"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

A FURIA DI EVOLVERSI IL M5S E’ DIVENTATO IDENTICO AL PD. LO STRANO CASO DEL DOTT. DI MAIO

di  Francesco Maria Toscano

Quanto sono lontani i tempi in cui Beppe Grillo, in maniera sibillina, spiegava come il governo Letta fosse condizionato fin dalla nascita da “manine straniere” (clicca per leggere). E come sono lontani i tempi in cui il M5S- da bravo scolaretto- si limitava a recitare il ruolo di “sfogatoio” buono per assorbire e paralizzare il dissenso delle tante vittime di un sistema politico tradizionale violento, nazistoide e perverso.
Oggi le cose sono cambiate. E come insegna il manuale dell’ipocrita perfetto si può dire la verità e difendere gli interessi dei poveri e dei deboli solo stando volutamente all’opposizione; quando si entra nella stanza dei bottoni, invece, bisogna assorbire concetti come “responsabilità” e “moderazione”, termini orwelliani che indicano la disponibilità a garantire continuità sostanziale con il passato fingendo di cambiare tutto solo in superficie.
L’eterno risorgere del Gattopardo insomma. Il Movimento 5 Stelle adesso mostra senza pudori il suo vero volto, passando all’incasso dopo avere per anni fatto diligentemente il “lavoro sporco”.

Il Sistema massonico dominante, quello che controlla giornali come l’Economist (clicca per leggere) o il Financial Times, comincia guarda caso a tessere le lodi dei “grillini”, finalmente pronti all’ingresso nelle stanze del potere previa avvenuta maturazione constatata direttamente dai soliti infallibili incappucciati muniti di grembiule (ovvero manifesta disponibilità nel servire gli interessi della Alta Massoneria e della Alta Finanza).

Da un lato i seguaci del guru Casaleggio negano la tessera ai “massoni paesani” iscritti in qualche innocua loggetta di provincia composta magari perlopiù da tromboni retorici e demodé; dall’altro però non si fanno scrupolo nel vezzeggiare, blandire e baciare l’anello dei massoni che non fanno folklore ma contano per davvero, “iniziati” potenti come quelli che hanno recentemente chiamato a rapporto quel damerino di Luigi Di Maio (clicca per leggere) per istruirlo a dovere e, magari, cominciare a “levigarne la pietra grezza” in vista di una ventilata e prossima ascesa nell’empireo del potere sorretta dall’occhio benevolo del “Grande Architetto” dall’accento inglese (per cogliere l’invadenza anglosassone nella storia recente italiana leggere “Il Golpe Inglese” e “Colonia Italia”).

Questa doppia morale suscita effettivamente schifo e ribrezzo, facendo tornare alla mente esempi del passato non proprio edificanti. Tutti sanno, ad esempio, che in apparenza tanto il fascismo di Mussolini quanto il nazismo di Hitler perseguitarono la massoneria. Pochi sanno invece come tanto il fascismo quanto il nazismo ricevettero cospicui aiuti finanziari da importantissime centrali massoniche sovranazionali, vere levatrici di due fenomeni politici passati alla storia come sublimazione stessa dell’infamia e della vergogna imperitura (Vedi, tra gli altri, Antony C. Sutton, Wall Street and the rise of Hitler).

Oggi il copione si ripropone, validando una volta ancora quella nota profezia di Karl Marx secondo la quale la “la storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa”. Duri, puri e intransigenti con i massoni da dopolavoro ferroviario; servizievoli, carini e accorti con i massoni di spessore. Sinceri complimenti.

Noi del Moralista, a differenza di tanti altri, non possiamo dirci stupiti della parabola assunta dal Movimento 5 Stelle, avendo compreso con discreto anticipo sia il ruolo di Casaleggio (clicca per leggere), che quello di Luigi Di Maio, vero politicante da batteria cresciuto rapidamente con gli estrogeni (clicca per leggere).
La nuova linea del Movimento 5 Stelle prevede quindi la difesa dell’euro e la richiesta di più flessibilità all’Europa, elevando perfino il premier inglese Cameron a modello da imitare (clicca per leggere). Stiamo parlando dello stesso Cameron che in patria distrugge il welfare dei suoi cittadini e all’estero combina guai ammazzando a piacimento dittatori sgraditi alla Gheddafi in compagnia di altri sanguinari personaggi come Hillary Clinton e Nicolas Sarkozy. In conclusione: il Movimento 5 Stelle, a furia di “progredire”, è diventato identico al PD (manca solo che dicano che “ci vuole rigore ma anche la crescita”). La teoria darwiniana sul miglioramento e sull’evoluzione della specie è quindi oggi definitivamente smentita nei fatti. E anche le teorie “spenceriane”, quelle che innalzano il “progresso” a “signore della Storia”, non si sentono tanto bene.

Francesco Maria Toscano

Fonte: Il Moralista

*

code

  1. Max 12 mesi fa

    ok, quindi a questo punto un povero cristo che si trova di fronte alla cabina elettorale a che santo deve rivolgersi secondo voi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 12 mesi fa

      Ci sono ancora “santi” cui rivolgersi? In Europa c’è OVUNQUE l’alternativa del “meno peggio” (reale o apparente): in Francia il Front National, In Spagna, Podemos, in UK, Corbin, in Grecia Alba Dorata, perfino in Germania c’è Alternative, e non parliamo di Ungheria e di Cechia, dove l’alternativa è al potere. Da noi non c’è alcuna alternativa del “meno peggio”, non solo quella reale, ma neppure l’apparente. Tutto il sinistrismo istrionico per cui andavamo famosi nel mondo s’è vaporizzato nella macchina neocon. Senza lasciare residui. Son proprio invece i residui politici del vecchio sistema che possono organizzare eventuali forze d’opposizione. Sono loro che conoscono il know how. Ma son vaporizzati. Perciò, allargando il discorso, vi propongo l’epitaffio di Barnard al suo sito:

      METAFORA PER UN POPOLO TRAGICO

      “LOTTARE PER ATTIVARE IL POPOLO ITALIANO E’ COME INNAFFIARE PILONI DI CEMENTO SPERANDO CHE CRESCANO MARGHERITE. CASCARCI E’ PERDONABILE, INSISTERE E’ DA IDIOTI. E NON CITATE I DETTI DI BRECHT O DI CHE GUEVARA, NON LOTTAVANO PER GLI ITALIANI.”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Brasile domenico 12 mesi fa

      Penso che una bella rivoluzione non
      guasterebbe, certamente questa accozzaglia politicante strapagati per dire solo baggianate la si può trovare anche nel Gambia. Non
      basta più non votare bisogna cambiare solfa
      una volta per sempre da questa accozzaglia
      Di farabutti non eletti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Cro Magnon 12 mesi fa

      perché votare a tutti i costi? I dati di fatto sono questi: tantissimi Italiani si vendono culo e annessi quando possono riempirsi il portafoglio. E non é su questi che puio fare affidamento. Del resto la nostra storia insegna che sempre e solo minoranze agguerrite hanno potuto buttare giù il potere in Italia. L’Italia è un magma piuttosto vile e tutti saltano poi sul carro dei vincitori. Di Gattopardi ce ne sono dal Nord al Sud sempre alla ricerca del potere e di schierarsi. Lo faceva il Gattopardo e lo facevano quei mezzo briganti che assistevano in disparte al primo scontro e battaglia fra i Garibaldini e i Borbonici. Alla domanda su chi diavolo fossero, fra i Garibaldini circolò subito l’avviso che tutta quella gente era solo in attesa di capire chi stava perdendo, per poi buttarglisi addosso in uno col vincitore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fernando Sorrone 12 mesi fa

    Caro Sig Francesco Maria Toscano ” Il Moralista”
    Fermo restando il mio apprezzamento del vostro sito per il lavoro notevole e da me condiviso e seguito, di controinformazione , in un panorama giornalistico nazionale, fatto di bugie e falsità,di giornalisti lecchini e venduti alle Lobby.
    Mi permetto di dissentire da questo articolo sui M5 Stelle. Mi sembra prima di tutto un pò azzardato il paragone con il PD, che si è dismostrato solo un’accozzaglia di affaristi e servitori delle Lobby, non posso accettare il vostro ragionamento molto qualunquista e sprezzante, nei confronti di Di Maio e Dibattista, che potranno forse in un futuro prossimo diventare quello che voi affermate che siano oggi, ma prima di crocefiggerli, diamogli la possibilità, magari di governare !!!!!!!!
    Infine potrete forse avere ragione voi esperti gironalisti, ma a noi comuni mortali italiani, lasciateci almeno l’ultima speranza di credere in un sia pure piccolo cambiamento di questo sistema politico , corrotto e spregevole.
    Noi semplici cittadini e padri di famiglia, vogliamo credere in un futuro migliore per i nostri figli.
    P.S Io non ho la tessera del M5 Stelle sono un semplice padre di famiglia che a 54 anni ho dovuto emigrare per mantenere la famiglia e accontentarmi di vedere crescere i mie figli su Skype e WhatsApp.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. leo 12 mesi fa

    Leggevo volentieri e quotidianamente gli articoli del vs sito, il contenuto dei quali é quasi sempre condivisibile.
    Poi é apparso questo articolo delirante di tale ° toscano° ( basta il nome a qualificarlo) e mi sono cadute le braccia.
    Ospitare questo genere di troll che hanno il compito di mistificare la realtá, é grave e deleterio, perché si consente
    ad un imbecille qualsiasi di allontanare dal sito molti consensi e simpatie che esso si é guadagnato sul campo,
    soprattutto con l´opera meritevole di Luciano Lago e Marco dalla Luna
    La lotta ammirevole condotta dal M5S é sotto gli occhi di tutti. Basta seguire giornalmente i dibattiti parlamentari
    per rendersene conto.
    Non sará certo un citrullo apparso dal nulla e con la predisposizione al cicaleccio, a influenzare il senso critico
    di milioni di simpatizzanti del M5S che lo sovrastano agevolmente in intelligenza e capacitá di giudizio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PieroValleregia 12 mesi fa

    salve
    devo essere onesto, il M5S non mi era piaciuto fin dal suo inizio ma le critiche di questo articolo verso questo movimento non
    mi sembrano “serie” ma, forse (è una mia impressione), dettate da un qualche “risentimento” personale dell’articolista.
    Altro appunto: conosco poco i rapporti dei Nazionalsocialisti con/verso la massoneria ma so abbastanza di quelli di Mussolini
    che la avversava totalmente e la decretò fuorilegge insieme alle altre società segrete.
    E’ altresì vero, e provato, l’appartenenza di vari gerarchi (guarda caso tutti quelli che firmarono l’ordine del giorno del 25 luglio
    per destituire il Duce) alla massoneria internazionale: De Bono, Grandi, Bottai, Ciano per non parlare poi di Badoglio e dello
    stesso Vittorio Emanuele II, gran massoni…
    saluti
    Piero e famiglia
    ps: non voto da tempo immemore; è inutile e dannoso votare per chi, tutti da Pd a sel a Pdl, sono europeisti e antisovranità
    nazionali

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. iangclau 12 mesi fa

    Basta andare nel blog grillo per essere tracciati da più di 85 programmi , un record nessuno nemmeno i siti porno più maledetti hanno una tale virulenza. Presentano sempre le notizie tipo “maio demolisce, coso distrugge pd…ecc.ecc.” Poi aprendo il link, dopo mille pubblicità invasive, riesci forse a leggere e ti accorgi che , demolito cosa? distrutto dove?…. Se fai una minima critica anche rarefatta, ti saltano addosso i mastini da blog, sembra di parlare con quelli dei mirtilli kyani o di erbalife, appena usciti dal corso di indottrinamento al diamante che ti sbranano appena nomini Ponzi . A Imola per dirne una, uno di loro esce sul palco e sfacciatamente dice che i tg dicono che siamo più 20 mila, io dico che siamo più di 40 mila…. Ma dove? al massimo massimo in quel momento 6 o 8 mila. Ecco pure i giornali la sparano ma a loro non basta e giù di balle.

    Rispondi Mi piace Non mi piace