resistenza all’Occidente ed alla NATO e si è proclamata come l’erede di Muhammad Gheddafi e la “madre della Libia”.

Dopo questo appello, il canale della BBC ha divulgato nuove immagini del linciaggio di Gheddafi, mentre la NATO, dopo aver essere venuta a conoscenza della lettera, ha convocato una riunione straordinaria nei Paesi Bassi per discutere della situazione in Libia, come ha scrittto il giornale “Mirror Specrum”.


“Aisha rappresenta un a minaccia reale visto che è l’unica di tutti i figli del leader libico assassinato che potrebbe influire sull’animo dei cittadini libici”, secondo quanto scrive il portale russo Mir Tesen.
“Aisha, con la natura materna che è propria delle donne arabe, sarebbe capace di difendere i “suoi figli” del popolo libico.

Educata alla Sorbona, Aisha già ha annunciato ” la creazione di un Governo occulto in Libia e fuori delle sue frontiere”, ha spiegato il Mirror Spectrum.
Prima che avvenisse il colpo di Stato per opera dei servizi di intelligence della NATO nel paese arabo, circolavano voci sull fatto che precisamente la “Cindy Crawford ” dell’Africa del Nord, potesse dirigere la nazione libica dopo la morte del padre.
Aisha era sempre elegante e vestita alla moda, fino a quando nel 2011 ha voluto cambiare la sua immagine e si è posta il velo islamico come abbigliamento tradizionale del suo paese. In questo modo ha cercato di avvicinarsi al suo popolo e protestare contro l’aggressione dell’Occidente.

Dopo che la capitale libica di Tripoli fu conquistata dai ribelli appoggiati dalla NATO, Gheddafi ordinò ad Aisha di fuggire dal paese. Può essere che la morte di suo padre non sia stata l’unica ragione per cui Aisha nutra desiderio di vendicarsi.  Nei bombardamenti effettuati dalla NATO in Libia nel 2011,  la donna perse anche suo marito ed uno dei suoi figli.

Nota: Aisha potrebbe impersonare il desiderio di rivalsa del suo popolo che ha subito la distruzione ed i bombardamenti delle potenze occidentali che hanno utilizzato i gruppi terroristi di al-Qaeda per attivare l’insurrezione armata nel paese e che hanno poi utilizzato alcuni di questi stessi gruppi per il programma di aggressione alla Siria.
La Libia, prima dell’intervento NATO era il paese più prospero del Nord Africa, come attestato anche dall’ONU, ed aveva un programma di aiuti e di sostegno alle famiglie (casa, energia, borse di studio, assistenza, ecc.) superiore al livello di welfare di molti paesi europei. Vedi: Cose che non sai della Libia di Gheddafi

L’aggressione della NATO,  sulla base di falsi pretesti, ha destabilizzato il paese, ha creato morte, distruzione, guerra fra bande, fame e disperazione fra i libici. L’intervento occidentale ha fatto sorgere il terrorismo radicale e gruppi di mafia dediti al il traffico di migranti diretti verso l’Italia. Un “capolavoro” dei paesi occidentali con partecipazione attiva  dell’Italia che adesso ne subisce tutte le nefaste conseguenze.

Fonte: Sputnik Mundo

Traduzione e note: L.Lago

*

code

  1. Giorgio 3 mesi fa

    La signora Aisha può rivolgersi alla coppia Obama ed a quella Clinton per le sue rimostranze, successivamente a quella Sarkozy con la nostra Carla, poi a quella Camerun, ed infine al maniaco sessuale brianzolo e chiedere i danni di guerra visto che è un pluri-miliardario in euro e come conguaglio alla coppia Napoletano.
    Logicamente ha tutta la mia solidarietà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mardunolbo 3 mesi fa

    ah,ah,ah ! “il maniaco sessuale brianzolo…” ! Beh, è definito bene ! Vero è che ha negato il supporto aeroportuale italiano per i bombardamenti, ma una reazione più vistosa, sarebbe stata doverosa non solo per i rapporti che c’erano tra lui e Gheddafi, ma anche in onore e difesa degli interessi delll’Italia.
    Ma impossibile chiedere simili cose ad uno che si umiliò al senato americano omaggiandolo di rispetto per aver mandato i soldati (2 guerra mondiale) a “liberarci” ! Da chi ? dall’essere liberi dalla schiavitù del grande capitale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 3 mesi fa

    Se qui c’è la manina di Putin la scuola scacchistica russa ha un nuovo maestro
    Ma anche senza se , vediamo le reazioni Delle parti in causa ,ma il nostro
    Ex KGB pare che stia allargando lo scacchiere di Gioco
    Voi mettete il naso nell ex URSS?
    Io lo metto non solo in medio Oriente ma anche in nord Africa
    Dalla boiata nato in Ucraina in poi ,Putin ha risposto con pari moneta.
    Solo che lui ha il vantaggio di muoversi senza dover accordare l orchestra
    Poveri nanetti nato ,persa la Turchia , c’è da aspettarsi che si muova anche
    Verso l’ Egitto già siamo agli accordi militari con la Giordania.
    La cui monarchia e bene ricordarlo ai tempi della linea sikes picot
    Fu relegata in Giordania mentre sperava di avere ben altro in Arabia
    Turchia , Iran,Siria, Libano,Giordania,Egitto?Libia?
    Rimarrà Bibi con al fianco gli sceicchi pro Isis ,e ciuffobello?
    La cosa si fa interessante,e tutto grazie all’ idiozia nato che ha pensato
    Che Putin restasse brache in mano dopo la geniale trovata del golpe
    Ucraino ,banda di dementi psicopatici,fossi in Putin penserei addirittura
    Ad un programma di aiuti umanitari in Grecia che per lui sarebbero spiccioli
    Stessa fede religiosa,e paese distrutto dalla politiche europee
    Poi c’è anche il Kossovo che la nato continua a fomentare,e li che farà Putin?
    Lascerà la Serbia da sola come ai tempi di Eltsin?
    Pensa la nato di ricevere appoggi dall’ Ungheria di orban?
    Dalla Romania?
    Solo gli ex ustascia croati garantirebbero collaborazione
    Nani dementi servi idioti e il minimo che si possa
    Dire dei politici nato/europei,un bimbino
    Di sette anni con un po’ di esperienza di Risiko
    Avrebbe più giudizio di loro
    Maledetto sia chi continua a votare pd maledetti siano quei
    14 000 idioti che hanno già firmato l’ appello della Boldrini
    Per censurare le notizie in rete ,col pupone Totti Amendola ,e Fiorello
    In primis ,a seguire tutto il resto amen.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Christian 3 mesi fa

    Forza Aisha, forza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace