"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

A Parigi vince l’ideologia massonica ed anticristiana anche nei Tribunali della Repubblica

femen-notre dame

LE FEMEN PROFANANO A SENO NUDO NOTRE-DAME A PARIGI, MA IL GIUDICE LE ASSOLVE E CONDANNA I CUSTODI CHE LE HANNO ACCOMPAGNATE FUORI DALLA CATTEDRALE

Hanno danneggiato una campana antica, urlato slogan contro il Papa, offeso il cristianesimo  Vedi video:  Youtubewatch

E’ vero: sono state incredibilmente assolte! Le nove “Femen”, che il 12 febbraio dell’anno scorso fecero irruzione a seno nudo nella Cattedrale di Notre-Dame, a Parigi, urlando di non voler più il Papa e prendendo a bastonate una campana ricoperta d’oro, sono state assolte. Inaudito.

Ma buona parte della colpa è da attribuirsi alla pavidità dell’accusa, al fatto cioè che i rilievi mossi fossero tiepidi, flebili, quasi sommessi, all’incapacità – purtroppo alquanto diffusa in casa cattolica – di far la voce grossa e di chiamar le cose col loro nome. Lo ha confermato sul quotidiano Le Figaro Julie Graziani, portavoce dell’Unione per il bene comune, un’associazione di giovani laici cattolici. Per la quale l’ipotesi di reato è stata assolutamente mal formulata: non parlare di profanazione del luogo sacro e di vilipendio della religione, limitandosi a sollevare soltanto una questione di degrado dei beni materiali significa sbagliare totalmente il bersaglio e creare le premesse dell’assoluzione poi avutasi, distogliendo al contempo l’attenzione dalla gravità dell’accaduto.

INCITAMENTO ALL’ODIO RELIGIOSO

Quali categorie giuridiche si sarebbero dovute invece attivare, per ottenere una condanna o quanto meno smascherare eventuali tentazioni cristianofobiche in aula? Innanzi tutto, l’incitamento all’odio religioso, che rappresenta una forma particolare di incitamento all’odio razziale, secondo quanto stabilito dalla legge del primo luglio 1972. Le Femen hanno dato il massimo risalto mediatico possibile al loro blitz, filmandolo, fotografandolo e diffondendolo su Internet: il reato ha assunto quindi anche l’aggravante della pubblica ingiuria. Che nessuno ha mai contestato.

Viceversa la decisione assunta dal Tribunale penale di Parigi nella laica, anzi laicistica Francia non stupisce: è coerente con le premesse socio-culturali proprie di una società ultra secolarizzata e sostanzialmente rivelatasi in infinite occasioni anticristiana. Il giudice, di fronte alla debolissima linea seguita dal pubblico ministero, ha avuto ogni possibile buon gioco nel sostenere l’insostenibile, giungendo all’irrisione, ritenendo ad esempio da provare che i danni riportati dalla campana siano attribuibili ai violenti colpi inferti dalle scatenate donne, nonostante, prima del loro arrivo, il manufatto godesse di ottima salute.

SENTENZA INCREDIBILE
Ma non solo […] i sorveglianti della Cattedrale, che le accompagnarono ovviamente fuori dal luogo sacro a forza, sono stati condannati per violenze con sanzioni di 300, 500 e 1.000 euro. La loro “colpa” sarebbe quella di averle strattonate con una pressione ritenuta “eccessiva”: unica “concessione” loro accordata è stata la sospensione della pena.

Il significato mediatico di tutto questo, secondo Graziani, «è eloquente». E sostanzialmente inutile appare stupirsene. Meglio sarebbe ora battersi, perché finalmente anche in campo giuridico «anche i Cattolici venissero tutelati dalla legge nella libertà di culto e di coscienza contro gli estremismi carichi di odio», come quello compiuto dalle Femen a Notre-Dame. Ma, per riuscirvi, occorre dire pane al pane e vino al vino, non esercitarsi in acrobazie lessicologiche, che nulla c’entrano ed alla fine è più ciò che tacciono di ciò che affermano.

La giacobina sentenza ovviamente ha scoraggiato le vittime di atti cristianofobici, sentitesi impotenti e col morale a terra. Ha stupito l’opinione pubblica ed al contempo ha ringalluzzito le responsabili della sacrilega ed oltraggiosa irruzione a compiere altre “prodezze” analoghe, stante l’immunità e l’impunibilità di cui evidentemente paiono godere nell’immaginario collettivo della Giustizia francese. Tanto da dirsi già minacciosamente pronte a fare il bis. Un ben triste epilogo. Che tuttavia poteva essere evitato o, quanto meno, arginato. Un’eventuale prossima volta (sperando e pregando che non vi sia) i Cattolici sapranno fare i Cattolici?

Nota di BastaBugie: viene da pensare che se uno volesse rigare l’auto a un suo superiore, basterebbe gridare “Mai più Papa” e mostrare il seno per essere sicuri di farla franca davanti al giudice…
Si può vedere il filmato con l’azione delle sex-tremiste a Notre Dame al termine di questa nota, ma prima ecco l’inizio dell’interessante articolo di Nicoletta Tiliacos pubblicato su Il Foglio l’11 Settembre 2014 con la notizia dell’assoluzione delle Femen:
Cronache di ordinaria cristianofobia. In Francia, le nove Femen che il 12 febbraio del 2013, per festeggiare la rinuncia di Benedetto XVI, avevano fatto irruzione a Notre Dame – come al solito a seno nudo, al grido ritmato di “mai più Papa!”, si erano accanite a bastonate su un’antica campana coperta di lamina d’oro, esposta in occasione degli ottocentocinquant’anni della cattedrale – sono state assolte ieri dal Tribunale penale di Parigi. In compenso, i guardiani della cattedrale che avevano tentato di fermarle sono stati condannati a varie ammende, dai trecento ai mille euro, perché avrebbero usato modi troppo spicci. Comprensibile la soddisfazione delle Femen, la cui leader, Inna Shevchenko, ha cinguettato: “Cari cattolici, cara Notre Dame, caro Dio, Femen ha vinto il processo. Il tentativo di ottenere la protezione dello stato per la vostra falsa moralità è fallito”.

Fonte: Basta Bugie

*

code

  1. Werner 2 anni fa

    Quelle puttane di Femen sono finanziate dallo speculatore ebreo Soros, ed essendo questi particolarmente potente finanziariamente, risulta certamente dovuto a questo, il fatto che i giudici le abbiano assolte e non abbiano applicato su di esse quella legge del 1972 di cui l’articolo fa menzione.

    Purtroppo, possiamo indignarci quanto vogliamo, ma se non togliamo il potere a quelli come Soros, le cose andranno sempre così e sempre peggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 2 anni fa

      Quelli come Soros sono esattamente quel tipo di personaggi che inviano i loro “consigli” ai governi degli Stati europei e sarà quindi difficile che qualcuno dei governi marionetta della elite finanziaria possa togliere il potere ai vari Soros e quelli come lui. Non facciamoci illusioni: il vero potere passa al di sopra dei governi e degli stati nazionali e ne condiziona le politiche. Le asociazioni come le “Femen” sono centinaia e si muovono dietro finti scopi umanitari o filantropici, in realtà sono lo strumento delle elite di potere per diffondere l’ideologia mondialista e massonica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Werner 2 anni fa

        Esattamente, e quando io scrivo “noi”, non mi riferisco certo ai nostri governi – men che meno quello italiano – ma a noi gente comune, che dalla semplice indignazione di fronte a questi gravi fatti dobbiamo passare alla rivolta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dgero 2 anni fa

    Con tutte le iniziative provocatorie della chiesa di Roma, non possono aspettarsi che azioni del genere. Secondo me invece la sentenza è stata giusta. I beni della Chiesa sono rubati a gente ignorante, loro lo sanno e cercano di tenere il profilo basso. Una bella nazionalizzazione dei beni della Chiesa è proprio quello che servirebbe per rimettere in sesto le casse dei paesi europei.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 2 anni fa

      Lo hanno già fatto nella Storia, in Russia e nei paesi del “socialismo reale”: sequestro dei beni dell Chiesa, persecuzione del clero e dei credenti, imposizione della religione unica dell’ateismo come “religione di Stato”. Idem era successo con la Rivoluzione Francese e l’avvento dei Robespierre. Oggi i tempi sono cambiati e la repressione del cattolicesimo tradizionalista è più subdola: si svolge con l’infiltrazione all’interno della Chiesa e con il travisamento del messaggio cattolico e con la diffamazione degli esponenti del cattolicesimo. Le massonerie sono all’opera ed il loro vecchio sogno è quello di portare i loro simboli (il compasso e l’occhio nella piramide) direttamente all’interno della Chiesa. Tuttavia nella Storia, ad ogni azione corrisponde poi una reazione e chissà che non tocchi poi ai massoni ed agli evangelici delle varie sette subire la stessa sorte magari per mano islamica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace