"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

A. Weber (ex-Bundesbank) e K. Rogoff: “L’Euro gigantesco errore di proporzioni storiche, presto verrà attaccato dai mercati”

Davos Forum

Riportiamo questo articolo da “Voci dall’estero” : Gli esperti di Davos che non vanno sui nostri giornali:  “l’eurozona è paralizzata, l’euro un errore gigantesco”

Come riporta Evans-Pritchard sul Telegraph, l’ex capo della Bundesbank Axel Weber si aspetta quest’anno nuovi attacchi dei mercati all’eurozona e l’economista Kenneth Rogoff  dice che l’euro è stato un “gigantesco errore di proporzioni storiche”.

Un manipolo di super esperti a Davos ha raffreddato gli entusiasmi di chi sostiene che la crisi europea sia finita, avvertendo che l’eurozona rimane bloccata in una trappola del debito dovuta alla bassa crescita e rischia di essere relegata ai margini dell’economia mondiale dagli Stati Uniti e dalla Cina.
Axel Weber, l’ex capo della Bundesbank tedesca, ha detto che il disordine di fondo continua a fare danni e che quest’anno probabilmente l’eurozona dovrà affrontare un nuovo attacco dei mercati.
“L’Europa è sotto scacco. Sono ancora veramente preoccupato. La situazione dei mercati è migliorata, ma non l’economica reale della maggior parte dei paesi”, ha detto al World Economic Forum di Davos.

Max Weber

Weber, ora presidente di UBS, ha detto che gli stress test della BCE sulle banche che si terranno a novembre rischiano di provocare un nuovo panico sul debito sovrano, riattivando la crisi nei paesi del Mediterraneo.
“I mercati stanno ora sottovalutando i rischi, specialmente in periferia. Mi aspetto che alcune banche non riescano a passare i test nonostante la pressione politica. Non appena questo diventerà evidente, ci sarà una reazione finanziaria nei mercati,” ha dichiarato.
Il professore di Harvard, Kenneth  Rogoff,  ha detto che il lancio dell’euro è stato un “errore gigantesco di proporzioni storiche, realizzato troppo presto“, che ora richiede un grado di unione fiscale e un fondo comune di risoluzione bancaria per poter funzionare, ma i leader dell’UEM ancora si rifiutano di intraprendere queste azioni.
“La gente non parla più del crollo dell’euro, ma la disoccupazione giovanile è davvero tremenda. Non è possibile lasciare andare questa tempesta per altri cinque anni,” ha dichiarato.
Rogoff ha detto che l’Europa sta sperperando la “risorsa scarsa” della sua gioventù, che sarebbe estremamente necessaria per dare forza a una società che invecchia a causa della crisi demografica.
Mentre l’Europa ha ancora grandi competenze tecnologiche e un ordinamento giuridico che è l’invidia di molti mercati emergenti, ora rischia di perdere terreno come primo attore dell’economia globale.
“Se queste potenzialità tecnologiche non vengono realizzate, l’Europa si sveglierà, come Rip Van Winkel, da un lungo sonno di tipo giapponese, ritrovandosi ad essere una parte molto più ridotta e molto meno importante dell’economia mondiale.”
Rogoff ha detto che le ristrutturazioni dei debiti della periferia dell’UEM “alla fine si faranno”, ma più a lungo i leader lasceranno degenerare la crisi con mezze misure, peggiori saranno i danni per la società europea una volta che le ristrutturazioni saranno divenute inevitabili.
Weber, che si è dimesso dalla Bundesbank e dalla BCE per una divergenza riguardo alla strategia sulla crisi del debito dell’eurozona, ha detto che le nuove regole di “bail-in” per gli obbligazionisti delle banche dell’eurozona porteranno gli investitori ad agire in via preventiva con l’obiettivo di evitare grandi perdite, prima che la BCE renda pubblici i risultati dei test: “Potrebbe accadere che gli speculatori non aspettino fino a novembre, ma scommettano prima su chi vince e chi perde”.Il pericolo è che i guai delle banche riaccendano i riflettori su quegli Stati sovrani che non possono facilmente permettersi di sostenere i loro sistemi bancari. Anche se non si nomina esplicitamente nessun paese, quelli considerati vulnerabili sono Spagna, Italia e Portogallo. Anche l’Irlanda può essere nuovamente a rischio, con un rapporto debito/PIL del 125%. “Questa è la questione chiave di quest’anno”, ha detto.
Weber ha avvertito i leader dell’UE di non farsi “pericolose illusioni” o di indulgere in autocompiacimenti sulla ripresa. “La situazione sembra migliore di quella che è. La ripresa è troppo debole per generare posti di lavoro. Il punto non è se le cose stanno migliorando: i livelli di crescita, occupazione e PIL sono molto peggiori rispetto a prima della crisi,” ha dichiarato.
Ha detto che stare a guardare se la Germania fa meglio della Francia è in realtà una distrazione, poiché tutta l’UEM sta andando male. “Il vento tira nella direzione degli Stati Uniti e della Cina. C’è un mondo intero là fuori che è più competitivo,” ha detto.
Sir Martin Sorrell, capo del WPP inglese, ha detto che l’Europa sta soccombendo a un nuovo ordine mondiale dominato da un “G2″ composto da USA e Cina, fiancheggiato dalle economie emergenti dei BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) e dai Prossimi Undici.  “Gli Stati Uniti e la Cina diventeranno le due economie dominanti, a meno che l’Europa non cambi,” ha detto.
La Francia è ancora “sul lato discendente della parabola” e anche se la Spagna si sta riprendendo, questo non è sufficiente per scongiurare una crisi politica derivante dalla massiccia disoccupazione giovanile (57%). “La tecnologia ora è nemica dei lavoratori, quindi la disuguaglianza e la disoccupazione peggioreranno” ha detto.
Sir Martin ha detto  che l’Eurozona sta perseguendo una “curva di Phillips” – la forbice tra disoccupazione e inflazione – all’inverso: come se stesse testando “quale livello di disoccupazione è disposta a tollerare pur di avere inflazione zero”.
Pierre Nanterme, presidente e amministratore delegato di Accenture, ha detto che l’Europa sta perdendo la grande battaglia per la competitività e rischia una spirale negativa, dove gli oneri del debito al 100% del PIL impediscono ai governi di rilanciarsi investendo in competenze  e tecnologia.
Nanterme ha dichiarato che l’Europa sta perdendo ulteriore terreno, mentre gli Stati Uniti si avvalgono di energia a buon mercato e investono in tecnologia  all’avanguardia. “La posta in gioco è molto alta. Se in 12-24 mesi non si avrà un cambiamento radicale per spezzare il circolo vizioso, potremmo avere non solo 5 o 10, ma 20 anni di bassa crescita in Europa,” ha  detto.
Rogoff ha detto che sarebbe molto più facile per l’Europa reagire se il tasso di cambio euro/dollaro fosse a 1,10 anziché a 1,35, in rialzo dell’8% negli ultimi 18 mesi.
Weber replica che l’euro scenderà di valore appena la stretta della Federal Reserve e di altre banche centrali lasceranno l’Europa da sola come la nota fuori dal coro. “La BCE ha l’esigenza di fare una politica monetaria accomodante. Tra un anno o due, la differenza di politica monetaria diventerà evidente a tutti,” ha detto.
Per allora, potrebbe essere troppo tardi.

Fonte: Voci dall’Estero

*

code