APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

di  Roberto Pecchioli

La contestazione contro le oligarchie transnazionali e i loro terminali politici avanza. Sulla scena politica iberica irrompe Vox, un movimento sovranista e patriottico a cui tutti i sondaggi attribuiscono la conquista di seggi alle elezioni europee dell’aprile prossimo e l’ingresso alle Cortes, il parlamento spagnolo.

La Spagna viva è lo slogan che si è imposto all’attenzione degli elettori. Due imponenti manifestazioni popolari, una a Madrid con oltre diecimila partecipanti, l’altra a Barcellona, hanno consacrato l’ascesa di Vox e del suo fondatore, un basco poco più che quarantenne, Santiago Abascal, figlio di un esponente politico per anni nel mirino dell’Eta, l’organizzazione terrorista assassina attiva per decenni.

Leggi tutto…

SIRIA: A UN ANNO DALLA BATTAGLIA PER RAQQA E STATI UNITI E REGNO UNITO RIFIUTANO DI ACCETTARE LA RESPONSABILITÀ PER LE MORTI CIVILI

Un anno fa gli Stati Uniti guidarono la Coalizione a svolgere un ruolo di primo piano nella battaglia per la conquista della città siriana di Raqqa. Le forze della coalizione hanno effettuato migliaia di attacchi aerei e di artiglieria sulla città che hanno causato centinaia di morti e contribuito a distruggere l’80% della città. Un anno dopo questa guerra di annientamento, i governi degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno completamente negato i crimini di guerra commessi nella battaglia per Raqqa.

Il 10 settembre il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha inviato la sua “risposta finale” ad Amnesty International affermando che gli Stati Uniti si rifiutano di accettare qualsiasi responsabilità per le morti civili causate dai suoi attacchi aerei / artiglieria e che non compenseranno le famiglie dei defunti o dei sopravvissuti. Né gli Stati Uniti sarebbero disposti a indagare sulla massiccia perdita di vite civili causata dal loro sistema di bombardamento  massiccio e indiscriminato  della città.

Leggi tutto…

Dalle polemiche in corso  emerge quali siano i propri interessi, ed è perfettamente normale per gli Stati Uniti sabotare il gasdotto South Stream che avrebbe alimentato l’Austria e l’Italia

La Germania deve consultarsi con i suoi partner europei per quanto riguarda il progetto, ha detto il ministro tedesco  Andreas Michaelis, e ha osservato, come riportato da Reuters, che “certamente non è disposta ad accettare che Washington decida alla fine della giornata che noi tedeschi non dovremmo fare affidamento sul gas russo e che non dovremmo completare questo progetto di gasdotto. “

Leggi tutto…

L’Italia ha scelto un percorso di collisione con l’Europa, dopo aver avvertito che il paese è pronto a imporre un veto sulla ripresa delle sanzioni anti-russe da parte dell’Unione Europea (UE), riporta Daily Telegraph.

Stiamo parlando di una possibile estensione delle sanzioni contro la Russia, introdotte nel 2014 in relazione alla situazione in Ucraina. Le sanzioni comprendono restrizioni finanziarie, congelamento di beni di privati, un embargo sull’esportazione di armi. Il loro periodo di validità scade a gennaio, scrive il quotidiano.

Durante una sua visita a Mosca, Matteo Salvini, il vice primo ministro italiano , ha sostenuto che Roma potrebbe bloccare il rinnovo delle sanzioni che sono state istituite dal 2014 quando la Russia ha annesso la Crimea.

Leggi tutto…

di Enrico Vigna

Il 13 ottobre, una madre e una figlia sono state assassinate dai battaglioni neonazisti della giunta di Kiev a Maryevka, nella Repubblica Popolare di Lugansk.

Il 13 ottobre a seguito di uno dei quotidiani bombardamenti sui civili, di cui nessuno in occidente ormai parla più, alle 17,45 la diciassettenne Anastasiya e sua madre Larisa Kovtun, sono rimaste uccise dai proiettili di un mortaio da 122 mm, sparato dall’area di Zolotoye su Maryevka. Anastasiya è morta per le lesioni da esplosione di proiettile, che ha provocato un trauma cranio cerebrale con danno cerebrale e una ferita da schegge su entrambi i fianchi con i vasi sanguigni lesi. La mamma Larisa è morta per le ferite da esplosione dei proiettili, con una ferita da schegge sul parte sinistra del torace, con danni agli organi interni e ferite da schegge che l’hanno dilaniata sulla coscia sinistra con danni ai vasi sanguigni.

Leggi tutto…

Il ministro degli Esteri russo, Serguei Lavrov, ha accusato gli Stati Uniti di trasferire i componenti del gruppo terrorista dell’ISIS (Daesh in arabo) in Iraq ed in Afghanistan.

“Ogni volta riceviamo più informative circa il fatto che gli statunitensi stanno trasferendo i terroristi del Daesh in Iraq ed in Afghanistan. Sono fatti questi molto allarmanti”, ha dichiarato questo Giovedì Lavrov nel corso di una intervista con RT France, Paris Match e Le Figaro.

Il capo della diplomazia russa afferma che Mosca ha richiesto su tale questione precise spiegazioni agli Stati Uniti, che dirigono la coalizione degli alleati in Siria contro il Daesh.

Leggi tutto…

Il genero del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman stanno comunicando attraverso Whatsapp nel pieno della crisi scaturita dalla misteriosa soppressione di un giornalista dissidente nel consolato saudita in Turchia.

Jared Kushner, che è stato nominato da suo suocero per gestire il Medio Oriente, si è quindi ritirato dal fronte, secondo quanto riferito dalla CNN mercoledì citando fonti anonime.

La potente figura ultra sionista dell’amministrazione Trump sta “sfruttando tranquillamente la sua stretta relazione” con bin Salman mentre i due stati si impegnano nella gestione delle crisi e “si ritirano ai margini quando necessario”.
In parte, il marito di Ivanka Trump sta facendo attenzione a non oltrepassare le competenze del Segretario di Stato Mike Pompeo, un ex capo della CIA che ha appena visitato alti funzionari sauditi e presumibilmente ha ricevuto $ 100 milioni per tacitare lo scandalo .

Leggi tutto…

Dal 2004, questo saggista e giornalista belga gestisce Investig’Action , un sito di notizie alternative recentemente attaccato . La sua critica alla lobby sionista gli è valsa in cambio forti attacchi, a cui quest’ultimo risponde qui.

Sei sospettato di fare propaganda filo-russa e sviluppare teorie cospirative. A cosa rispondi?

Bisogna sempre pensare alla posizione di coloro che formulano critiche. Sapendo che mi oppongo agli interessi delle multinazionali negli Stati Uniti e in Francia e alle loro guerre, è normale per me attaccare. Queste sono spesso etichette senza prove. Ho pubblicato un testo intitolato “Cospirazione, io?” , Dove spiego che è una grande trappola analizzare il sistema economico e sociale per cospirazione.
Nei miei libri, al contrario, dico che siamo vittime di un sistema gestito da multinazionali. Ho parlato di un numero da 2000 a 3000 famiglie con nomi e attività identificabili che dominano l’economia e la società globale. Mi sono sempre opposto all’analisi del complotto. Se alcuni media mi descrivono come tali, è perché hanno paura di discutere con me. Questo è un modo per screditare per salvaguardare le loro posizioni.

Leggi tutto…

Abbiamo iniziato da alcuni giorni una raccolta fondi per consentire al nostro sito, Controinformazione.info, di rimanere attivo e sostenere le spese per la sua gestione.
Siamo operativi da cinque anni nel panorama della controinformazione senza disporre di finanziamenti, senza avere alcuno alle spalle, nessuna banca, nessun partito, nessuna azienda sponsor. Tutto fatto con le nostre forze e la nostra determinanzione a mantenere una voce libera e indipendente.

Chi ci segue fin dall’inizio ha visto come siamo riusciti a conquistare una fetta significativa di lettori in questi cinque anni di lavoro. Grazie a chi ci segue e a chi ci ha sostenuto,  ci apprestiamo adesso a fare un salto di qualità con una nuova veste grafica e con corrispondenti in paesi chiave per le informazioni e le corrispondenze dalle aree di maggior interesse.

Stiamo creando un piccolo staff di traduttori e segnalatori che ci forniscono un contributo prezioso.

Leggi tutto…

Vice Primo Ministro d’Italia Matteo Salvini: “Condoglianze a chi è stato ucciso a Kerch”

Il vicepresidente del governo di Roma ha dichiarato a Mosca che l’Italia ha perso 20 miliardi di euro dalle sanzioni e ha promesso di adoperarsi per revocare le sanzioni

di  EDWARD CHESNOKOV

Pur essendo una visita non ufficiale a Mosca , il vice primo ministro d’Italia Matteo Salvini ha portato condoglianze alle vittime del massacro nella Kerch Polytechnic College.

Leggi tutto…